GIUSTIZIA PER DESIRÉE - LA PROCURA HA CHIESTO L’ERGASTOLO, CON UN ANNO DI ISOLAMENTO DIURNO, PER I QUATTRO IMMIGRATI AFRICANI ACCUSATI DELL'OMICIDIO DI DESIRÉE MARIOTTINI - LA SEDICENNE DI CISTERNA DI LATINA MORTA LA NOTTE TRA IL 18 E IL 19 OTTOBRE 2018 A SAN LORENZO, A ROMA, ERA STATA STORDITA CON UN COCKTAIL DI DROGHE E POI LASCIATA MORIRE DI OVERDOSE - GLI IMPUTATI SONO ACCUSATI DI OMICIDIO E STUPRO DI GRUPPO

-

Condividi questo articolo


DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI

Adelaide Pierucci per “il Messaggero”

 

Ergastolo, con l'aggiunta di un anno di isolamento diurno. La procura ieri ha chiesto il massimo della pena per i quattro immigrati africani accusati dell'omicidio di Desirée Mariottini, la sedicenne di Cisterna di Latina morta la notte tra il 18 e il 19 ottobre 2018 nel palazzo del crack di San Lorenzo, un edificio abbandonato in via dei Lucani. Stordita con un mix di droghe e metadone, stuprata e, alla fine, lasciata morire di overdose. La ricostruzione dell'accusa coinvolge tutti gli imputati e non fa sconti.

DESIREE MARIOTTINI E LA MADRE DESIREE MARIOTTINI E LA MADRE

 

I quattro componenti del branco, Yusif Salia, Mamadou Gara, Brian Minteh, Chima Alinno, tra i 28 e i 44 anni, secondo i pm Maria Monteleone e Stefano Pizza vanno considerati colpevoli di violenza sessuale di gruppo e omicidio volontario. A partire da Yusif Salia, che avrebbe impedito i soccorsi e che nell'ultima udienza è stato l'unico imputato a rompere il silenzio per raccontare la sua verità: «Ho dato acqua e zucchero a Desirée e si era ripresa. Mi sono tranquillizzato, allora. Io, poi, non ne ho abusato, anzi l'avevo respinta». Per l'accusa solo un cumulo di bugie: «Desirée è stata lasciata morire nel palazzo di via Lucani impedendo agli altri presenti di soccorrerla».

DESIREE MARIOTTINI DESIREE MARIOTTINI

 

I quattro uomini avrebbero somministrato alla giovane un mix di metadone, cocaina, eroina, quetiapina, diazepam, oxazepam e nordiazepam. Poi, ne avrebbero abusato, rubandole pure la verginità, come ha ricostruito il medico legale, «trattenendola per le braccia e le gambe» e violentandola anche quando era in stato di incoscienza.

 

DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI

«Meglio lei morta che noi in galera», avrebbe detto Salia invece di chiamare un'ambulanza. Al branco sono state contestate le aggravanti di avere ceduto droga e agito «per motivi abbietti e futili», di avere «profittato di circostanze di luogo e di persona tali da ostacolare la difesa», dell'avere agito con crudeltà, in danno di una minore e di avere provocato la sua morte per «conseguire l'impunità nel delitto di violenza sessuale di gruppo». Solo per Gara sono cadute due accuse: quella di aver indotto alla prostituzione Desirée, usando la droga per avere in cambio prestazioni sessuali.

DESIREE MARIOTTINI DESIREE MARIOTTINI

 

LA MADRE

«La mia Desirée mi è stata portata via per sempre - ha pianto la madre in aula - ma queste richieste ci fanno confidare nella giustizia. Mia figlia aveva addirittura vergogna di spogliarsi davanti a me e mia sorella. Me l'hanno strappata in maniera orribile. Dopo le violenze l'hanno rivestita e lasciata morire». «La richiesta dell'ergastolo non allevia il dolore ma ci conforta - ha dichiarato l'avvocato Maria Teresa Ciotti - D'altra parte tutte le prove sia sotto il profilo documentale, testimoniale che di natura tecnico scientifica sono convergenti e unanimi. La circostanza che più addolora è che la ragazza sia stata lasciata in stato comatoso per minimo tre o quattro ore».

DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI

 

IL TOSSICOLOGO

Cruciale, al riguardo, la testimonianza del tossicologo nominato dalla procura: «Ad uccidere Desirée un quantitativo di metadone dieci volte maggiore di quello in grado di causare una overdose. Ma un ricovero con la somministrazione di Narcan l'avrebbe salvata». Le trecce colorate e l'apparecchio ai denti, le stravaganze, lo sguardo dolce e inquieto. Desirée era una ragazzina insicura, ancora in cerca del primo fidanzato. Ugo di Tondo, docente di Anatomia patologica e Dino Tancredi, medico legale, entrambi della Sapienza, davanti alla Corte d'Assise avevano parlato di un «rapporto sessuale violento». Circostanza ribadita dall'accusa: «È stata violentata, rivestita e spostata da una stanza all'altra. Era notte quando una telefonata ha allertato i soccorsi». Ma Desirée era già morta da un pezzo.

 

 

DESIREE MARIOTTINI DESIREE MARIOTTINI gianluca zuncheddu padre di desiree mariottini gianluca zuncheddu padre di desiree mariottini desiree desiree DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI DESIREE MARIOTTINI - LO STABILE DI VIA DEI LUCANI DESIREE MARIOTTINI DESIREE MARIOTTINI CHIMA ALINNO CHIMA ALINNO OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - MAMADOU GARA UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - MAMADOU GARA UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI la scientifica raccoglie prove in via dei lucani, dove e' stato ritrovato il corpo di desiree la scientifica raccoglie prove in via dei lucani, dove e' stato ritrovato il corpo di desiree OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - BRIAN MINTEH UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - BRIAN MINTEH UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - MAMADOU GARA UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - MAMADOU GARA UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - BRIAN MINTEH UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI OMICIDIO DI DESIREE MARIOTTINI - BRIAN MINTEH UNO DEI SENEGALESI ARRESTATI la morte di desiree mariottini via dei lucani la morte di desiree mariottini via dei lucani YUSIF SALIA 1 YUSIF SALIA 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...