“FOSSE STATO PER ME QUESTA STORIA DI SANGALLI E DELLE MOLESTIE ME LA SAREI PORTATA NELLA BARA” – PARLA GIOVANNA VENTURINI, EX SEGRETARIA DI CARLO SANGALLI STORICO PRESIDENTE DI CONFCOMMERCIO, ASSOLTA DALL’ACCUSA DI ESTORSIONE: “HO AVUTO VERSO SANGALLI RISPETTO E STIMA FINO AL MOMENTO IN CUI IL SUO COMPORTAMENTO NEI MIEI CONFRONTI È DIVENTATO MOLESTO. NON HO MAI VOLUTO FARE SCANDALI, L'UNICA COSA CHE HO CHIESTO È STATO CAMBIARE POSTO. I SOLDI MI FURONO PROPOSTI DALL'EX DG FRANCESCO RIVOLTA CHE MI DISSE CHE IL PRESIDENTE SANGALLI VOLEVA CHIEDERE SCUSA, RISARCIRE…”

-

Condividi questo articolo


Giuseppe Guastella per il “Corriere della Sera”

 

giovanna venturini giovanna venturini

Dopo la sentenza che l'ha assolta con formula piena dall'accusa di aver estorto 216 mila euro allo storico presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, minacciando che l'avrebbe accusato di molestie sessuali - aveva denunciato lui nel 2018 -, Giovanna Venturini, che è stata per anni la sua segretaria, ha ancora addosso la tensione del momento in cui venerdì scorso il giudice Alessandro Arturi ha letto il dispositivo che si somma a tutta quella accumulata dal 2010, da quando questa storia ha preso inizio. Il giudice le ha anche restituito il denaro che le era stato sequestrato, donatole da Sangalli con un atto notarile.

 

Che anni sono stati?

«Devastanti. Hanno cambiato profondamente la mia persona, tuttavia in questo mio calvario ho sempre avuto fiducia piena nella giustizia e questo mi ha dato la forza per andare avanti».

carlo sangalli 2 carlo sangalli 2

 

Non è stata delusa.

«Per questo ringrazio il giudice Arturi che, attraverso la sua attenta analisi degli atti, ha emesso un'assoluzione "perché il fatto non sussiste"».

 

A fine 2010 il rapporto professionale con il presidente si interrompe perché, come ha denunciato lei, vuole sfuggire alle sue molestie sessuali.

«Come ho sempre affermato, ho avuto verso Sangalli rispetto e stima fino al momento in cui il suo comportamento nei miei confronti è cambiato diventando molesto».

giovanna venturini la donna che ha accusato carlo sangalli di averla molestata giovanna venturini la donna che ha accusato carlo sangalli di averla molestata

 

Per anni, però, non ha detto nulla, neppure ai suoi familiari. Perché?

«L'ho detto anche al giudice facendo dichiarazioni spontanee: fosse stato per me questa storia sarebbe morta con me, me la sarei portata nella bara sottoterra. Purtroppo, quando la notizia ha cominciato a circolare a fine 2017 tra i vertici della Confederazione, sono stata costretta a radunare la mia famiglia per dire tutto.

 

FRANCESCO RIVOLTA 1 FRANCESCO RIVOLTA 1

Non ho mai voluto fare scandali, l'unica cosa che ho chiesto in Confcommercio è stato di aiutarmi a cambiare posto. Punto. Non ho mai chiesto altro, i soldi mi furono proposti da Francesco Rivolta (ex direttore generale, anche lui assolto dopo una richiesta di 5 anni di carcere) che mi disse che il presidente Sangalli voleva chiedere scusa, risarcire e che se ne sarebbe addirittura andato».

 

Quando Sangalli l'ha querelata, ha temuto che la giustizia potesse non crederle?

carlo sangalli 1 carlo sangalli 1

«Di pensieri ce ne sono stati tanti. Quando sono stata iscritta nel registro degli indagati è stata una cosa da morire».

 

La prima volta, immagino.

«La prima e l'ultima».

 

Qual era il suo stato d'animo mentre il giudice si apprestava a leggere la sentenza?

«Sapevo di dipendere dal giudizio di un'altra persona, ma sapevo anche che sarei stata aiutata, supportata. Ho anche tanta fede. Aspettavo quel momento sperando che tutto finisse nel modo in cui io avevo sempre voluto. Nell'ultimo periodo, ogni volta che entravo a piazzale Clodio (il nome con cui viene indicato il palazzo di giustizia di Roma, ndr ) per me era un colpo al cuore, qualcosa di devastante. Mi chiedevo: "Io non ho fatto nulla, non ho mai chiesto nulla, perché dovrei essere condannata?"».

FRANCESCO RIVOLTA FRANCESCO RIVOLTA

 

Ha pregato?

«Io prego da sempre e l'ho fatto anche prima della sentenza. Alla lettura del dispositivo, a fianco del mio avvocato Paolo Gallinelli, avevo il crocifisso tra le mani. Quando ho capito di essere stata assolta sono scoppiata in lacrime per la sensazione di liberazione da una spada di Damocle che per tre anni e mezzo è stata sopra la mia testa. Poi mi hanno fatto sedere su una sedia, credo che qualcuno mi abbia dato un po' di acqua».

carlo sangalli carlo sangalli

 

Quanto ha contato per lei la sua famiglia?

«Tutto. Non c'è stato un momento in cui i nostri affetti e la nostra unione hanno traballato. Pur con il dolore, l'ansia e lo sgomento, i miei mi sono stati sempre vicini. Di fronte a loro ho sempre cercato di essere forte, sorridente, anche se dentro di me c'era la devastazione e provavo dolori lancinanti perché dovevo affrontare una situazione allucinate».

 

Ora, vita nuova?

«Questa sentenza da oggi restituisce la vita a me e alla mia famiglia. Venerdì sera abbiano fatto un timido brindisi. Ci siamo guardati negli occhi, tante lacrime, abbracci profondi».

 

Se pensa a Sangalli, cosa le viene in mente?

«Mi faccia un'altra domanda...».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE