FERMI TUTTI! MANGIARE VERDURE NON SERVE AD EVITARE LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI - UNO STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI OXFORD SU 400.000 BRITANNICI HA SCOPERTO CHE, CRUDE O COTTE, LE VERDURE NON SPOSTANO IL RISCHIO DI INFARTI O ICTUS - SECONDO GLI ESPERTI I LEGAMI TRA IL CONSUMO DI ORTAGGI E LA SALUTE DEL CUORE E' DOVUTO AL...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

VERDURE SISTEMA IMMUNITARIO VERDURE SISTEMA IMMUNITARIO

Si dice spesso che per vivere una vita lunga e sana è bene mangiare molta verdura. Ma un importante studio del Regno Unito ha scoperto che non serve per scongiurare le malattie cardiache.

 

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno esaminato i dati di 400.000 britannici che sono stati monitorati per 12 anni. Durante questo periodo, 18.000 hanno avuto gravi problemi cardiaci come infarto e ictus.

 

Ai partecipanti è stata chiesto quante verdure mangiavano ogni giorno e questo dato è stato poi confrontato con i tassi di malattie cardiache. Nel complesso, il gruppo che aveva mangiato più verdure crude aveva il 15% di probabilità in meno di soffrire di malattie cardiache rispetto a quelli che ne avevano mangiate meno. Nessuna differenza è stata riscontrata per le verdure cotte.

 

VERDURE CRUDE 2 VERDURE CRUDE 2

Non appena sono stati inseriti altri fattori, come la ricchezza e lo stile di vita, il vantaggio guadagnato dal gruppo che mangiava verdura cruda si è ridotto a zero.

 

Qualsiasi legame tra il consumo di verdure e la salute del cuore è dovuto al fatto che coloro che mangiano molto tendono a essere più sani in altri aspetti della loro vita, secondo un rapporto sulla rivista Frontiers of Nutrition.

 

MANGIARE VERDURE 2 MANGIARE VERDURE 2

La ricerca ha esaminato i dati del NHS di 399.586 adulti del Regno Unito con un'età media di 56 anni. L'assunzione giornaliera di verdure totali era di cinque cucchiai colmi a persona.

 

Tuttavia, il coautore, il dottor Ben Lacey, ha affermato: «Avere una dieta equilibrata e mantenere un peso sano rimane una parte importante del mantenimento di una buona salute e della riduzione del rischio di malattie importanti, inclusi alcuni tumori».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA VITA D’AZZARDO DI PETER SHILTON – IL LEGGENDARIO PORTIERE DELLA NAZIONALE INGLESE E’ STATO PER 45 ANNI DIPENDENTE DALLE SCOMMESSE. “QUANTO HO PERSO? NON LO SO. MILIONI. SOLO CON UNA SOCIETÀ HO SPESO PIÙ 950.000 EURO” – A SALVARLO E’ STATA LA MOGLIE CHE RIVELA: "PENSAVO AVESSE UN’ALTRA: USCIVA SPESSO DALLA STANZA PER USARE IL TELEFONO, ERA MOLTO MISTERIOSO. UNA NOTTE, PERÒ, L’HO TROVATO A…" - GLI ESTRATTI CONTO CON USCITE DA 20MILA EURO SOLO PER LE SCOMMESSE E L’ABORTO SPONTANEO PER LO CHOC...

cafonal

viaggi

salute