ITALIANI, È ARRIVATO IL MOMENTO DI CAMBIARE IL TELEVISORE (DI NUOVO) – IL 2024 SARÀ L’ANNO IN CUI PARTIRÀ LA TRANSIZIONE VERSO IL DIGITALE TERRESTRE DI NUOVA GENERAZIONE: LA RAI HA FISSATO AL 28 AGOSTO 2024 L'ACCENSIONE DEL PRIMO MUX IN DVB-T2, CHE CONSENTIRÀ DI USARE MENO FREQUENZE PER TRASMETTERE PIÙ CANALI - LA TRANSIZIONE AL DBV PERÒ NON SARÀ INDOLORE: SI STIMA CHE MOLTISSIMI TELEVISORI NON SIANO COMPATIBILI - ECCO COME FARE IL TEST SUL VOSTRO TV

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Paolo Ottolina per www.corriere.it

 

DIVANO E TV DIVANO E TV

Altri cambiamenti in vista sui nostri televisori. Il 2024 sembra davvero l'anno in cui partirà la transizione verso il digitale terrestre di nuova generazione. La Rai infatti (come anticipano DDay.it e Digital News) ha fissato al 28 agosto 2024 l'accensione del primo Mux in DVB-T2, un passo cruciale verso la completa adozione di questo standard tecnologico. Sigle un po' complesse che è necessario conoscere per capire, tra le altre cose, se i tv che abbiamo in casa sono già pronti al cambiamento in arrivo. 

 

DIVANO E TV DIVANO E TV

Mux è l'abbreviazione di «multiplex», un aspetto della tecnologia usata per trasmettere i segnali del digitale terrestre. Questa permette di «impacchettare» le trasmissioni di diversi canali sul medesimo Mux, così da farle viaggiare fino al nostro televisore attraverso la medesima banda di frequenza elettromagnetica: in questo modo è possibile utilizzare meno frequenze per trasmettere più canali.

 

[…] è certo che includerà le trasmissioni in alta definizione di Rai 1, Rai 2 e Rai 3, allo scopo di migliorare la ricezione nelle aree problematiche con l'attuale sistema DVB-T.

DIVANO E TV DIVANO E TV

DVB-T2 è lo standard in arrivo: la transizione è resa necessaria per  ottenere un più efficiente spettro di radiofrequenze e (potenzialmente) per offrire una qualità dell'immagine superiore e adeguata agli standard dei televisori moderni. Un passaggio fondamentale anche per liberare le frequenze a 700 MHz (Megahertz) del DVB-T1 per consentire al 5G di potersi finalmente diffondere in maniera capillare sul territorio nazionale. L'Italia è in ritardo anche rispetto al nuovo standard di rete mobile, considerato un asset cruciale per la crescita economica (e la creazione di nuovi posti di lavoro).

 

televisione 1 televisione 1

[…] La transizione al DBV però non sarà indolore per il pubblico del piccolo schermo. Si stima che moltissimi televisori nelle case italiane (una forchetta che nelle stime varia da circa 10 a circa 14 milioni di dispositivi) non siano compatibili con il nuovo standard. Un numero rilevante, considerando anche il mercato dei tv, e quindi il ricambio generazionale, ha subito un rallentamento negli ultimi anni, con vendite annuali intorno ai 3 milioni di pezzi contro i 4 milioni del passato. 

 

televisione 10 televisione 10

[…] Per verificare la compatibilità del proprio televisore con il nuovo standard in arrivo, gli utenti possono sintonizzarsi sul canale 558, dove Rai Sport HD viene trasmesso in formato Hevc. Se il canale è visibile, significa che il televisore è già pronto per ricevere i nuovi segnali DVB-T2, una volta che saranno attivati su larga scala.

[…]

 

Allo stato attuale non è stata ancora definita una data per il completamento della transizione al DVB-T2 e l'abbandono definitivo del vecchio standard DVB-T.

televisione 6 televisione 6

[…]Il nuovo switch-off è quindi abbondantemente in ritardo e, considerando lo stato delle cose e il «parco circolante» dei televisori nelle case degli italiani, è del tutto improbabile che possa partire (e men che meno completarsi) in maniera massiva nel 2024. 

televisione 4 televisione 4 televisione 2 televisione 2 televisione 5 televisione 5 televisione 7 televisione 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE