“HO DI NUOVO IL COVID, DOPO CHE DUE ANNI FA MI HA FATTO STARE 15 GIORNI IN OSPEDALE TRA LA VITA E LA MORTE” - PIERO CHIAMBRETTI TORMENTATO DAL VIRUS: “MA ORA E’ COME SE FOSSE PIU’ GARBATO. AVEVO SINTOMI PRECISI: MAL DI GOLA INSISTENTE, FORTE EMICRANIA. QUINDI, NONOSTANTE UN PRIMO TAMPONE NEGATIVO AL MATTINO, HO VOLUTO FARNE UN ALTRO LA SERA E SONO RISULTATO POSITIVO - IL CAMPIONATO DI SERIE A? E’ FALSATO. SQUADRE DECIMATE, INCONTRI CHE SALTANO. C'È CHI PUÒ PERMETTERSI DEI CAMBI E CHI NO. COSÌ I VALORI E I PESI DELLE GARE NON SONO QUELLI REALI…”

-

Condividi questo articolo


Chiara Maffioletti per il “Corriere della Sera”

 

chiambretti chiambretti

«È stato un brutto colpo». Per Piero Chiambretti non è semplice avere di nuovo a che fare con il Covid dopo che due anni fa «mi ha fatto stare per quindici giorni in ospedale, tra la vita e la morte, portandosi via mia mamma». Ora è diverso, «è come se fosse un virus più garbato». Tanto che domani sera, su Italia 1, sarà comunque alla guida di Tiki Taka . Ma in smart working, da casa.

 

«Non mi faccio mancare nulla. Ovviamente avrei preferito andare in studio con le mie gambe, ma ormai la tv si può fare da remoto... essendo però un artigiano del tubo catodico, preferisco le cose classiche. Sarò aiutato da Monica Bertini e ci saranno anche i miei validissimi ospiti».

 

Come ha scoperto di essere di nuovo positivo?

chiambretti chiambretti

«Avevo sintomi precisi: mal di gola insistente, forte emicrania - dovrebbero chiamarlo Emicron non Omicron -. Quindi, nonostante un primo tampone negativo al mattino, ho voluto farne un altro la sera, diverso, che intercettasse questa variante, ed ero positivo. Mi sono bruciato con l'acqua calda e ora mi fa paura anche la fredda».

 

Psicologicamente come va?

«Questa cosa non fa bene al morale e nemmeno al fisico. Ma grazie a quello che ci siamo iniettati la vivo come una forte influenza. Penso però sia inevitabile per chi ha passato quello che ho passato io temere sempre il peggio. Tutto è successo a pochi giorni dalla terza dose. Ma rimango un convinto si vax: come hanno spiegato quelli bravi e anche quelli meno bravi, il vaccino ti permettere di resistere a un attacco virale così forte che ti manda in ospedale. Mia madre sarebbe andata a piedi scalzi a farsi vaccinare e tutto sarebbe stato diverso».

chiambretti chiambretti

 

Molti calciatori, oggi, sono nelle sue stesse condizioni.

«Sì, ho seguito in maniera sistematica quello che succede a loro. E dire che prima di questa ennesima caduta in basso avevo fatto molta attenzione. Motivo per cui non mi sono fidato del primo tampone, il che fa pensare al caos in cui siamo, perché potevo uscire e infettare qualcuno».

 

Come vede il campionato in questa nuova ondata?

«Già pensavo di affrontare il tema caldo del rapporto tra Covid e calcio, certo non immaginavo lo avrei fatto da casa, da positivo. Io penso che così il campionato sia falsato. Squadre decimate, incontri che saltano... c'è chi può permettersi dei cambi e chi no... così i valori e i pesi delle gare non sono quelli reali».

chiambretti chiambretti

 

Che opinione si è fatto sul caso Djokovic?

«Che in queste situazioni bisogna considerare anche il rovescio della medaglia: hanno ragione tutti e nessuno».

 

Confessi: domani, da casa, condurrà in pigiama?

 «No: la mia eleganza è riconosciuta anche dai medici».

piero chiambretti con la madre felicita2 piero chiambretti con la madre felicita2 PIERO CHIAMBRETTI A VERISSIMO PIERO CHIAMBRETTI A VERISSIMO

 

Condividi questo articolo

media e tv

GLI ANNI FOLLI DEL CLAN YSL - LA DIFFERENZA TRA IL CLAN SAINT LAURENT E IL RESTO DEL MONDO ERA CHE I SUOI ACCOLITI PRATICAVANO NEL DIVERTIRSI UNA DISCIPLINA IMPERVIA, DA FLAGELLANTI DEL PIACERE. BALLANDO SULLA PEDANA DEL 54, "TIRANDO" IN UN CESSO, O SEDENDO ALLA MENSA DI UNA DUCHESSA CHE SI FA LEGGERE IL MENU DAL CARDINALE, QUESTI RAGAZZI RIDONO, BEVONO, SI DROGANO, SCOPANO, SPETTEGOLANO… - LEI, LA BARONESSA, CHE SAPUTO DELLA PRESENZA DI UN MEDICO TRA I COMMENSALI SI ALZA E GLI VA ACCANTO, SI SOLLEVA LA GONNA (OVVIAMENTE DI YVES), SI CALA LE MUTANDE, E APPOGGIATI I GOMITI SUL TAVOLO GLI CHIEDE DI GUARDARLE L'ANO CHE LE BRUCIA: “COI DOTTORI NON BISOGNA AVERE SEGRETI…”

politica

business

MA CHE DAVERO? L’UOMO PIÙ RICCO DEL MONDO C’HA IL BRACCINO CORTO E VUOLE LO SCONTO - ELON MUSK TORNA A METTERE IN DUBBIO L’ACCORDO CON TWITTER, MA È SOLO UN MODO PER DOVER SGANCIARE MENO SOLDI: “NON PUÒ ANDARE AVANTI FINO A QUANDO NON SARÀ PROVATO CHE GLI ACCOUNT FAKE SONO INFERIORI AL 5%” - PROBLEMA: I DATI SUI BOT SONO NOTI DA TEMPO. IL FONDATORE DI TESLA STA CERCANDO UN MODO PER SALVARE LA FACCIA: SI DEVE ESSERE ACCORTO CHE IL SOCIAL È UN CETRIOLONE CHE COSTA TANTO E NON PORTA PROFITTI - IL TITOLO CROLLA IN BORSA

cronache

sport

“NON C'È ANCORA UN PADRONE DEL GIRO E QUESTO LO RENDE ANCORA PIÙ INTERESSANTE” – ALDO GRASSO: "IL GIRO D'ITALIA E’ UN GRANDE ROMANZO DIVISO IN 21 CAPITOLI - RAI SPORT HA TROVATO UN QUARTETTO DI NARRATORI BEN AFFIATATO. C'È FRANCESCO PANCANI (SOSTITUITO IN QUESTI GIORNI DA STEFANO RIZZATO) CON IL COMPITO DI SEGUIRE LA TRAMA PRINCIPALE; CI SONO ALESSANDRO PETACCHI E GIADA BORGATO (SEMPRE PIÙ BRAVA, ORMAI PRESENZA INDISPENSABILE). C'È SOPRATTUTTO LO SCRITTORE FABIO GENOVESI". POI C'È ANCHE “IL COMMISSARIO” MARCO SALIGARI SULLA MOTO - VIDEO

cafonal

viaggi

salute