GAME OF DRONES – I DRONI KILLER, SEMPRE PIÙ UTILIZZATI SUL FRONTE UCRAINO, SONO DIVENTATI DI FACILE REPERIMENTO ANCHE PER I PAESI MENO RICCHI – “THE ECONOMIST”: “È IN ATTO LO SPOSTAMENTO VERSO ARMI PICCOLE, ECONOMICHE E USA E GETTA E LA DERIVA VERSO L'AUTONOMIA IN BATTAGLIA. I DRONI, ADATTATI ALLA TECNOLOGIA DI CONSUMO ESISTENTE, SI DIFFONDERANNO RAPIDAMENTE DAGLI ESERCITI ALLE MILIZIE, AI TERRORISTI E AI CRIMINALI...”

-

Condividi questo articolo


Articolo di “The Economist” – dalla rassegna stampa estera di Epr comunicazione

 

drone drone

Le armi a guida di precisione sono apparse per la prima volta nella loro forma moderna sul campo di battaglia in Vietnam poco più di 50 anni fa. Da allora le forze armate hanno cercato di ottenere precisione e distruttività, ma il costo di queste armi è aumentato. I proiettili d'artiglieria a guida GPS americani costano 100.000 dollari ciascuno. Poiché le armi intelligenti sono costose, sono scarse. Per questo motivo i Paesi europei le hanno esaurite in Libia nel 2011.

 

Israele, più desideroso di conservare le proprie scorte che di evitare danni collaterali, ha fatto piovere bombe senza pilota su Gaza. Cosa succederebbe, però, se si potesse combinare precisione e abbondanza?

 

operatori droni iai heron 4 operatori droni iai heron 4

Per la prima volta nella storia della guerra, questa domanda sta trovando risposta sui campi di battaglia dell'Ucraina. Il nostro reportage di questa settimana mostra come i droni con visuale in prima persona (fpv) stiano crescendo a dismisura lungo le linee del fronte. Si tratta di velivoli piccoli, economici e carichi di esplosivo, adattati da modelli di consumo, che stanno rendendo la vita dei soldati ancora più pericolosa. Questi droni si infilano nelle torrette dei carri armati o nelle trincee. Si aggirano e inseguono la loro preda prima di ucciderla. Stanno infliggendo un pesante tributo alla fanteria e ai mezzi corazzati.

 

La guerra sta anche rendendo onnipresenti i droni fpv e i loro parenti marittimi. A gennaio si sono verificati 3.000 attacchi di droni fpv. Questa settimana Volodymyr Zelensky, presidente dell'Ucraina, ha creato la Forza dei sistemi senza pilota, dedicata alla guerra con i droni. Nel 2024 l'Ucraina è pronta a costruire 1-2 milioni di droni. Sorprendentemente, ciò corrisponderà alla riduzione del consumo di proiettili da parte dell'Ucraina (che è in calo perché i repubblicani al Congresso stanno vergognosamente negando all'Ucraina le forniture di cui ha bisogno).

 

droni russi a kupyansk droni russi a kupyansk

Il drone non è un'arma miracolosa, che non esiste. È importante perché incarna le grandi tendenze della guerra: lo spostamento verso armi piccole, economiche e usa e getta, l'uso crescente della tecnologia di consumo e la deriva verso l'autonomia in battaglia. Grazie a queste tendenze, la tecnologia dei droni si diffonderà rapidamente dagli eserciti alle milizie, ai terroristi e ai criminali. E migliorerà non al ritmo del ciclo di bilancio del complesso militare-industriale, ma con l'urgenza di rottura dell'elettronica di consumo.

 

drone con esplosivo drone con esplosivo

I droni fpv di base sono rivoluzionariamente semplici. Discendenti dei quadricotteri da corsa, costruiti con componenti di serie, possono costare anche poche centinaia di dollari. I droni fpv tendono ad avere un raggio d'azione ridotto, a trasportare piccoli carichi utili e a fare fatica in caso di maltempo. Per questi motivi non sostituiranno (ancora) l'artiglieria.

 

Ma possono comunque fare molti danni. In una settimana, lo scorso autunno, i droni ucraini hanno contribuito a distruggere 75 carri armati russi e 101 grossi cannoni, oltre a molto altro. La Russia ha i suoi droni fpv, anche se tendono a colpire le trincee e i soldati. I droni aiutano a spiegare perché entrambe le parti trovano così difficile organizzare offensive.

 

drone con esplosivo drone con esplosivo

La crescita esponenziale del numero di droni russi e ucraini indica una seconda tendenza. Sono ispirati e adattati alla tecnologia di consumo ampiamente disponibile. Non solo in Ucraina, ma anche in Myanmar, dove negli ultimi giorni i ribelli hanno messo in fuga le forze governative, i volontari possono utilizzare le stampanti 3D per produrre componenti chiave e assemblare le scocche in piccole officine. Purtroppo, è improbabile che i gruppi criminali e i terroristi siano molto lontani dalle milizie.

 

DRONI RUSSI COLPISCONO LEOPOLI DRONI RUSSI COLPISCONO LEOPOLI

Questo riflette un'ampia democratizzazione delle armi di precisione. Nello Yemen, il gruppo ribelle Houthi ha utilizzato kit di guida iraniani a basso costo per costruire missili antinave che rappresentano una minaccia mortale per le navi commerciali nel Mar Rosso. L'Iran stesso ha dimostrato come un assortimento di droni e missili balistici d'attacco a lungo raggio possa avere un effetto geopolitico di gran lunga superiore al loro costo. Anche se il kit necessario per superare l'inceppamento dei droni aumenterà notevolmente il costo delle armi, come alcuni prevedono, esse saranno comunque considerate a basso costo.

 

Il motivo è da ricercare nell'elettronica di consumo, che spinge l'innovazione a un ritmo incalzante mentre le capacità si accumulano in ogni ciclo di prodotto. Questo pone problemi di etica e di obsolescenza. Non ci sarà sempre il tempo di sottoporre le nuove armi ai test che i Paesi occidentali si prefiggono in tempo di pace e che sono richiesti dalle Convenzioni di Ginevra.

 

Portaerei Eisenhower spiata dai droni iraniani Portaerei Eisenhower spiata dai droni iraniani

L'innovazione porta anche all'ultima tendenza, l'autonomia. Oggi l'uso dei droni fpv è limitato dalla disponibilità di piloti qualificati e dagli effetti del jamming, che può interrompere la connessione tra un drone e il suo operatore. Per superare questi problemi, Russia e Ucraina stanno sperimentando la navigazione autonoma e il riconoscimento dei bersagli. L'intelligenza artificiale è disponibile da anni nei droni di consumo e sta migliorando rapidamente.

 

Un certo grado di autonomia esiste da anni nelle munizioni di alto livello e da decenni nei missili da crociera. La novità è che microchip e software a basso costo permetteranno all'intelligenza di stare all'interno di milioni di munizioni di basso livello che stanno saturando il campo di battaglia. La parte che per prima padroneggia l'autonomia su scala in Ucraina potrebbe godere di un vantaggio temporaneo ma decisivo in termini di potenza di fuoco, condizione necessaria per qualsiasi svolta.

 

Portaerei Eisenhower spiata dai droni iraniani Portaerei Eisenhower spiata dai droni iraniani

I Paesi occidentali hanno tardato ad assimilare queste lezioni. Armi semplici ed economiche non sostituiranno le grandi piattaforme di fascia alta, ma le integreranno. Il Pentagono si sta imbarcando tardivamente in Replicator, un'iniziativa per costruire migliaia di droni e munizioni a basso costo in grado di affrontare le enormi forze cinesi.

 

L'Europa è ancora più indietro. I suoi ministri e generali sono sempre più convinti di poter affrontare un'altra grande guerra europea entro la fine del decennio. Se così fosse, gli investimenti in droni di fascia bassa devono crescere con urgenza. Inoltre, i droni onnipresenti richiederanno difese onnipresenti, non solo sui campi di battaglia ma anche nelle città in pace.

 

Kalashnikov nei cieli

operatori droni iai heron 3 operatori droni iai heron 3

I droni intelligenti solleveranno anche questioni sul modo in cui gli eserciti conducono le guerre e sulla possibilità che gli esseri umani controllino il campo di battaglia. Con la moltiplicazione dei droni, saranno possibili sciami auto-coordinati. Gli esseri umani faticheranno a monitorare e comprendere i loro interventi, per non parlare di autorizzarli.

 

L'America e i suoi alleati devono prepararsi a un mondo in cui le capacità militari in rapido miglioramento si diffondono più rapidamente e più ampiamente. I cieli sopra l'Ucraina si riempiono di armi spendibili che coniugano precisione e potenza di fuoco, ma servono da monito. I velivoli cacciatori-assassini prodotti in serie stanno già ridisegnando l'equilibrio tra uomini e tecnologia in guerra.

operatori droni iai heron 1 operatori droni iai heron 1 esplosione raffineria rosneft tuapse, russia esplosione raffineria rosneft tuapse, russia DRONE UCRAINO ABBATTUTO IN RUSSIA DRONE UCRAINO ABBATTUTO IN RUSSIA droni sul cremlino droni sul cremlino GAME OF DRONES - BY EMILIANO CARLI GAME OF DRONES - BY EMILIANO CARLI UN BOMBARDIERE RUSSO TU22 DISTRUTTO DAI DRONI UCRAINI A Soltsy UN BOMBARDIERE RUSSO TU22 DISTRUTTO DAI DRONI UCRAINI A Soltsy pilotaggio drone iai heron pilotaggio drone iai heron DRONI SUL CREMLINO - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY DRONI SUL CREMLINO - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY DRONI SUL CREMLINO - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY DRONI SUL CREMLINO - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY attacco con droni a mosca - 30 luglio 2023 attacco con droni a mosca - 30 luglio 2023 attacco con droni a mosca - 30 luglio 2023 attacco con droni a mosca - 30 luglio 2023 drone ucraino attacca mosca 1 drone ucraino attacca mosca 1 operatori droni iai heron 2 operatori droni iai heron 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...