“PERCHÉ SEI LESBICA? SEI SPRECATA” – UN PROF 55ENNE DI TORINO È STATO CONDANNATO A PAGARE UNA MULTA DA 400 EURO PER MOLESTIE NEI CONFRONTI DELLE SUE STUDENTESSE IL PROF AVREBBE FATTO IL VISCIDO DURANTE LE ORE DI LEZIONE SFIORANDO LA PANCIA SCOPERTA DELLE RAGAZZE E TOCCANDO I CULI CON UNA MATITA – ANCHE CON LE PAROLE NON CI ANDAVA LEGGERO: “NON TI PIEGARE IN QUELLA POSIZIONE, CHE MI ISTIGHI” – LA SUA DIFESA IN TRIBUNALE? HA USATO IL TONO DA PORCO PERCHÉ LE RAGAZZE SI PRESENTAVANO CON ABITI “NON CONSONI A UN AMBIENTE DI LAVORO” 

-

Condividi questo articolo


Da www.corriere.it

 

STUDENTI STUDENTI

«Perché sei lesbica? Sei sprecata». Era una mattina di maggio, la studentessa diciottenne stava seguendo il corso di arte quando il docente si è avvicinato e con un pennello ha iniziato a massaggiarle delicatamente il viso, per poi indagare sul suo orientamento sessuale.

 

A un’altra allieva, sempre della stessa classe, avrebbe consigliato di «farsi una s…» piuttosto che «andare dalla psicologa». A una terza avrebbe rimproverato il modo in cui era seduta: «Non ti piegare in quella posizione, che mi istighi».

 

Sono alcune delle frasi sessiste e offensive che un insegnante avrebbe pronunciato durante le lezioni in un liceo torinese. A lungo, tra i banchi di scuola, i ragazzi si sono confrontati su quel prof che — secondo loro — si spingeva troppo in là con apprezzamenti ed esternazioni fuori luogo e volgari. E alla fine in otto lo hanno denunciato.

 

MOLESTIE SESSUALI MOLESTIE SESSUALI

Ieri mattina l’insegnante, un 55enne torinese, è comparso di fronte al gip Francesca Roseti per difendersi dalle accuse di violenza sessuale e molestie. Assistito dagli avvocati Laura Piera Cavallo e Francesco Crimi, ha spiegato di aver usato un linguaggio spinto e un atteggiamento provocatorio perché le studentesse si presentavano a lezione con abiti «non consoni a un ambiente di lavoro»: pancia in bella vista, maglie striminzite e trasparenti, pantaloni a vita bassa che lasciavano poco spazio all’immaginazione.

 

molestie sessuali 4 molestie sessuali 4

Ed è in questo contesto che a un’allieva, piegata con la testa sul banco, avrebbe infilato una matita e un fazzoletto tra le natiche. Mentre a un’altra, che indossava un top, avrebbe sfiorato l’ombelico.

 

«Sono un insegnante e ho un compito educativo», è stata la difesa del prof per rimarcare che non vi fosse alcun interesse morboso. Il giudice lo ha assolto dall’accusa di violenza sessuale, ma lo ha condannato a pagare un’ammenda di 400 euro per molestie: il pm Delia Boschetto aveva chiesto due anni.

 

Nel frattempo, i dirigenti del liceo hanno aperto nei confronti del prof un procedimento disciplinare e lo hanno sospeso. Gli episodi risalgono all’anno scolastico 2020/2021. Tanti i momenti d’imbarazzo e di disagio raccontati dagli studenti nei verbali che racchiudono le loro testimonianze: continui riferimenti a sfondo sessuale, per non parlare di quelle frasi che suonavano come insulti: «È tanta grazia! Vogliamo arrivare insieme alla fine dell’anno? Se vogliamo farlo, vestiti in maniera adeguata».

molestie sessuali 1 molestie sessuali 1

 

Mentre a due studentesse, leggermente appartate, avrebbe ricordato di «non fare atti osceni in pubblico», benché gli avrebbe fatto «piacere guardare». Frasi, poi, smentite in aula. La narrazione delle allieve — assistite dagli avvocati Francesca Violante, Alessandro Bellina e Simona Crosetto — lascia trasparire offese e mortificazioni, come quelle vissute da una 17enne il cui seno sarebbe stato paragonate alle mammelle di un cane. Apprezzamenti che hanno spinto l’allieva ad abbandonare la lezione.

molestie sessuali 2 molestie sessuali 2 molestie sessuali 3 molestie sessuali 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP! "IL PORTAFOGLI SI PUÒ CAMBIARE, MA ALL'IGNORANZA UMANA NON C'È RIMEDIO", EZIO GREGGIO CAZZIA CHI SOSTIENE CHE LA FIDANZATA ROMINA PIERDOMENICO STIA CON LUI SOLO PER SOLDI: “PURTROPPO LA MAMMA DEI CRETINI È SEMPRE INCINTA E VEDO CHE A ALCUNE PERSONE NASCERANNO PRESTO FRATELLI E SORELLE!" – DANA SABER VS IL “GF VIP”, LA GUERRA FEDEZ-JACOBS, LA DE FILIPPI PUNTA SU EMMA E DI MARTINO, IL TOTO-CONCORRENTI PER L’ISOLA (ANCORA GEGIA?) - UN FAN CHIEDE A CHECCO ZALONE: “PUÒ FARE UN SELFIE CON MIA MOGLIE CHE È INCINTA?” L’ATTORE RISPONDE: “VA BENE. MA NON SONO STATO IO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute

INOCULATI PER BENE – È POLEMICA NEGLI USA PER LA DECISIONE DI PFIZER E MODERNA DI PORTARE IL COSTO DELLA SINGOLA DOSE DI VACCINO ANTI-COVID SUL LIBERO MERCATO A 130 DOLLARI, QUANDO IL COSTO STIMATO DI PRODUZIONE È DI 2,85 DOLLARI – MAURO MASI: “L’ANNUNCIO DI BIDEN NEL MAGGIO 2021 AL WTO DI ‘NON VOLER PROTEGGERE LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE PER I VACCINI’ È RIMASTO LETTERA MORTA. AD OGGI, NULLA È CAMBIATO RISPETTO A TRE ANNI FA, PRIMA DELLA PANDEMIA, E IL TEMA RESTA IRRISOLTO”