UNA FAMIGLIA IN TRANS – A LUCCA, IL PADRE DI UNA ADOLESCENTE CON DUBBI SUL PROPRIO GENERE PORTA LA MOGLIE IN TRIBUNALE PER OPPORSI AL CAMBIO DI SESSO DELLA FIGLIA – I GIUDICI HANNO DATO RAGIONE ALLA MAMMA DELLA 17ENNE E AUTORIZZATO LA SOMMINISTRAZIONE DELLA TRIPTORELINA, FARMACO CHE BLOCCA LA PUBERTÀ, GRAZIE A UN RELAZIONE DELL'OSPEDALE "CAREGGI", EFFETTUATA DA UNO PSICOLOGO E UN ENDOCRINOLOGO, MA SENZA LE ALTRE FIGURE NECESSARIE COME UN NEUROPSICHIATRA INFANTILE  - A GENNAIO, L’OSPEDALE ERA FINITO NEL MIRINO PER...

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Estratto dell’articolo di Alessandra Arachi per il “Corriere della Sera”

 

cambio sesso 9 cambio sesso 9

Dall’ospedale Careggi di Firenze al Tribunale di Lucca. È la storia di un’adolescente con dubbi sul suo genere di appartenenza. Ha quindici anni e mezzo all’inizio del processo, quasi diciassette alla fine. In aula i suoi genitori, uno contro l’altro: sua madre voleva che lei prendesse la triptorelina, il farmaco che blocca la pubertà, suo padre si è opposto finché ha potuto. Ha vinto la mamma, grazie ad una relazione del reparto del Careggi che si occupa di disforia di genere.

 

cambio sesso cambio sesso

La sentenza è molto chiara: la mamma chiede ai giudici di autorizzare il farmaco che blocca la pubertà valutato «idoneo per il percorso intrapreso dal minore, come certificato dall’equipe dell’ospedale Careggi». I medici dell’ospedale Careggi hanno deciso che la minore fosse idonea […] dopo una diagnosi fatta in poche settimane: le dottoresse del Careggi, invece, nelle risposte alle interpellanze parlamentari e regionali hanno dichiarato di far passare un anno prima della somministrazione del farmaco.

 

Per confermare la diagnosi di disforia di genere, e poter così dare la triptorelina, ci vuole un’equipe multidisciplinare, nella sentenza si legge che la conferma «è stata effettuata da un ’equipe composta da uno psicologo e un endocrinologo», senza le altre figure necessarie, a cominciare dal neuropsichiatra infantile.

 

cambio sesso 7 cambio sesso 7

[…] La mamma ha vinto, il papà non ha trovato i soldi per ricorrere in appello. In aula ha provato ad opporsi al farmaco terrorizzato dagli effetti che poteva avere su sua figlia. Soprattutto non capiva la fretta di somministrargliela. Quando è stata emessa la sentenza a favore della triptorelina, la ragazza aveva quasi diciassette anni quando, se non conclusa, la pubertà è quasi alla fine. Di sicuro aveva già sviluppato i seni. Uno degli scopi della triptorelina è di non farli crescere per evitare interventi chirurgici dopo. Per lei ormai è già troppo tardi: «Quando sarò maggiorenne voglio fare la mastectomia».

ARTICOLI CORRELATI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…