UNA “FAZENDA” MOLTO PICCANTE – GRANDE BORDELLO AL REALITY BRASILIANO DOVE DAYANE MELLO HA RACCONTATO IN LACRIME DI ESSERE STATA MOLESTATA DALL’ATTORE 29ENNE NEGO: I DUE SI ERANO INFILATI A LETTO, LUI L’HA BACIATA TOCCANDOSI LE PARTI INTIME – AL RIFIUTO DI LEI, LUI HA SCAPOCCIATO E HA LANCIATO UN SECCHIO DI FERRO - DI CHI ERA IL PRESERVATIVO TROVATO SOTTO IL LETTO? – IN PASSATO L’ATTORE È STATO DENUNCIATO DA TRE DONNE PER… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Roberto Mallò per "www.davidemaggio.it"

 

Situazione delicata per Dayane Mello nel reality brasiliano A Fazenda. Negli scorsi giorni, la modella e influencer avrebbe subito, infatti, delle molestie dal cantante e attore 29enne Nego do Borel, concorrente del programma. Nonostante la successiva agitazione della donna, che ha più volte chiesto di parlare con la produzione senza ricevere delle risposte in tal senso, l’uomo è ancora a tutti gli effetti un partecipante della trasmissione che non sembra intenzionata a fare qualcosa in merito (se non a declassare l’accaduto come una semplice ‘love story’ terminata ancora prima di iniziare).

 

Il fatto increscioso si sarebbe verificato sabato 18 settembre 2021. Su di giri per qualche bicchiere di troppo, Nego ha più volte cercato il contatto fisico con l’altrettanto ‘alticcia’ Dayane e, dopo averle strappato un bacio sulle labbra, si è fatto sempre più insistente, tant’è che in un video diffuso sui social ha dato l’impressione che, proprio in quei momenti, si stesse toccando le parti intime.

 

All’ennesimo rifiuto da parte della Mello, Do Borel si è così alzato dal letto e, visibilmente nervoso, ha lanciato un secchio di ferro – che fortunatamente ha colpito il muro – in direzione del letto della donna. Momenti, decisamente tesi, che hanno spaventato Dayane. Tuttavia nelle scorse ore, date le scuse e le lacrime di pentimento dell’uomo, che ha dichiarato di essere stato frainteso, è parsa intenzionata a tendere una mano al compagno di viaggio.

 

Una vicenda spinosa e con elementi ancora da spiegare, visto che sotto il letto del cantante è stato trovato un preservativo. Tuttavia, nonostante le varie richieste di espulsione dei telespettatori, Nego è ancora un concorrente di A Fazenda, dove molto probabilmente non sarebbe dovuto nemmeno entrare, visto che – come rivelato da Casa Chi – in passato sarebbe stato denunciato da tre donne diverse per aggressione e violenza domestica fisica e psicologica.

 

Lo staff di Do Borel, oltre a sottolineare che Dayane non ha parlato di molestie, ha cominciato intanto a parlare di razzismo per il colore della pelle dell’artista e il suo passato trascorso nelle favelas. Insomma, la situazione è abbastanza ingarbugliata.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“CHIUDERE CARTABIANCA È FOLLIA, IN ITALIA C’È UNA CHINA PERICOLOSA. DOMANI QUALCUNO SI FARÀ VIDIMARE LE DOMANDE DA PALAZZO CHIGI?” - MARIO GIORDANO A TUTTO SPIANO: “IL COPASIR INDAGA SUGLI OSPITI? SE C’È UNA SPIA E LO PROVI, LO DENUNCI ALLA POLIZIA” - IL PRIMO LAVORO A “IL NOSTRO TEMPO” INSIEME A TRAVAGLIO: “IO ERO IL CLASSICO TERZOMONDISTA, LUI TRADIZIONALISTA” - GAD LERNER, “LUCIGNOLO”, FELTRI E L’ASPETTO: “IN TUTTA LA MIA VITA MI HANNO SEMPRE PRESO PER IL CULO. ORA CI SCHERZO MA HO SEMPRE SOFFERTO. UNA VOLTA BISOGNAVA RICEVERE DEI RUSSI, E IL DIRETTORE MI DISSE…”

politica

business

cronache

SANNA TUTTA PANNA - L’ITALIA HA GLI ORMONI IN FESTA PER SANNA MARIN, PRIMO MINISTRO FINLANDESE CHE HA MANDATO IN ESTASI ANCHE QUEL "PELUCHE RIDENS" DI MARIO DRAGHI - LA 36ENNE HA UN FISICO TONICO, UN MARITO BELLOCCIO CON CUI STA DA QUANDO AVEVA 16 ANNI, DUE FETTONE AL POSTO DEI PIEDI CHE STUZZICANO LE PERVERSIONI DEI FETICISTI DELL’ALLUCE, UN PASSATO COME FORNAIA - QUALCHE TEMPO FA LE FINLANDESI SONO INSORTE CREANDO #FINWITHSANNA PER PROTESTARE CONTRO CHI L'HA CRITICATA PER LA DECISIONE D'INDOSSARE UN…

sport

cafonal

viaggi

salute

“CHI NON È VACCINATO NON È COPERTO” - BASSETTI PROVA A RASSICURARE SUI PRIMI CONTAGI DI VAIOLO DELLE SCIMMIE, MA OTTIENE L’EFFETTO OPPOSTO: LE INIEZIONI OBBLIGATORIE CONTRO LA MALATTIA SONO STATE ABROGATE NEL 1981 E NON VENGONO FATTE PRATICAMENTE DAL 1974 - "È UN PROBLEMA EUROPEO E GLOBALE, DOBBIAMO FARE MOLTO BENE IL TRACCIAMENTO E FERMARE IL FOCOLAIO. NON C'È UNA CURA SPECIFICA, IN GENERE QUESTE FORME SI AUTOLIMITANO. SI TRASMETTE ANCHE ATTRAVERSO IL RESPIRO, MA SOLO SE…”