L’ISLAM TI FA PERDERE LA TESTA - UNA DONNA E’ STATA DECAPITATA IN PIAZZA A LA MECCA - ALLA DONNA È STATA TAGLIATA LA TESTA CON UNA SPADA - NEGLI ULTIMI ANNI, IL NUMERO DI ESECUZIONI NEL REGNO SAUDITA È IN CONTINUO AUMENTO -

L'esecuzione è stata particolarmente brutale: la donna è stata trascinata in strada e costretta a terra da quattro agenti di polizia e quindi decapitata con una spada - Nelle prime due settimane di quest'anno sono già quindici le esecuzioni - Nel 2014 sono state 87, quattordici in più dell'anno precedente…

Condividi questo articolo

Giovanni Masini per “il Giornale”

 

LA MECCA - DONNA DECAPITATA PER STRADA LA MECCA - DONNA DECAPITATA PER STRADA

Un'altra esecuzione pubblica. Una donna è stata "giustiziata" in piazza a La Mecca, con sentenza eseguita tramite decapitazione. Laila Bint Abdul Muttalib Basim, una donna birmana residente in Arabia Saudita, è stata condannata a morte per abusi sessuali ed omicidio della propria figliastra. L'esecuzione, che ha suscitato le proteste delle associazioni per i diritti umani, è stata particolarmente brutale: la donna è stata trascinata in strada e costretta a terra da quattro agenti di polizia e quindi decapitata con una spada.

 

Inoltre, per rendere ancora più dolorosa la morte, alla donna sono stati negati gli analgesici, somministrati invece a diversi condannati a morte. Un video dell'esecuzione è stato postato su Internet, venendo però rimosso poco dopo.

la mecca luogo sacro per l islam la mecca luogo sacro per l islam

 

Nel regno saudita il numero di esecuzioni è in continuo aumento. Nelle prime due settimane, racconta The Eye of Middle East, di quest'anno sono già quindici. Nel 2014 sono state 87, quattordici in più dell'anno precedente.

 

Nel frattempo continua la pena di Raif Badawi, il blogger condannato a mille frustate per aver accusato -  ma in circostanze ancora non chiare - un'università saudita di vicinanza con Al Qaeda. Cinquanta frustate ogni venerdì, per altre diciotto settimane.

In Arabia Saudita è prevista la pena di morte per crimini come omicidio, adulterio, rapina a mano armata e violenza sessuale.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute