“NON PROVOCHEREMO L’ESCALATION IN UCRAINA” – QUEL GALLETTO DI EMMANUEL MACRON ABBASSA LA CRESTA DOPO AVER MINACCIATO DI INVIARE LE TRUPPE FRANCESI IN UCRAINA: “FAREMO IL NECESSARIO PER IMPEDIRE ALLA RUSSIA DI VINCERE, MA NON PRENDEREMO MAI L’INIZIATIVA DI UN’ESCALATION” – LA RISPOSTA DEL CREMLINO AL TOYBOY DELL’ELISEO: “I SUOI SONO SOGNI FOLLI E PARANOICI…” - ALLA RIUNIONE DEL TRIANGOLO DI WEIMAR (FRANCIA, GERMANIA, POLONIA) SCHOLZ ANNUNCIA "UNA COALIZIONE PER LE ARMI A LUNGO RAGGIO". E L'ATLANTISTA MELONI RIMANE A ROMA...

-

Condividi questo articolo


macron putin macron putin

MACRON, 'NON PROVOCHEREMO L'ESCALATION IN UCRAINA'

(ANSA-AFP) - Francia, Germania e Polonia concordano di "non prendere mai l'iniziativa di un'escalation" in Ucraina. Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il premier polacco Donald Tusk dopo un incontro del cosiddetto Triangolo di Weimar.

 

"Abbiamo già preso delle decisioni oggi e abbiamo già annunciato delle misure, ma faremo tutto il necessario per impedire alla Russia di vincere questa guerra. Continueremo a sostenere l'Ucraina e il popolo ucraino il più a lungo possibile e non prenderemo mai l'iniziativa di un'escalation", ha detto Macron.

 

EMMANUEL MACRON - DONALD TUSK - OLAF SCHOLZ EMMANUEL MACRON - DONALD TUSK - OLAF SCHOLZ

MACRON, 'UNITI PER IMPEDIRE LA VITTORIA DELLA RUSSIA'

(ANSA-AFP) - Francia, Germania e Polonia sono "unite" e "decise a non lasciare mai che la Russia vinca". Lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, in conferenza stampa con il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e il premier polacco, Donald Tusk, dopo un incontro del cosiddetto Triangolo di Weimar.

 

CREMLINO, 'LA FRANCIA TRASCINATA NEL CONFLITTO IN UCRAINA'

(ANSA) - La Francia è stata "trascinata nel conflitto in Ucraina" ed è pronta ad aumentare il suo coinvolgimento. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, in merito alle parole del presidente francese Emmanuel Macron sul possibile invio di truppe.

 

MOSCA, DA MACRON SOGNI FOLLI E PARANOICI SU INVIO TRUPPE

emmanuel macron emmanuel macron

(ANSA) - Sergei Naryshkin, capo dei servizi segreti esteri russi, ha definito "sogni folli e paranoici" le dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron sulla possibilità di inviare soldati dei paesi Nato in Ucraina. Lo riporta il Guardian.

 

SCHOLZ, 'UNA COALIZIONE PER LE ARMI A LUNGO RAGGIO A KIEV'

(ANSA-AFP) - Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha annunciato una coalizione degli alleati dell'Ucraina sulle armi a lungo raggio, in conferenza stampa con il presidente francese Emmanuel Macron e il premier polacco Donald Tusk dopo un incontro del cosiddetto Triangolo di Weimar.

 

"Oggi abbiamo concordato una serie di priorità, tra cui l'immediato approvvigionamento di un numero ancora maggiore di armi per l'Ucraina sull'intero mercato mondiale. Questo è un miglioramento", ha spiegato Scholz nella conferenza stampa congiunta con il presidente francese Emmanuel Macron e il premier polacco Donald Tusk.

 

SCHOLZ, 'PIÙ PRODUZIONE DI EQUIPAGGIAMENTI PER L'UCRAINA'

EMMANUEL MACRON - OLAF SCHOLZ - DONALD TUSK EMMANUEL MACRON - OLAF SCHOLZ - DONALD TUSK

 (ANSA) - "Sarà ampliata la produzione di equipaggiamenti militari, anche attraverso la cooperazione con i partner in Ucraina": lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz nell'elencare le "priorità" concordate oggi con Emmanuel Macron e Donald Tusk e di cui la prima è l'immediato approvvigionamento di più armi sul mercato mondiale.

 

"In terzo luogo, stiamo creando una nuova coalizione di capacità per l'artiglieria missilistica a lungo raggio nell'ambito del formato Ramstein e, in quarto luogo, aumenteremo anche il nostro sostegno nell'ambito dell'Unione Europea, per il quale abbiamo preso decisioni molto importanti a Bruxelles questa settimana", ha aggiunto il cancelliere ricordando che "il Fondo europeo per la pace riceverà 5 miliardi di euro per fornire ulteriore assistenza militare all'Ucraina quest'anno, la missione di addestramento dell'Ue sarà rafforzata e utilizzeremo i profitti significativi dei beni russi congelati in Europa per sostenere finanziariamente l'acquisto di carri armati per l'Ucraina".

MEME SULL INCONTRO TRA MACRON E PUTIN MEME SULL INCONTRO TRA MACRON E PUTIN EMMANUEL MACRON - OLAF SCHOLZ - DONALD TUSK EMMANUEL MACRON - OLAF SCHOLZ - DONALD TUSK meme sull incontro putin macron meme sull incontro putin macron macron putin macron putin JOHNSON, DRAGHI E MACRON CADONO E PUTIN SE LA RIDE JOHNSON, DRAGHI E MACRON CADONO E PUTIN SE LA RIDE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?