INDIETRO TUTTA! – I DATI DEL MONITORAGGIO SETTIMANALE DELLA FONDAZIONE GIMBE: “C’È UN AUMENTO COSTANTE DEI RICOVERI, LA CURVA DEI CONTAGI SI È IMPENNATA” – DA METÀ LUGLIO I NUOVI CASI SETTIMANALI SONO PIÙ CHE DECUPLICATI ED È ALLARME IN 7 REGIONI, DOVE LA PERCENTUALE DEGLI OSPEDALIZZATI È SUPERIORE ALLA MEDIA DEL 6,6%: SONO SICILIA, LIGURIA, LAZIO, PUGLIA E…

-

Condividi questo articolo

nino cartabellotta nino cartabellotta

Da www.ilmessaggero.it

 

Covid, la Fondazione Gimbe, attraverso i dati del monitoraggio tra 30 settembre e 6 ottobre, segnala che c'è stato un aumento costante dei ricoveri, in particolare in 7 Regioni, e che i contagi sono schizzati nella prima settimana di ottobre. Impennata nei contagi da SarsCov2, dunque, con i nuovi casi saliti del 42,4% e l'aumento dei pazienti ricoverati con sintomi (+18,9%) e in terapia intensiva (+17,7%), oltre dei decessi (+13,1%).

 

Male 7 Regioni

coronavirus ospedale coronavirus ospedale

In particolare in 7 Regioni la percentuale dei casi ospedalizzati è superiore alla media nazionale del 6,6%: Sicilia (11,5%), Liguria (10,4%), Lazio (9,9%), Puglia (8,9%), Piemonte (8,6%), Abruzzo (8,2%), Basilicata (7,9%).

 

paziente di coronavirus in ospedale paziente di coronavirus in ospedale

Impennata nella curva dei contagi

«Nell'ultima settimana - commenta Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe - la curva dei contagi si è impennata, per il netto incremento del rapporto positivi/casi testati. Si conferma inoltre la crescita costante dei pazienti ospedalizzati con sintomi e di quelli in terapia intensiva».

 

Da metà luglio i nuovi casi settimanali sono più che decuplicati (da poco oltre 1.400 a più di 17.000), con incremento del rapporto positivi/casi testati dallo 0,8% al 4%. Dinamica che ha fatto quintuplicare i casi attualmente positivi, passati da 12.482 di fine luglio a 60.134. Sul fronte dei ricoveri di pazienti con sintomi, da fine luglio sono saliti da 732 a 6325, e quelli in terapia intensiva da 49 a 319.

CORONAVIRUS - CONTAGI IN ITALIA ALL 8 OTTOBRE 2020 CORONAVIRUS - CONTAGI IN ITALIA ALL 8 OTTOBRE 2020

 

Anche se a livello non c'è un sovraccarico dei servizi ospedalieri, «iniziano ad emergere differenze regionali rilevanti - prosegue Cartabellotta - Dal 6 ottobre ben 8 Regioni hanno tassi di ospedalizzazione per 100.000 abitanti superiori alla media nazionale di 6,5: Lazio (13,9), Liguria (13), Campania (9,2), Sardegna (8,8), Sicilia (7,9), Piemonte (7,1), Abruzzo e Puglia (6,6)».

 

Il progressivo incremento dei casi attualmente positivi, iniziato a fine luglio, «dopo un mese - continua - ha innescato l'incremento di pazienti ospedalizzati con sintomi e in terapia intensiva, e dopo 2 mesi inizia a riflettersi anche sui decessi».

 

nino cartabellotta nino cartabellotta

Bene dunque le mascherine anche all'aperto, conclude Cartabellotta, «visto che non conosciamo ancora il reale impatto della riapertura delle scuole e dell'ulteriore sovraccarico dei servizi sanitari conseguente alla stagione influenzale. Tuttavia, per contenere la seconda ondata, in particolare nelle Regioni del centro-sud, bisogna potenziare e uniformare gli standard dell'assistenza sanitaria territoriale e ospedaliera, e ridurre l'elevato rischio di contagio sui mezzi pubblici».

amore ai tempi del coronavirus amore ai tempi del coronavirus coronavirus terapia intensiva coronavirus terapia intensiva coronavirus terapia intensiva coronavirus terapia intensiva CORONAVIRUS - CAMICI PER GLI OSPEDALI CORONAVIRUS - CAMICI PER GLI OSPEDALI coronavirus passeggiare all'aperto 1 coronavirus passeggiare all'aperto 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute