“NEURALINK MI HA RESO INDIPENDENTE” - IL RACCONTO DI NOLAND ARBAUGH, LA PRIMA PERSONA AL MONDO AD AVERE IMPIANTATO NEL CERVELLO IL DISPOSITIVO DI ELON MUSK, DOPO ESSERE RIMASTO PARALIZZATO DAL COLLO IN GIÙ: “MI FA SENTIRE MENO INCAPACE E MENO PESANTE PER GLI ALTRI. ADORO IL FATTO CHE LE PERSONE INTORNO A ME NON DEBBANO STARMI DIETRO COME PRIMA. VORREI POTERMI CONNETTERE A UNA TESLA E FARMI PORTARE IN GIRO” – NONOSTANTE L’ENTUSIASMO, NON È STATO TUTTO ROSE E FIORI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di www.open.online.it 

 

noland arbaugh noland arbaugh

Nel 2016, Noland Arbaugh subì una grave lesione del midollo spinale mentre nuotava in un lago. I dettagli che riesce a ricordare sono confusi. Si lanciò in acqua con i suoi amici, e poco dopo esservi entrato sbatté la testa contro qualcosa, o qualcuno. Non riusciva a muoversi ma lentamente risalì a galla. Da allora Arbaugh è paralizzato dal collo in giù. All’epoca andava all’Università, oggi ha 30 anni, e nel tempo ha imparato a muoversi su una sedia a rotelle e ad usare un piccolo joystick per comandare un iPad di fronte a lui.

 

Nonostante sia riuscito ad adattarsi alla sua nuova realtà la parte più difficile, per lui, è sempre stata la sensazione di essere un peso per la propria famiglia. Nel gennaio del 2024, Arbaugh è diventato la prima persona a ricevere il dispositivo sperimentale di Neuralink, chiamato Telepathy.

 

NEURALINK NEURALINK

L’interfaccia di paternità dell’azienda di Elon Musk decodifica i segnali di movimento inviati dal cervello e li trasforma in comandi per il computer. In poche parole, significa che se Arbaugh immagina di far spostare il cursore del pc, il cursore si sposta, senza che lui debba muovere un muscolo. In un’intervista a Wired Us, Arbaugh racconta com’è cambiata la sua vita dopo l’impianto. Prima era costretto principalmente a letto. Doveva stare in una determinata posizione per poter usare il joystick e se questo cadeva, qualcuno doveva raccoglierlo per lui. Oggi, Arbaugh non ha maggior libertà di movimento, ma può comandare un computer senza nessun ausilio oltre all’impianto cerebrale. A parlargli dell’esperimento a cui ha preso parte è stato un amico.

noland arbaugh noland arbaugh

 

Quando ha saputo di essere stato selezionato per l’esperimento, Arbaugh ha cercato di mantenere basse le aspettative, «ma era difficile non essere entusiasta». […]

«Ero sdraiato nel mio letto d’ospedale subito dopo l’intervento chirurgico, quando sono entrati e hanno attivato l’impianto per la prima volta», racconta. «Mi hanno mostrato uno schermo con diversi canali e hanno detto che erano segnali in tempo reale che il Neuralink stava captando nel mio cervello. Quindi sapevo che stava funzionando». Il primo istinto di Arbaugh «è stato quello di iniziare a giocare, muovendo le dita, per vedere se riuscivo a generare picchi di attività cerebrale». «Ogni volta che muovevo il dito indice, c’era un picco del segnale. L’ho fatto per tre o quattro volte. Nella stanza tutti gli esperti stavano impazzendo dalla gioia», spiega.

noland arbaugh noland arbaugh

 

 

[…] Nei primi 100 giorni con l’impianto, alcuni connettori si sono staccati dal cervello di Arbaugh, influenzando temporaneamente la funzionalità. Sono stati momenti difficili per Arbaugh: «Mi ero accorto subito che qualcosa non andava, appena iniziato a perdere il controllo del cursore. Pensavo che fosse un errore da parte loro, come se avessero cambiato qualcosa nel software, peggiorandone le prestazioni». Tuttavia con una ricalibrazione è stato possibile risolvere i problemi e Arbaugh non è più preoccupato che se ne verifichino altri.

 

NOLAND ARBAUGH GIOCA A SCACCHI CON LA MENTE - NEURALINK NOLAND ARBAUGH GIOCA A SCACCHI CON LA MENTE - NEURALINK

Oggi Neuralink ha reso Arbaugh molto più indipendente: «Mi fa sentire meno incapace e meno pesante per gli altri, che ne beneficiano tanto quanto me. Adoro il fatto che le persone intorno a me non debbano starmi dietro come prima. A parte una guarigione completa, credo che ciò che la maggior parte dei tetraplegici desideri sia l’indipendenza». Il 30enne ha le idee chiare su quale sarebbe il prossimo passo da compiere con questa tecnologia: «Sarebbe davvero fantastico se avessi un robot Tesla Optimus da controllare con il cervello.

 

NOLAND ARBAUGH GIOCA A SCACCHI CON LA MENTE - NEURALINK NOLAND ARBAUGH GIOCA A SCACCHI CON LA MENTE - NEURALINK

Farebbe tutto per me e si prenderebbe cura di me. Probabilmente eliminerebbe il 90% delle cose per le quali ho bisogno dell’aiuto altrui. Oltre a ciò, Neuralink potrebbe connettersi ad altre cose. Potrei connettermi a un’auto: una Tesla sarebbe davvero interessante, perché sono già a guida autonoma. Avrei solo bisogno di trovare un modo per accedervi e impostare un indirizzo. In questo momento la mia missione è riuscire ad arrivare ovunque autonomamente. Cambierebbe veramente tutto».

NEURALINK NEURALINK NEURALINK NEURALINK NEURALINK NEURALINK NEURALINK 2 NEURALINK 2 NEURALINK 3 NEURALINK 3 NEURALINK NEURALINK

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE