LE FORZE RUSSE CHE OCCUPANO LA CENTRALE NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA NEL SUD-EST DELL'UCRAINA SI STANNO PREPARANDO A COLLEGARE LA CENTRALE ALLA CRIMEA, ANNESSA DA MOSCA NEL 2014, E LA STANNO DANNEGGIANDO RIORIENTANDO LA SUA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ - IL PIANO È DI DANNEGGIARE TUTTE LE LINEE DELLA CENTRALE NUCLEARE E DI TOGLIERE IL COLLEGAMENTO AL SISTEMA ELETTRICO UCRAINO - IL PRESIDENTE DI ENERGOATOM PETRO KOTIN: “SI POTREBBE AVERE UN DISASTRO PER LO SCIOGLIMENTO DEI MATERIALI NUCLEARI"

-

Condividi questo articolo


carro armato russo alla centrale nucleare di zaporizhzhia carro armato russo alla centrale nucleare di zaporizhzhia

(ANSA) - Le forze russe che occupano la centrale nucleare di Zaporizhzhia nel sud-est dell'Ucraina si stanno preparando a collegare la centrale alla Crimea, annessa da Mosca nel 2014, e la stanno danneggiando riorientando la sua produzione di elettricità: il loro piano è di danneggiare tutte le linee della centrale nucleare e di togliere il collegamento al sistema elettrico ucraino". Lo ha affermato l'operatore ucraino Energoatom, citato dal Guardian.

 

Il presidente di Energoatom Petro Kotin ha spiegato alla tv ucraina che i militari russi dentro l'impianto nucleare di Zaporizhzhia stanno attuando il programma dell'operatore russo Rosatom: per collegare la centrale alla rete elettrica della Crimea è necessario prima danneggiare le linee elettriche dell'impianto collegato al sistema energetico ucraino. Dal 7 al 9 agosto i russi hanno già danneggiato tre linee elettriche.

 

soldato russo centrale nucleare di zaporizhzhia soldato russo centrale nucleare di zaporizhzhia

Al momento, l'impianto funziona con una sola linea di produzione, 'un modo di lavorare estremamente pericoloso'. 'Quando l'ultima linea di produzione viene disconnessa, l'impianto sarà alimentato da generatori a gasolio. Tutto dipenderà quindi dall'affidabilità dei generatori e dalle scorte di carburante". Ma "il processo di interruzione di aslimentazione dell'impianto in preparazione al collegamento con la Russia sarebbe estremamente pericoloso", ha avvertito Kotin.

 

centrale nucleare di zaporizhzhia centrale nucleare di zaporizhzhia

"Alla centrale di Zaporizhzhia siamo già molto vicini a questa prima fase di Fukushima-1 , perché c'è solo una linea. Non appena viene spenta, la stazione passerà al diesel, dopodiché tutto dipenderà dall'affidabilità del loro lavoro e dalla sufficienza del carburante disponibile per i motori diesel presso l'impianto".

 

" Questa è una situazione pericolosa, perché si potrebbe avere un disastro per lo scioglimento dei materiali nucleari", ha dichiarato Kotin alla Cnn, "se non c'è connessione alla rete, non è possibile fornire elettricità dall'esterno, quindi si avviano i generatori diesel. Ma tutto dipenderà dall'affidabilità di quei generatori", ha detto, confrontando le potenziali ricadute con il disastro di Fukishima in Giappone. "Se la situazione peggiora, dobbiamo pensare alla nostra popolazione nello stabilimento. Stiamo pianificando come, in condizioni di guerra, potremo evacuare il personale. Da lì potrebbe verificarsi un grande rilascio di radioattività. Potrebbe esserci una nuvola radioattiva", ha concluso.

centrale nucleare di zaporizhzhia5 centrale nucleare di zaporizhzhia5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

I DELLA VALLE FANNO L'OPA MA I SOLDI LI METTONO LE BANCHE – INCASSATO L'OK DELLA CONSOB LUNEDÌ LA FAMIGLIA DELLA VALLE FARÀ PARTIRE UN’OPA A 40 EURO AD AZIONE PER IL DELISTING DI TOD’S – L’OPERAZIONE AVRÀ UN COSTO DI 388 MILIONI E, A COPERTURA DEL FABBISOGNO FINANZIARIO, LA HOLDING DELLA VALLE HA SOTTOSCRITTO UN PRESTITO CON BNL, CREDIT AGRICOLE E DEUTSCHE BANK PER 420 MILIONI DI EURO - IL DELISTING PORTERÀ ALLA CREAZIONE DI PIÙ SOCIETÀ AD HOC PER CONTROLLARE I SINGOLI MARCHI...

cronache

sport

cafonal

LUCIO FOREVER – ARRIVA A ROMA LA MOSTRA ITINERANTE “LUCIO DALLA. ANCHE SE IL TEMPO PASSA” NEL DECENNALE DELLA SCOMPARSA DEL CANTAUTORE – ESPOSTI APPUNTI, DIARI, CAPPELLI, OCCHIALI, IL MITICO CLARINETTO, POSTER, DISCHI – ALLA PRESENTAZIONE CARLO VERDONE HA RICORDATO L’AMICIZIA NATA CON “BOROTALCO” E RENZO ARBORE HA RACCONTATO DI QUANDO, A 7 ANNI, HA FATTO DA BALIA  A DALLA: “SONO IL PIÙ ANTICO AMICO DI LUCIO. PER ME È STATO IL FIGLIO DELLA SIGNORA MELOTTI, LA MODISTA AMATA DA MIA MADRE...”

viaggi

salute