FERMI TUTTI! RITARDARE LA SECONDA DOSE DEL VACCINO AIUTA A RIDURRE LE MORTI DI UN QUINTO - LO SOSTIENE UNO STUDIO AMERICANO PUBBLICATO SUL "BRITISH MEDICAL JOURNAL": "POTREBBE ESSERE LA STRATEGIA OTTIMALE PER LA MAGGIOR PARTE DEI PAESI" - IL REGNO UNITO A GENNAIO AVEVA DECISO DI SPOSTARE LA SECONDA DOSE DA TRE SETTIMANE A TRE MESI: "UN INTERVALLO PIU' LUNGO MIGLIORA L'AMPIEZZA E LA PROFONDITA' DELLA RISPOSTA IMMUNITARIA"

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal DailyMail

roberto speranza 2 roberto speranza 2

 

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha rivelato in che modo i tassi di mortalità cambiano quando la seconda dose del vaccino viene somministrata oltre il tempo raccomandato.

 

Secondo le stime degli scienziati le morti si sarebbero ridotte di un quinto se il richiamo fosse stato posticipato oltre le tre settimane.

 

I risultati dello studio I risultati dello studio

Gli scienziati della Mayo Clinic, una catena di centri medici degli Stati Uniti, che hanno condotto la ricerca, hanno detto che ritardare le dosi è la strategia più efficace per la maggior parte dei paesi.

 

A gennaio, il Regno Unito ha deciso di spostare la seconda dose di vaccino da tre settimane a tre mesi nel tentativo di superare la seconda ondata di Covid. All'epoca la scelta è stata combattuta perché la maggior parte degli studi sui vaccini aveva valutato la loro sicurezza ed efficacia solo quando le dosi erano distanziate di 21 giorni.

 

Vaccini giappone Vaccini giappone

Nell'ultimo studio, i ricercatori hanno eseguito un modello di simulazione, attingendo a dati del «mondo reale». Hanno esaminato una serie di scenari per un periodo di sei mesi e il modo in cui questi hanno impattato su infezioni, ricoveri ospedalieri e decessi.

 

I risultati parlano chiaro: più un vaccino è efficace alla prima dose (80% o oltre), più la strategia ritardata risulta ottimale.

 

I ricercatori hanno stimato che la politica potrebbe prevenire tra 47 e 26 morti ogni 100.000 persone, a seconda della velocità con cui i paesi somministrano le dosi. 

 

produzione vaccini 6 produzione vaccini 6

Per i vaccini con un'efficacia del 90% o superiore dopo una dose, i paesi potrebbero ridurre i tassi di mortalità da 226 per 100.000 a 179 (20%) se ritardassero la seconda iniezione. Con i vaccini che sono efficaci all'80% dopo la prima dose, il tasso di mortalità potrebbe ridursi da 233 a 207 (11%). Per quelli con un'efficacia della prima dose del 70%, non ci sono state differenze misurabili.

 

L'autore principale dello studio, il professor Thomas Kingsley, esperto di medicina presso la Medicine Mayo Clinic, ha dichiarato: «L'esitazione nel ritardare la seconda dose è comprensibile, dati i limiti di qualsiasi disegno di studio che non sia uno studio randomizzato».

 

Vaccini brevetto Vaccini brevetto

«Tuttavia, il nostro modello può fornire stime delle differenze relative tra queste strategie che possono essere utili nel prendere decisioni politiche». «È importante sottolineare che i nostri risultati suggeriscono che questa potrebbe anche essere la strategia ottimale per prevenire i decessi in determinate condizioni».

 

Peter English, ex presidente del comitato per la salute pubblica della British Medical Association, ha dichiarato: «È diventato chiaro che, mentre il collo di bottiglia era la disponibilità del vaccino, si potevano salvare molte più vite e impedire i ricoveri in ospedale e in terapia intensiva, fornendo una dose a quante più persone possibile, in particolare quelle a più alto rischio di ammalarsi gravemente di Covid, prima di somministrare le seconde dosi.

 

vaccini personale scolastico vaccini personale scolastico

«Questo è stato alla base della decisione del Regno Unito di ritardare la seconda dose fino a 12 settimane, e si è dimostrata altamente efficace.

 

«Sono state espresse preoccupazioni sulla mancanza di prove di efficacia se l'intervallo di prime-boost fosse stato prolungato ritardando la seconda dose. Queste preoccupazioni sono fuori luogo. Tutto quello che già sapevamo sui vaccini ci dice anche che un intervallo di prime-boost più lungo migliora l'ampiezza e la profondità della risposta immunitaria, fornendo un'immunità più duratura che probabilmente fornirà una maggiore protezione incrociata contro i ceppi varianti».

 

boris johnson in conferenza stampa boris johnson in conferenza stampa

«C'è relativamente poca conoscenza su questo aspetto specificamente correlato ai vaccini Covid, sebbene i dati che abbiamo visto siano coerenti con questo».

 

La decisione di ritardare le dosi ha permesso al Regno Unito di realizzare uno dei programmi di vaccinazione di maggior successo al mondo. La decisione è stata presa allo scoppio della variante Kent altamente infettiva, che ha fatto precipitare il paese in un terzo blocco nazionale e ha provocato ancora più morti e ricoveri rispetto alla prima ondata.

 

Più di 35 milioni di britannici - oltre la metà dell'intera popolazione - hanno già ricevuto almeno una dose e altri 18 milioni sono stati completamente vaccinati.

 

boris johnson boris johnson

Un'importante analisi della Public Health England all'inizio di questa settimana ha rilevato che una singola dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca riduce le morti dell'80%.

 

La revisione del lancio del vaccino in Gran Bretagna ha anche scoperto che il vaccino Pfizer riduce i decessi del 97% dopo due dosi. Tali dati non sono ancora disponibili per AstraZeneca.

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

DAGO RETROSCENA - DA TEMPO JOHN ELKANN AVEVA PROVATO A FAR CAPIRE AL CUGINO ANDREA (E ALLA MADRE ALLEGRA) CHE IL CAPOLINEA ERA ARRIVATO CON L’INDAGINE DELLA PROCURA DI TORINO: DIMETTITI, CORRI IL RISCHIO DI ESSERE ARRESTATO. IL NIPOTE DELL’AVVOCATO NON POTEVA CREDERCI: IO SONO UN AGNELLI… - POI, VIA PROCURA, TUTTO È PRECIPITATO. NON ERA INFATTI IERI LA GIORNATA GIUSTA, LE DIMISSIONI DOVEVANO AVVENIRE DOPO I MONDIALI. LA SCELTA DI SCANAVINO NE È LA PROVA: UNA SOLUZIONE TEMPORANEA VISTO CHE L’ALTER EGO DI ELKANN È STRAIMPEGNATO CON LA GEDI

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute