“BIBI” PRONTO ALLA RESA DEI CONTI – NETANYAHU DICE DI AVERE UN SOLO MESE PER COMPLETARE LE OPERAZIONI PER EVACUARE I CIVILI E  SMANTELLARE I 4 BATTAGLIONI DI HAMAS A RAFAH -SAREBBERO 6 I CAPI DELL’ORGANIZZAZIONE TERRORISTICA ANCORA RINTANATI A GAZA CHE ISRAELE INTENDE ELIMINARE PER DIRE CHE LA GUERRA È CONCLUSA, TRA CUI IL LEADER POLITICO NELLA STRISCIA, YAHYA SINWAR, CHE PERO’ SAREBBE SPARITO DA ALMENO 10 GIORNI – PER L’INTELLIGENCE USA L'ANNIENTAMENTO DI HAMAS E' UN OBIETTIVO IRREALISTICO, MA UNA SVOLTA POTREBBE ARRIVARE DA…

-

Condividi questo articolo


benjamin netanyahu benjamin netanyahu

1. 'NETANYAHU, OPERAZIONE A RAFAH FINISCA PRIMA DEL RAMADAN'

(ANSA) - Israele ha un solo mese di tempo - vista la pressione internazionale - per completare le sue operazioni a Rafah volte a smantellare i 4 battaglioni di Hamas nell'area. Lo avrebbe detto - secondo la tv Canale 12 - il premier Benyamin Netanyahu nel Gabinetto di guerra annunciando i preparativi per l'offensiva contro la fazione islamica schierata a Rafah e le misure per evacuare la popolazione civile sul posto. Le operazioni si dovrebbero dunque completare - secondo la stessa fonte - prima dell'entrata del Ramadan attorno al 10 marzo.

 

2. QATAR PRONTO A ESPELLERE IL LEADER DI HAMAS E IL CAPO DELLA STRISCIA È SPARITO DA 10 GIORNI

Estratto dell’articolo di Marco Ventura per “il Messaggero”

 

Yahya Sinwar Yahya Sinwar

[…] Sarebbero 6 i capi di Hamas ancora rintanati a Gaza che Israele considera necessario eliminare per dire che la guerra è conclusa, e in testa ci sono il leader politico nella Striscia, Yahya Sinwar, e quello militare, Mohammed Deif. La speranza degli israeliani è che con l'attacco a Rafah si possa pure stringere il cerchio attorno alla ridotta e all'ultimo nascondiglio di Sinwar, le cui sorti sono avvolte nel mistero. Secondo la Tv israeliana Channel 12, da 10 giorni non avrebbe più comunicato con nessuno, neppure coi propri uomini, né partecipato alle trattative sulla bozza di tregua in cambio degli ostaggi stesa da Hamas e respinta da Netanyahu.

MOHAMMED DEIF MOHAMMED DEIF

 

IL MISTERO

Lo stesso ministro della Difesa di Israele, Yoav Gallant, dopo la visita al comando dell'Intelligence militare ("Amshat") ha dipinto Sinwar come «un fuggitivo che passa da un nascondiglio all'altro e non è in grado di comunicare neppure con chi gli sta intorno. Non è più lui aggiunge Gallant a guidare le operazioni, non comanda le sue forze, è concentrato soltanto sulla propria sopravvivenza, da leader di Hamas si è trasformato in terrorista in fuga e le nostre forze di difesa, continuano a braccarlo».

 

Mostra poi una busta indirizzata a Sinwar e famiglia, che avrebbe contenuto 20mila dollari in contanti di provenienza iraniana. «Hamas combatte e fa atti terroristici mentre lui festeggia con la famiglia i soldi dall'Iran, abbiamo le prove che Yahya Sinwar pensa solo a se stesso e ai milioni di dollari che gli arrivano».

[…]

 

 

saleh al arouri saleh al arouri

Stando al New York Times i responsabili delle agenzie americane di Intelligence hanno illustrato al Congresso Usa, a porte chiuse, tutt'altro scenario: l'annientamento di Hamas sembra essere un obiettivo irrealistico, lontano, anche se le sue capacità militari sono state degradate dagli assalti israeliani in 4 mesi di guerra e con quasi 28mila morti palestinesi (secondo i calcoli del ministero della Sanità di Hamas, che però non distingue civili e militari). Quanto ai leader dell'organizzazione terroristica, la vittima più importante dei droni israeliani è stato Saleh al-Arouri, il n.2 di Hamas, a Beirut dove risiedeva.

 

guerra israele hamas 6 guerra israele hamas 6

[…] Il quotidiano arabo di proprietà saudita "Al-Arabiya" scrive che Stati Uniti e Qatar stanno lavorando all'espulsione della cupola di Hamas dall'Emirato. Sarebbe una svolta, considerando che la presenza a Doha dei leader dell'organizzazione terroristica che governa Gaza finora ha garantito che rimanesse aperto un canale di comunicazione.

 

hamas hamas

Gli emiri si sono prestati a mediare gli accordi che hanno portato a una tregua e a un primo round di liberazione degli ostaggi. Lo scorso ottobre il "Washington Post" aveva rivelato che la Casa Bianca e il Qatar stavano ragionando sull'espulsione di Haniyeh da Doha una volta conclusa la guerra e liberati gli ostaggi, ma in seguito il Qatar aveva smentito. Sul tavolo dei negoziati, che vanno avanti al Cairo nonostante la recrudescenza della guerra, c'è l'immunità per i leader: l'esilio per Sinwar e i suoi cinque comandanti più stretti, ai quali sarebbe consentito di abbandonare illesi la Striscia, e quella per i capi "in esilio" a Doha, Beirut e in altri Paesi. Immunità dubbia, se Israele ha messo in piedi una unità speciale per far fuori tutti i responsabili del 7 ottobre, senza limiti di tempo. Come è successo per il massacro di atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco del 1972, tutti uccisi.

bombardamenti su khan yunis striscia di gaza bombardamenti su khan yunis striscia di gaza attacco di hamas in israele 4 attacco di hamas in israele 4 SALEH AL AROURI SALEH AL AROURI il blitz a beirut che ha ucciso saleh al arouri il blitz a beirut che ha ucciso saleh al arouri proteste a ramallah dopo l uccisione di saleh al arouri proteste a ramallah dopo l uccisione di saleh al arouri MOHAMMED DEIF MOHAMMED DEIF MOHAMMED DEIF MOHAMMED DEIF benjamin netanyahu benjamin netanyahu BENJAMIN NETANYAHU BENJAMIN NETANYAHU BENJAMIN NETANYAHU BENJAMIN NETANYAHU Yahya Sinwar Yahya Sinwar benjamin netanyahu benjamin netanyahu BENJAMIN NETANYAHU E LA VENDITA DI ARMI ISRAELIANE - VIGNETTA BY NATANGELO BENJAMIN NETANYAHU E LA VENDITA DI ARMI ISRAELIANE - VIGNETTA BY NATANGELO Yahya Sinwar Yahya Sinwar BA-HAMAS - MEME BY EMILIANO CARLI BA-HAMAS - MEME BY EMILIANO CARLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO