“MI SONO BLOCCATA. VOLEVO URLARE, SPINGERLO VIA, MA IL MIO CORPO NON REAGIVA” – IL “NEW YORK TIMES” FA A PEZZI TUTTE LE CONVINZIONI SBAGLIATE SULLO STUPRO: INTERVISTANDO RICERCATORI, PSICOLOGI E BIOLOGI, SPIEGA COME L’INCREDIBILE MECCANISMO DEL “CONGELAMENTO” SIA PIÙ COMUNE DI QUANTO DI POSSA PENSARE TRA LE VITTIME DI ABUSO SESSUALE – PROPRIO A CAUSA DELLA REAZIONE PASSIVA DELLA VITTIMA, MOLTI STUPRI RIMANGONO IMPUNITI, MA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Jen Persy per www.nytimes.com

 

stupro 5 stupro 5

"Mi sono bloccata", ha detto la donna, ripensando al giorno in cui è stata violentata durante un'esercitazione militare qualche estate fa.

 

[…] Quella notte, si addormentò e si svegliò con un uomo sdraiato accanto a lei, che la penetrava con il dito e poi procedeva rapidamente fino allo stupro. 

 

"Volevo urlare o spingerlo via. Non so nemmeno perché, ma il mio corpo semplicemente non reagiva." Ad un certo punto, dopo aver finito, lei ha ricominciato a muoversi di nuovo. L'uomo si è allontanato e lei si è riaddormentata, anche se non ricorda quando. Al mattino fece colazione e vomitò subito.

 

stupro 4 stupro 4

Non riusciva a capire la sua incapacità di rispondere all'aggressione. Sembrava in contrasto con la sua formazione: le ore che aveva trascorso imparando a sopravvivere e a combattere contro tutti i tipi di minacce.

 

Si vergognava di se stessa per non aver fatto nulla. […]  Le settimane che seguirono lo stupro furono estenuanti: le esigenze di addestramento oltre allo stress dell'aggressione. È caduta in depressione e ha perso 20 chili. Aveva il terrore di addormentarsi. "Mi sentivo come se non potessi fidarmi del mio stesso corpo".

 

stupro 3 stupro 3

Quasi tutte le notti singhiozzava con le braccia attorno alle ginocchia. Dormiva sempre su un fianco, ma non si sentiva più sicura in quella posizione. Se si addormentava, era solo per un'ora o due prima di svegliarsi di nuovo in lacrime. Il suo cuore batteva forte e le sue lenzuola erano inzuppate di sudore.

 

Quando amici e mentori hanno scoperto come aveva reagito durante lo stupro, sono rimasti sconvolti e confusi. “Non hai fatto niente? Non hai detto niente? Ti sei bloccata?” […] Mesi dopo l'aggressione, finalmente parlò con un consulente, che le spiegò che il "congelamento" poteva essere una normale risposta all'aggressione. 

 

[…] Esiste una lingua che le donne usano, un vocabolario ripetuto per descrivere ciò che sperimentano e pensano durante una violenza sessuale. Le varie forme di “congelamento” fanno spesso parte di quel vocabolario. Ma la parola ha così tanti riferimenti nel suo uso colloquiale che è difficile sapere esattamente cosa significhi per ogni persona che la pronuncia.

 

stupro 2 stupro 2

«Sono rimasta assolutamente paralizzata» ha detto Brooke Shields nel documentario "Pretty Baby", descrivendo come si è sentita quando è stata violentata. 

Parlando del suo stupro, l'attrice e modella norvegese Natassia Malthe ha detto ai giornalisti: «Ero come una persona morta». In un articolo per "Vice", la scrittrice Jackie Hong ha scritto del suo stupro: «Quando ha iniziato a tirarmi giù i pantaloni e la biancheria intima, il mio corpo sembrava congelarsi». In un episodio della serie di documentari "The Me You Can't See", Lady Gaga descrive il suo stupro a 19 anni: «Mi sono semplicemente bloccata». 

 

stupro 1 stupro 1

«Non sono una che urla» ha testimoniato E. Jean Carroll al tribunale distrettuale degli Stati Uniti di Manhattan descrivendo come Donald Trump ha abusato sessualmente di lei in uno spogliatoio di Bergdorf Goodman. Ha detto alla corte che era “troppo in preda al panico per urlare” […]

Tutte queste risposte, che spesso appaiono anormali, sono comuni ma fraintese. Quando un tribunale si stava preparando a condannare Harvey Weinstein per crimini sessuali, una delle sue vittime, Jessica Mann, si è impegnata a chiarire la propria versione del congelamento: «Così tante donne, me compresa, sono state in grado di trovare solo parole come 'mi sono arresa' o 'mi sono bloccata'». […]

 

violenza sessuale violenza sessuale

Cos’è l’immobilità tonica? È una risposta estrema a una minaccia che lascia le vittime letteralmente paralizzate. Non possono muoversi o parlare. Per più di un secolo, gli scienziati hanno studiato fenomeni simili negli animali, e nel corso degli anni ha trovato diversi nomi: ipnosi animale, finzione di morte, morte apparente, tanatosi.

L’immobilità tonica è una strategia di sopravvivenza che è stata identificata in molte classi di animali – insetti, pesci, rettili, uccelli, mammiferi – e trae il suo potere evolutivo dal fatto che molti predatori sembrano programmati per perdere interesse per le prede morte.

 

stupro 1 stupro 1

È stato dimostrato che gli esseri umani sperimentano l'immobilità tonica nel contesto di guerre e torture, disastri naturali e incidenti mortali, e gli studi suggeriscono che è comune negli abusi sessuali. 

 

All’inizio degli anni ’70, le ricercatrici americane Ann Burgess e Lynda Lyttle Holmstrom osservarono questo comportamento, quello che fu presto definito “paralisi indotta dallo stupro”, nelle persone del Boston City Hospital. Nel corso di un anno, hanno documentato che 34 dei 92 pazienti con diagnosi di “trauma da stupro” hanno sperimentato il congelamento durante le aggressioni. […]

 

stupro 2 stupro 2

Alcuni anni dopo, gli psicologi Susan Suarez e Gordon Gallup sostenevano in un articolo del 1979 su The Psychological Record che l’immobilità tonica si è evoluta negli esseri umani, come in altri animali, come difesa contro i predatori. Hanno poi notato quanto spesso un uomo non venisse condannato per stupro proprio perché la vittima non resiste.  

 

stupro 3 stupro 3

[…] È statisticamente raro che qualcuno reagisca fisicamente durante una violenza sessuale. La resistenza verbale è più comune, ma anche questa è spesso più passiva di quanto le persone si aspettino. […] La prima risposta del cervello umano al pericolo è quasi sempre quella di interrompere ogni movimento per valutare meglio una minaccia. Nel giro di una frazione di secondo, si verificano altri cambiamenti fisiologici per preparare il corpo ad assumere comportamenti salvavita. A volte questo porta alla lotta o alla fuga, ma molto più comunemente nelle vittime di violenza sessuale, è il congelamento, durante il quale il cervello valuta l'aggressione generando potenziali opzioni di risposta. Le vittime sono immobili, con un battito cardiaco lento e attente alla minaccia.

 

stupro 5 stupro 5

[…] Jim Hopper, psicologo clinico e professore associato presso la Harvard Medical School, ha osservato che a volte le vittime sperimentano quello che lui chiama "congelamento scioccante", quando la mente di una persona rimane “vuota” per diversi secondi; le vittime potrebbero descriverlo con frasi come "Non riuscivo nemmeno a pensare" o "Non avevo idea di cosa fare". […] Potrebbero avere difficoltà a ricordare informazioni pratiche, come il fatto che ci siano persone nelle vicinanze che potrebbero sentirle urlare.

stupro 4 stupro 4

 

Hopper ha anche aggiunto una sfumatura cruciale: ad un certo punto durante lo stupro, la maggior parte delle vittime ritorna ad abitudini, solitamente passive o sottomesse, che sono state condizionate dalla cultura o dall’abuso. Molte donne, ad esempio, sono abituate a essere gentili con gli uomini, per evitare di offendere il loro ego ed evitare ritorsioni. «E queste sono in realtà tra le risposte cerebrali più comuni che le persone hanno quando subiscono una violenza sessuale - ha detto - Di solito non consideriamo queste abitudini involontarie, ma lo sono assolutamente».

[…]

 

stupro 2 stupro 2

Secondo Sunda TeBockhorst, una psicologa praticante del Colorado, alcune, non appena inizia l'aggressione, si sono ricordate di essersi chieste cosa avrebbero detto e pensato gli altri di loro: «La violenza sessuale è l'unico tipo di incidente in cui una vittima si incolpa dell'essere terrorizzata».

[…]

 

stupro 1 stupro 1

Nel 2012, Rebecca Campbell, psicologa della Michigan State University, ha presentato un'analisi di oltre 12 anni sui casi di violenza sessuale che erano stati esclusi dal sistema giudiziario. Il problema iniziava con la polizia: in sei giurisdizioni, in media l’86% dei casi denunciati non andava oltre la polizia. Di questi casi, la polizia ha detto a circa il 70% di non sporgere denuncia. Quando Campbell ha intervistato la polizia su questo argomento, ha appreso che non erano in cattiva fede, ma avevano una comprensione molto scarsa del comportamento delle vittime. Respinsero regolarmente le denunce di stupro perché non comprendevano le risposte fisiologiche comuni al trauma e presumevano che le vittime mentissero. I casi furono archiviati prima ancora che ci fossero delle indagini.

 

lady gaga 3 lady gaga 3

La polizia spesso segue una tecnica di interrogatorio che insegna loro a presumere che quando una dichiarazione non è dettagliata, o se ci sono lacune o incongruenze nel resoconto, la persona mente. E i pubblici ministeri spesso evitano di andare in tribunale se ritenevano di non poter sostenere una causa forte. […]

 

stupro 2 stupro 2

Con una maggiore conoscenza di come funziona il cervello, i comportamenti che vengono bollati come anomali, quelle che appaiono come discrepanze, riescono ad avere più senso. Alcune risposte al trauma possono cambiare ciò a cui le persone prestano attenzione e quindi il tipo di ricordi che hanno di un'esperienza. Una vittima potrebbe ritrovarsi concentrata su dettagli che gli investigatori potrebbero ritenere irrilevanti ma che il suo cervello elabora come importanti per la sopravvivenza, che si tratti del colore di un muro o di una canzone che suona in un corridoio o del disegno delle vene di una foglia su una pianta. Ma la vittima potrebbe non sapere il colore della maglietta che indossava il suo aggressore o anche se indossava un preservativo. Ciò di cui hanno maggiore ricordo sono le percezioni sensoriali.

 

stupro stupro

Le percezioni sensoriali sono diverse a seconda delle risposte al trauma: una vittima che entra in uno stato di immobilità tonica, ad esempio, potrebbe avere muscoli rigidi o arti tremanti o potrebbe sentire molto freddo. Ma se nello stesso momento si è dissociata, non ricorderà quei dettagli perché non avrà avuto consapevolezza di ciò che stava accadendo al suo corpo in quel momento. […]

 

stupro 3 stupro 3

In molti stati, i pubblici ministeri devono ancora dimostrare che il contatto sessuale è stato forzato o ha incontrato resistenza verbale o fisica per dimostrare che la vittima non ha acconsentito. 

 

Veronique Valliere, psicologa forense, sottolinea: «Dobbiamo capire che il congelamento è involontario, da un punto di vista medico e scientifico. L’immobilità tonica non è diversa dall’avere un midollo spinale reciso, e ciò aiuterà a eliminare lo stigma, socialmente e legalmente».

[…]

stupro stupro stupro 1 stupro 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...