KUBRICK SI STA RIVOLTANDO NELLA TOMBA: STA PER USCIRE NEGLI STATI UNITI IL LIBRO “THE MAGIC EYE”, DI CUI IL REGISTA IMPEDÌ IN OGNI MODO LA PUBBLICAZIONE – KUBRICK DISSE CHE AVREBBE LOTTATO CON “LE UNGHIE E CON I DENTI” PER NON VEDERE IL VOLUME IN LIBRERIA MA A 25 ANNI DALLA SUA MORTE, L’AUTORE, NEIL HORNICK, HA TROVATO UN EDITORE – IL MOTIVO DI TANTO ASTIO? CONTENEVA "UN RIASSUNTO DELLE COSE BUONE DI OGNI FILM SEGUITO DA UN RIASSUNTO DELLE COSE CATTIVE, CHE, A PARERE DI KUBRICK, SUPERANO SEMPRE QUELLE BUONE…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Neil Hornick - The Magic Eye: The Cinema of Stanley Kubrick Neil Hornick - The Magic Eye: The Cinema of Stanley Kubrick

(Adnkronos) - Stanley Kubrick (1928-1999), l'implacabile perfezionista che ha diretto alcuni dei più grandi classici del cinema, era così sensibile alle critiche che, nel 1970, minacciò azioni legali per bloccare la pubblicazione di un libro che osava discutere i difetti dei suoi film.

 

Il regista di "Spartacus" e "2001: Odissea nello spazio" avvertì l'autore e l'editore del libro che avrebbe lottato "con le unghie e con i denti" e "avrebbe usato ogni mezzo legale a sua disposizione" per impedirne la pubblicazione. E così fu. Ora, a 25 anni dalla sua morte, il libro che Kubrick non voleva che nessuno leggesse viene pubblicato, con oltre mezzo secolo di ritardo.

 

"The Magic Eye: The Cinema of Stanley Kubrick" di Neil Hornick sarà pubblicato il 30 aprile dall'editore americano Sticking Place Books, con tre prefazioni che riflettono la spietatezza del soggetto raccontato nel cercare di bloccare la pubblicazione e controllare la sua immagine.

 

stanley kubrick 2 stanley kubrick 2

Hornick, oggi 84enne londinese, ha dichiarato che le minacce legali di Kubrick sono state uno shock: "Lo considero un episodio doloroso". Gli era stato commissionato il primo libro su Kubrick da The Tantivy Press più di 50 anni fa. Kubrick fu inizialmente disponibile, condividendo la visione di copie dei suoi film altrimenti inaccessibili.

 

Ma dopo aver visto una bozza del libro, il regista cambiò idea e ne bloccò la pubblicazione. Il cineasta si lamentò del fatto che il libro conteneva "un riassunto delle cose buone di ogni film seguito da un riassunto delle cose cattive, che, a parere di Kubrick, superano sempre quelle buone a causa del modo eccessivamente enfatico in cui tali critiche sono presentate". The Tantivy Press aveva firmato un accordo con Kubrick in cui si affermava che la casa editrice non avrebbe pubblicato nulla "fino a quando l'intero contenuto non fosse stato approvato per iscritto da me (Kubrick)".

stanley kubrick 3 stanley kubrick 3

 

Spiega ora Hornick: "Ho capito che il suo accordo legale con l'editore lo autorizzava a garantire che il libro fosse corretto dal punto di vista dei fatti. Non mi aspettavo che l'intero libro venisse rifiutato". Gli avvocati di Kubrick furono chiari: "Se qualsiasi tentativo dovesse essere fatto da voi o da qualsiasi altro editore di pubblicare il manoscritto esistente senza la sua approvazione, il nostro cliente non avrà altra alternativa che accettare il nostro consiglio di intraprendere tutte le azioni a sua disposizione per impedire tale pubblicazione e di chiedere un risarcimento per i danni subiti".

 

malcolm mcdowell e stanley kubrick sul set di arancia meccanica 6 malcolm mcdowell e stanley kubrick sul set di arancia meccanica 6

Kubrick stimò che le critiche "inaccettabili" ammontavano a un terzo del manoscritto di 70.000 parole. Ma non specificò mai cosa avesse causato tale offesa e Hornick rimase sconcertato perché riteneva che le critiche non fossero così estese. Esse sono apparse soprattutto in un capitolo su "Lolita", adattamento del 1962 del controverso romanzo di Vladimir Nabokov su un uomo che diventa ossessionato da una ragazzina di 12 anni. Nel libro Hornick scrive: "Ci sono cose buone in 'Lolita'. Ma sotto troppi aspetti spreca, impoverisce e convenzionalizza il materiale di partenza, svuotandolo della sua complessità, ninfetismo ed erotismo".

 

Commenta Hornick: "Ho trovato la versione cinematografica in gran parte un inutile tradimento del romanzo originale da cui è stata adattata. Tuttavia, ho espresso grande ammirazione per la maggior parte dei suoi altri film". Il suo libro descrive "2001" come "un risultato magistrale" e il film di Kubrick del 1957 sulla prima guerra mondiale "Orizzonti di gloria" come "un film di inebriante raffinatezza visiva".

Ryan ONeal stanley kubrick barry lyndon Ryan ONeal stanley kubrick barry lyndon

 

Kubrick non rispose mai all'offerta di Neil Hornick di rivedere sezioni sostanziali, "a patto che l'integrità critica del libro non fosse messa a repentaglio", come gli aveva scritto l'autore. Invece, il regista collaborò strettamente con il suo amico, il critico cinematografico Alexander Walker, per un libro intitolato "Stanley Kubrick Directs", pubblicato nel 1972.

 

Alla domanda se fosse amareggiato dal fatto che gli avvocati di Kubrick avessero bloccato la pubblicazione del suo libro, Hornick ha risposto: "Forse all'epoca sì, e anche molto frustrato, ma non per molto, perché ero molto impegnato con altri progetti". Neil Hornick ha dichiarato che, nonostante il blocco della pubblicazione del suo libro, è rimasto "contagiato dal virus di Kubrick".

stanley kubrick 1 stanley kubrick 1 STANLEY KUBRICK SUL SET DI SPARTACUS STANLEY KUBRICK SUL SET DI SPARTACUS KUBRICK KUBRICK stanley kubrick 4 stanley kubrick 4 stanley kubrick 1 stanley kubrick 1 kirk douglas stanley kubrick spartacus kirk douglas stanley kubrick spartacus Le riprese di 2001: Odissea nello spazio Le riprese di 2001: Odissea nello spazio KUBRICK KUBRICK fear and desider di stanley kubrick 3 fear and desider di stanley kubrick 3 kubrick e la figlia con jack nicholson kubrick e la figlia con jack nicholson 2001:odissea nello spazio kubrick 2001:odissea nello spazio kubrick KUBRICK MASCHERA ARANCIA MECCANICA KUBRICK MASCHERA ARANCIA MECCANICA joe turkel, stanley kubrick e jack nicholson sul set di shining joe turkel, stanley kubrick e jack nicholson sul set di shining

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)