“IN CELLA CON LUI C’E’ UN POSITIVO, È UN ATTENTATO ALLA SUA VITA” – L’AVVOCATO TORNA A CHIEDERE I DOMICILIARI PER ROBERTO FIORE PER MOTIVI DI SALUTE. IL LEADER DI FORZA NUOVA SI TROVA NEL CARCERE DI POGGIOREALE DOPO L’ASSALTO ALLA CGIL DELLO SCORSO 9 OTTOBRE. UNA RICHIESTA DI REVOCA DELLA CUSTODIA IN CARCERE E’ STATA RESPINTA IL 25 DICEMBRE. ORA LA NUOVA MOSSA DEL LEGALE CHE ELENCA TUTTE LE PATOLOGIE DI FIORE…

-

Condividi questo articolo


Da open.online

 

roberto fiore roberto fiore

La richiesta di arresti domiciliari per Giuliano Castellino, Roberto Fiore e Salvatore Lubrano – in carcere per l’inchiesta relativa all’assalto alla Cgil – è stata respinta il 25 dicembre. Tre giorni dopo, l’avvocato Nicola Trisciuoglio, che difende il leader di Forza Nuova Fiore, è tornato a chiedere la revoca della custodia in carcere. Questa volta per motivi di salute.

 

«Un uomo detenuto nella cella del carcere di Poggioreale, dove è recluso Roberto Fiore, è risultato positivo al Coronavirus. Il che, considerate le patologie del presidente di Forza Nuova già compiutamente certificate nella relazione medica della professoressa Carmela Rescigno (si parla di ipertensione arteriosa resistente a terapia farmacologica e obesità, ndr) e ignorate totalmente dalla procura e dal gip del tribunale di Roma, significa un attentato alla sua vita».

 

 

ROBERTO FIORE ROBERTO FIORE

All’Adnkronos, il legale annuncia che «nel superiore interesse della tutela della salute di Fiore e, quindi, a tutela della sua vita domani presenterò nuova istanza al gip per la concessione dei domiciliari. Adesso il segretario di Forza Nuova rischia la morte». Trisciuoglio dice di aver avvertito il garante dei detenuti del Comune di Napoli e l’omologo della Regione Campania.

 

ROBERTO FIORE E GIULIANO CASTELLINO ROBERTO FIORE E GIULIANO CASTELLINO

«Unitamente alla professoressa Carmela Rescigno chiederemo un incontro ad horas con il Direttore Sanitario della struttura carceraria – aggiunge il legale -. In queste condizioni non è monitorabile il paziente all’interno del carcere per le sue gravi patologie su cui va a incidere l’eventualità concreta del contagio. Ognuno deve in questo momento assumersi le proprie responsabilità, anche quella di tramutare una misura custodiale massima in una condanna a morte. La permanenza di Fiore all’interno della struttura circondariale di Poggioreale – incalza Trisciuoglio – è un attentato alla vita».

giuliano castellino e roberto fiore assalto alla cgil giuliano castellino e roberto fiore assalto alla cgil ROBERTO FIORE ROBERTO FIORE

 

ROBERTO FIORE ROBERTO FIORE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DRAGHI SI È ROTTO IL CAZZO: GOVERNO ALL'ULTIMA SPIAGGIA! – PRIMA ISOLA CONTE SULLE ARMI ALL’UCRAINA, POI METTE SPALLE AL MURO SALVINI E FORZA ITALIA SULLE CONCESSIONI BALNEARI E MANDA UN AVVISO AI NAVIGATI: ENTRO MAGGIO BISOGNA CHIUDERE CON IL DDL CONCORRENZA O SALTANO I FONDI UE - E OTTIENE IL VIA LIBERA DAL CDM A METTERE LA FIDUCIA: "C’È IN GIOCO IL PNRR” (IL SOTTOTESTO: SE QUALCUNO NON E' D'ACCORDO, SI ASSUMA LA RESPONSABILITA' DI STACCARE LA SPINA) - I NODI ANCORA DA SCIOGLIERE: QUALI CONCESSIONI METTERE AL BANDO E COME INDENNIZZARE CHI PERDE IL LIDO...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“CHI NON È VACCINATO NON È COPERTO” - BASSETTI PROVA A RASSICURARE SUI PRIMI CONTAGI DI VAIOLO DELLE SCIMMIE, MA OTTIENE L’EFFETTO OPPOSTO: LE INIEZIONI OBBLIGATORIE CONTRO LA MALATTIA SONO STATE ABROGATE NEL 1981 E NON VENGONO FATTE PRATICAMENTE DAL 1974 - "È UN PROBLEMA EUROPEO E GLOBALE, DOBBIAMO FARE MOLTO BENE IL TRACCIAMENTO E FERMARE IL FOCOLAIO. NON C'È UNA CURA SPECIFICA, IN GENERE QUESTE FORME SI AUTOLIMITANO. SI TRASMETTE ANCHE ATTRAVERSO IL RESPIRO, MA SOLO SE…”