JONELLA TE LA FA PAGARE CARA! – LA FIGLIA DI SALVATORE LIGRESTI CHIEDE PIÙ DI MEZZO MILIONE DI INDENNIZZO PER INGIUSTA DETENZIONE: TRA IL LUGLIO 2013 E IL LUGLIO 2014 PASSÒ QUATTRO MESI IN CARCERE E OTTO AI DOMICILIARI, PER L’INCHIESTA SU FONDIARIA-SAI. DOPO UNA CONDANNA IN PRIMO GRADO E IL SUO ANNULLAMENTO, NEL 2021 I GIUDICI HANNO ARCHIVIATO IL CASO…

-

Condividi questo articolo


JONELLA E SALVATORE LIGRESTI JONELLA E SALVATORE LIGRESTI

(ANSA) - Più di mezzo milione di indennizzo per ingiusta detenzione sono stati chiesti da Jonella Ligresti, per aver trascorso, tra il luglio 2013 e il luglio 2014, quattro mesi in carcere e otto ai domiciliari, per l'inchiesta su Fondiaria-Sai condotta dalla procura di Torino e che si è conclusa, dopo una condanna in primo grado e il suo annullamento, con un decreto di archiviazione datato maggio 2021.

 

E' questa l'istanza ribadita oggi in aula alla quinta Corte d'Appello di Milano, tramite il suo legale, l'avvocato Lucio Lucia, dalla figlia del costruttore siciliano scomparso nel 2018. Nell'istanza, depositata poco meno di un anno fa e discussa oggi, si chiede oltre 516 mila euro, "la somma massima" a causa delle "gravissime conseguenze personali, familiari e personali" dovute alla "privazione della libertà" per 366 giorni complessivi, e al "clamore mediatico della vicenda". In subordine la richiesta è di 246 mila euro. I giudici, dopo che il pg e l'avvocato dello Stato, in rappresentanza del ministero della Giustizia, si sono opposti, si sono riservati di decidere.

 

JONELLA LIGRESTI JONELLA LIGRESTI

Come ricostruisce l'istanza di riparazione per ingiusta detenzione, Jonella Ligresti - stamane in aula - era stata indagata per false comunicazioni sociali e aggiotaggio informativo dalla procura di Torino. Vicenda per cui il 17 luglio di undici anni fa finì in carcere, misura sostituita con gli arresti domiciliari il 20 novembre successivo. Il Tribunale torinese il 18 luglio 2014 la rimise in liberà con l'obbligo di presentazione alla pg.

 

In primo grado venne condannata a 5 anni e 8 mesi, sentenza annullata dalla Corte d'Appello che trasmise il procedimento a Milano per competenza territoriale. La procura milanese, sulla base degli elementi raccolti in una indagine parallela, ritenne insussistenti le accuse e chiese l'archiviazione poi disposta.

 

jonella ligresti jonella ligresti

Nel sottolineare come Jonella Ligresti sia stata "sottoposta ingiustamente a misure cautelari custodiali" per 366 giorni, il difensore spiega come la sua assistita si sia trovata "in precarie condizioni di salute", in particolare "psichica", tant'è che in carcere è sempre stata sotto "grande sorveglianza". Inoltre il suo arresto ha determinato "un effettivo sconvolgimento delle abitudini di vita della famiglia e dei figli" a cui si aggiunge "il continuo battage mediatico durato a lungo" con il conseguente danno di immagine. Anche la sorella Giulia aveva chiesto e ottenuti un indennizzo per ingiusta detenzione: mille euro al giorno per 16 giorni trascorsi in carcere, quelli dal 17 luglio al 2 agosto 2013, e non per quelli successivi e per il periodo passato ai domiciliari.

JONELLA LIGRESTI SECONDA DA SINISTRA FA LA GUERRA COL PAINTBALL JONELLA LIGRESTI SECONDA DA SINISTRA FA LA GUERRA COL PAINTBALL

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA