LA GIOIA DI STEFANO MASSINI, PRIMO ITALIANO A PORTARSI A CASA CINQUE STATUETTE AI TONY AWARDS, GLI OSCAR DEL TEATRO DI BROADWAY, CON UNO SPETTACOLO SULLA CRISI DEL 2008: "LEHMAN TRILOGY" È UNO SCRITTO STRANO, FUORI DAGLI SCHEMI, PARLA DI ECONOMIA, ETICA, È UNA BALLATA. HA RESO ACCESSIBILI A TUTTI MECCANISMI OSCURI. IL TEATRO HA SENSO QUANDO METTE IL DITO IN QUALCOSA CHE NON SI CONOSCE E…”

-

Condividi questo articolo


Alberto Simoni per “la Stampa”

stefano massini 7 stefano massini 7

 

Stefano Massini è un fiume in piena, trabocca di entusiasmo e felicità per il Tony Awards, l'Oscar del Teatro e di Musical di Broadway, che gli è stato consegnato per Lehman Trilogy domenica sera in un gala al Radio City Hall di New York. Un'opera che diventerà anche una serie tv per Fandango e The Apartment Pictures, misura anche questa del successo dell'autore fiorentino. «Non me l'aspettavo, fino a un mese fa si parlava di una possibile vittoria per la regia con Sam Mendes e forse un attore (Simon Russell Beale, ndr), nulla di più», dice Massini. La cui opera invece porta a casa ben 5 premi su 8 nomination.

 

lehman trilogy 2 lehman trilogy 2

Eccola qui, Massini, con la statuetta in mano, un italiano a New York «Incredibile, primo italiano a vincere. Mi avevano fatto capire quanto era difficile per un autore non americano vincere il massimo premio del teatro Usa. E poi Lehman è uno scritto strano, fuori dagli schemi, parla di economia, etica, letteratura, è una ballata. Qualcuno l'altra sera mi ha detto che il mio premio per Lehman ha cambiato le regole del gioco del teatro e apre una pagina nuova».

 

stefano massini 6 stefano massini 6

Ha scritto di capitalismo, della sua ascesa e del suo tracollo e ha vinto nella città che più di tutte al mondo rappresenta quel pensiero, quell'idea. Che effetto le fa?

«Le dico una cosa concreta: quando è finita la serata, siamo usciti dal Radio City Music Hall. C'era una folla incredibile sulla strada e a un certo punto un ragazzo si avvicina a me e a Sam Mendes. Ci dice di essere portoricano e che ci voleva ringraziare perché dopo aver visto Lehman ha deciso che avrebbe fatto di tutto per riuscire a iscriversi alla facoltà di Economia. È una cosa che mi ha fatto pensare. Di solito l'economia non smuove le folle. Lo vedo nella quotidianità, vicino a Firenze dove vivo».

lehman trilogy 4 lehman trilogy 4

 

In che senso?

«C'è un'edicola dove la gente compra il giornale prima di andare al lavoro. Lo vuole però alleggerire, e il cestino a fianco alla fermata del bus è pieno dei fascicoli difficile da approcciare. Eppure, dietro questa barriera ci siamo noi, in carne ed ossa, ci sono i nostri soldi. Quando la Bce alza i tassi, come successo la settimana scorsa, tocca il nostro mutuo. Lehman ha contribuito a cercare di far conoscere l'economia».

 

stefano massini 4 stefano massini 4

E noi italiani che popolo siamo? Siamo ancora analfabeti in materia di economia e delle sue regole?

«Non siamo i soli però. Lehman Trilogy è andato in scena a Broadway a poche fermate di metropolitana da Wall Street. I manager del New York Stock Exchange sono stati colpiti dallo spettacolo e hanno chiesto ai tre attori di indossare gli abiti di scena e di suonare la campanella di avvio delle contrattazioni una mattina. Si sono resi conto a Wall Street che portare l'economia sul palcoscenico era un'occasione che faceva bene alla stessa economia perché ha aiutato a comprendere meglio i meccanismi del suo funzionamento. E questo ci rimanda all'essenza stessa del teatro».

lehman trilogy 5 lehman trilogy 5

 

Qual è secondo lei?

«Il teatro ha senso quando mette il dito in qualcosa che non ci conosce, ha senso quando sollecita le domande e la curiosità. La mia nuova opera è grande, vasta, si sviluppa per ore e narra la storia della bomba atomica. Si occupa di fisica, parla di uranio impoverito, fissione nucleare. Non è semplice portare la fisica - così come prima l'economia - su un palco: ma tutte le volte che un'opera descrive e analizza qualcosa che non si sa, fa qualcosa di importante e realizza l'essenza del teatro, ovvero quello di essere un veicolo per conoscere la realtà».

stefano massini 3 stefano massini 3

 

La realtà ci dice di un mondo complesso in cui le ricette dell'Occidente sembrano non riuscire più a fornire un approdo sicuro per tutti. L'America è alle prese con l'incubo di una recessione; l'Europa ha la guerra sull'uscio, l'Ucraina invece dentro casa. Il caso Lehman Brothers significò uno schiaffo al modello del dominio della finanza sull'economia reale. Oggi quali pericoli scorge?

lehman trilogy 6 lehman trilogy 6

«Nel 2008 quando cadde Lehman Brothers tutti erano convinti che le catastrofi potessero nascere solo da una grande crisi di carattere economico. Eravamo assuefatti all'idea della pace, il politicamente corretto inteso come il tentativo di non irritare gli altri avevano allargato i suoi confini e nei consessi internazionali tutti si volevano bene. Strette di mano, baci e abbracci con Putin. Ci sembrava tutto così melenso, sdolcinato. Ora il mondo ha riscoperto l'odio, le minacce. Medvedev vorrebbe annientare tutti gli occidentali. In quest' orgia, in questo tsunami d'odio, fisico concreto, sembra che le crisi economiche come quelle di Lehman siano poca cosa, ma ricordiamoci invece che l'economia e la guerra vanno di pari passo».

stefano massini 5 stefano massini 5

 

Anche le diseguaglianze sono in aumento e non solo fra cittadini delle stesse nazioni

«L'esempio più lampante è la battaglia del grano. I Paesi africani non hanno votato contro la guerra di Putin alle Nazioni Unite preferendo l'astensione. E oggi chiedono una ricompensa, chiedono di non essere tagliati fuori dalla distribuzione del cibo. E Putin apre corridoi umanitari. Sembra tutto così semplice, ma basta osservare più attentamente e scopriamo che alla fine sono solo accordi di carattere economico a muovere le decisioni».

stefano massini 1 stefano massini 1 lehman trilogy 7 lehman trilogy 7 lehman trilogy 3 lehman trilogy 3 lehman trilogy 1 lehman trilogy 1 lehman trilogy vince ai tony 1 lehman trilogy vince ai tony 1 lehman trilogy vince ai tony 2 lehman trilogy vince ai tony 2 stefano massini 2 stefano massini 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

“PERCHÉ DEVO ESSERE SEMPRE IO LA CORNUTA E NON, MAGARI, TOTTI” – LA VENDETTA DI ILARY CON IL VICHINGO BASTIAN SERVITA SU “CHI” - TRA GLI SCATTI PUBBLICATI DALLA RIVISTA ANCHE IL SELFIE CHE I DUE SI SONO FATTI INQUADRANDOSI IN UNO SPECCHIO. CHE SIA STATA PROPRIO LA EX LETTERINA A INVIARE AL SETTIMANALE LA FOTO? LUI E’ UN CORPACCIUTO IMPRENDITORE TEDESCO IMPEGNATO NEL CAMPO DEL FITNESS - DOPO DILETTA LEOTTA, CHE SI È LEGATA AL PORTIERE TEDESCO LORIS KARIUS, ANCHE LA BLASI HA TROVATO SODDISFAZIONE CON UN MANZO TEUTONICO. E’ UNA DISFATTA PER IL LAT(R)IN LOVER…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute