“UN INCIDENTE SIMILE NON ERA MAI AVVENUTO. NON RIUSCIAMO A CAPIRE" – GIUSEPPE DEL GIUDICE, PROFESSIONE DI COSTRUZIONI IDRAULICHE ALL’UNIVERSITÀ DI NAPOLI, NON SI SA SPIEGARE L’INCIDENTE ALLA DIGA DI SUVIANA: “L’UNICA COSA DI INFIAMMABILE CHE MI VIENE IN MENTE È L’OLIO CHE RAFFREDDA L’ALTERNATORE” – “IL PERSONALE? SU QUESTI IMPIANTI POSSONO METTERE LA MANI SOLO TECNICI ALTAMENTE SPECIALIZZATI…”

-

Condividi questo articolo


 

 

Estratto dell’articolo di Elena Dusi per “la Repubblica”

 

GIUSEPPE DEL GIUDICE GIUSEPPE DEL GIUDICE

[…] A tre giorni dall’esplosione, dal limo che ha invaso la centrale idroelettrica di Bargi non emergono indizi utili sulle cause dell’incidente. «Neanche noi del settore riusciamo a capire la dinamica» ammette Giuseppe Del Giudice, professore di costruzioni idrauliche all’università di Napoli, titolare della cattedra di impianti idroelettrici. «A memoria mia e dei colleghi non era mai avvenuto un incidente simile».

 

Proviamo a ricostruire la scena?

«Il pozzo della centrale contiene due elementi: turbina e alternatore. La turbina ruota quando viene investita dall’acqua. Un asse la collega all’alternatore, che trasforma l’energia della rotazione in elettricità. La turbina, costantemente investita da un getto d’acqua, resta fredda. L’alternatore non ha questa fortuna. Gli attriti della rotazione creano calore. C’è bisogno di un circuito di raffreddamento fatto di tubi e olii. Se dovessi pensare a un punto critico indicherei l’alternatore».

LE RICERCHE DEI SOMMOZZATORI - CENTRALE IDROELETTRICA DI BARGI - DIGA DI SUVIANA LE RICERCHE DEI SOMMOZZATORI - CENTRALE IDROELETTRICA DI BARGI - DIGA DI SUVIANA

 

[…] «[…] L’unica cosa di infiammabile che mi viene in mente è l’olio che raffredda l’alternatore».

 

Sono previste misure di sicurezza durante un collaudo?

«Per prevedere misure di sicurezza bisognerebbe prevedere le fonti di pericolo. Ma noi non avevamo idea che questo tipo di centrale potesse subire un incidente così grave».

 

Altre centrali sono a rischio?

«Potrò rispondere quando saranno chiare le cause dell’esplosione, ma non demonizziamo l’idroelettrico. Le centrali di ripompaggio come Bargi tra l’altro sono utili per la transizione energetica perché compensano la variabilità di sole e vento. Generano elettricità quando le altre fonti contribuiscono meno».

ESPLOSIONE NELLA CENTRALE IDROELETTRICA DI BARGI - LAGO DI SUVIANA ESPLOSIONE NELLA CENTRALE IDROELETTRICA DI BARGI - LAGO DI SUVIANA

 

Può darsi che personale poco addestrato abbia commesso errori?

 «Il personale poco addestrato non si avvicina neanche a una turbina. Su questi impianti possono mettere le mani solo tecnici altamente specializzati, che sono pochi e ben conosciuti. Nella manutenzione di un impianto idroelettrico non c’è spazio per l’improvvisazione».

esplosione nella centrale idroelettrica di bargi - lago di suviana esplosione nella centrale idroelettrica di bargi - lago di suviana LA DINAMICA DELL INCIDENTE ALLA DIGA DI SUVIANA LA DINAMICA DELL INCIDENTE ALLA DIGA DI SUVIANA esplosione nella centrale idroelettrica di bargi - lago di suviana esplosione nella centrale idroelettrica di bargi - lago di suviana esplosione nella centrale idroelettrica di bargi - lago di suviana esplosione nella centrale idroelettrica di bargi - lago di suviana centrale idroelettrica di bargi diga di suviana centrale idroelettrica di bargi diga di suviana LE VITTIME DELL ESPLOSIONE DELLA CENTRALE IDROELETTRICA ALLA DIGA DI SUVIANA LE VITTIME DELL ESPLOSIONE DELLA CENTRALE IDROELETTRICA ALLA DIGA DI SUVIANA esplosione alla centrale elettrica di bargi lago di suviana 4 esplosione alla centrale elettrica di bargi lago di suviana 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…