E GUARDO L’ASSEMBRAMENTO DA UN METRO’ - COVID E TRASPORTI, DISTANZIAMENTO ADDIO: RESSA E CONTATTI RAVVICINATI IN UN VAGONE DELLA LINEA A DELLA METRO DI ROMA, COME MOSTRA UN FILMATO. TUTTI IN PIEDI, ALCUNI ADDOSSATI ALLE PORTE, BEN PIÙ VICINI DEL METRO DI DISTANZA PRESCRITTO. L’ALLARME DELLA CGIL – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Maria Egizia Fiaschetti per roma.corriere.it

 

metro roma metro roma

Mentre si ragiona di distanze a bordo dei mezzi pubblici - lunedì la Conferenza Stato-Regioni ha acconsentito a portare la capienza massima dal 60 per cento attuale fino all’80 per cento - le immagini girate intorno alle 17.30 di martedì 1° settembre nei vagoni della linea A della metropolitana, lungo la tratta San Giovanni-Flaminio, mostrano la folla di passeggeri stipati all’interno, la maggior parte in piedi, alcuni addossati alle porte. Indossano tutti la mascherina chirurgica, ma il metro di distanza prescritto non è assolutamente rispettato.

metro roma metro roma

 

Nell’audio si distingue una voce femminile che chiede: «È questa piazza di Spagna?». Dalla domanda si desume che il convoglio, con buona probabilità, stesse attraversando il Centro.

 

La Filt Cgil prevede «disagi e il rischio di assembramenti di studenti e cittadini» come conseguenza delle limitazioni, seppure mitigate da percentuali meno restrittive, al riempimento dei mezzi.

 

Secondo le stime dei sindacati a settembre, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, la flotta di superficie potrà contare al massimo su «un incremento di disponibilità del 5 per cento». Per garantire un’offerta adeguata, al netto del distanziamento, «servirebbero almeno 500 autobus, oltre a lla riorganizzazione complessiva del servizio».

metro roma metro roma

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute