“UN GESTO VERGOGNOSO DI UNA GRAVITÀ INAUDITA” – BUFERA SU LUCA DELL’ATTI, PRESIDENTE DEI MUSEO CIVICO DI OSTUNI, IN PROVINCIA DI BRINDISI, CHE HA POSTATO UNA FOTO DELLA MELONI A TESTA IN GIÙ – AD ANDARE ALL’ATTACCO IMMEDIATO È STATO IL COORDINATORE PROVINCIALE DI FRATELLI D’ITALIA, LUIGI CAROLI, CHE HA CHIESTO AL SINDACO DI RIMUOVERLO DALL’INCARICO. E DELL’ATTI, PER PAURA DI PERDERE IL POSTO SI È SCUSATO E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di www.ilfattoquotidiano.it

 

luca dell atti 5 luca dell atti 5

Ha postato tra le sue stories di Instagram con foto della presidente del Consiglio a testa in giù, ritrovandosi al centro di una bufera e facendo poi un passo indietro. Protagonista è Luca Dell’Atti, il presidente dei museo civico di Ostuni, in provincia di Brindisi. A sollevare il caso per lo scatto di Giorgia Meloni ‘rovesciato’ è stato il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Luigi Caroli, chiedendone la rimozione dall’incarico.

 

luca dell’atti posta la meloni a testa in giu luca dell’atti posta la meloni a testa in giu

“Un gesto vergognoso di una gravità inaudita”, ha attaccato Caroli ritenendo “necessario” che il sindaco di Ostuni Angelo Pomes e l’amministrazione “provvedano immediatamente a revocare l’incarico conferito da poco a chi ha pubblicato” la foto. “Chi decide di ricoprire un ruolo – attacca Caroli – lo deve fare in maniera equilibrata, serena e nel rispetto delle istituzioni”. […]

 

Di fronte alle rimostranze di Fratelli d’Italia e anche di membri del governo, come il sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro, Dell’Atti si è scusato parlando di un’immagine “di pessimo gusto che ho, improvvidamente, postato”. La decisione di postare l’immagine, ha detto ancora, è stata presa “nell’impeto di una critica (poco attenta nelle modalità) sulle posizioni assunte dalla presidente del Consiglio con riferimento alla giornata del ricordo”, prosegue. “Per i miei valori e la mia sensibilità, non potrei mai concepire neppure di augurarmi la morte a qualcuno”, ha concluso scusandosi anche con “l’istituzione museo e con il Comune di Ostuni”.

LUIGI CAROLI LUIGI CAROLI

luca dell atti 3 luca dell atti 3 luca dell atti 2 luca dell atti 2 luca dell atti 1 luca dell atti 1 luca dell atti 4 luca dell atti 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…