“IL PRESIDENTE WILLIAM LAI SPINGE TAIWAN VERSO LA GUERRA” - IL MINISTERO DELLA DIFESA CINESE ADDOSSA AL GOVERNO DI TAIPEI LA RESPONSABILITA’ PER LE NUOVE TENSIONI: “HA MESSO IN DUBBIO IL PRINCIPIO DI UNA SOLA CINA” - GLI SGHERRI DI XI JINPING HANNO AFFERMATO, SENZA PIU’ NASCONDERSI, CHE LE ESERCITAZIONI MILITARI INTORNO A TAIWAN STANNO TESTANDO LA CAPACITÀ DI PECHINO DI PRENDERE IL POTERE SULL'ISOLA - I TRE SEGNALI MINACCIOSI: 1) IL MANCATO AVVERTIMENTO PREVENTIVO SULL’INIZIO DELL’ESERCITAZIONE; 2) L’INDICAZIONE DI OBIETTIVI DA COLPIRE; 3) IL DETERIORAMENTO DELLE RELAZIONI POLITICHE CON TAIPEI…

-

Condividi questo articolo


WILLIAM LAI GIURA COME PRESIDENTE DI TAIWAN WILLIAM LAI GIURA COME PRESIDENTE DI TAIWAN

CINA, 'PRESIDENTE LAI SPINGE TAIWAN VERSO LA GUERRA'

(ANSA-AFP) - PECHINO, 24 MAG - Il ministero della Difesa cinese ha accusato il presidente di Taiwan Lai di spingere l'isola verso la "guerra". Da quando è entrato in carica, Lai "ha messo seriamente in dubbio il principio di una sola Cina", "ha cercato di ricorrere alla forza per ottenere l'indipendenza e di affidarsi a Paesi stranieri per ottenere l'indipendenza, che spinge i nostri compatrioti di Taiwan in una pericolosa situazione di guerra e pericolo", ha detto il portavoce Wu Qian. "Ogni volta che l'indipendenza di Taiwan ci provoca, spingeremo le nostre contromisure un ulteriore passo avanti, fino a raggiungere la completa riunificazione della madrepatria".

 

LE MANOVRE DELLA CINA INTORNO A TAIWAN LE MANOVRE DELLA CINA INTORNO A TAIWAN

PECHINO, MANOVRE INTORNO A TAIWAN SONO TEST 'PRESA POTERE'

(ANSA-AFP) - PECHINO, 24 MAG - La Cina ha affermato oggi che le esercitazioni militari in corso attorno a Taiwan stanno testando la capacità di Pechino di prendere il potere sull'isola. Le manovre di due giorni iniziate ieri mettono alla prova la "capacità di presa congiunta del potere, attacchi congiunti e controllo dei territori chiave", ha detto il portavoce del Comando del Teatro orientale dell'Esercito popolare di liberazione Li Xi citato dai media statali cinesi.

WILLIAM LAI WILLIAM LAI

 

TAIWAN, 4 NAVI CINESI ENTRATE IN NOSTRE 'ACQUE LIMITATE'

(ANSA-AFP) - TAIPEI, 24 MAG - Quattro navi della guardia costiera cinese sono entrate oggi nelle "acque limitate" di due isole taiwanesi, mentre altre due imbarcazioni vicine fornivano supporto: lo ha reso noto Taipei, nel secondo giorno di esercitazioni militari lanciate da Pechino.

 

"E' l'ottava volta questo mese che le navi della guardia costiera cinese entrano nelle acque soggette a restrizioni", ha detto la guardia costiera taiwanese aggiungendo che le navi sono salpate intorno alle 9 ora locale. "Esortiamo la Cina a esercitare autocontrollo e a fermare immediatamente il suo comportamento irrazionale", aggiunge Taipei.

 

MAPPA TAIWAN CINA MAPPA TAIWAN CINA

TAIWAN, PECHINO SIMULA L’ATTACCO GLI USA: «MOSSA SCONSIDERATA»

Estratto dell’articolo di Guido Santevecchi per il “Corriere della Sera”

 

Pechino ha lanciato una «operazione punitiva» contro Taiwan. Le forze cinesi sono state concentrate in cinque aree intorno all’isola, per simulare «strike mirati alla presa di controllo del campo di battaglia», ha dichiarato il Comando del teatro orientale dell’Esercito popolare di liberazione comunista.

 

Il nome dato alle manovre a sorpresa è «Spada congiunta 2024-A». La tv cinese ha annunciato che decine di unità circondano l’isola, mentre la propaganda fa circolare sui social un manifesto con la scritta «Riunificazione» e il messaggio: «Taiwan non è mai stato un Paese e mai lo diventerà».

 

WILLIAM LAI WILLIAM LAI

Ci sono almeno tre segnali minacciosi: 1) il mancato avvertimento preventivo sull’inizio dell’esercitazione; 2) l’indicazione di obiettivi da colpire; 3) lo stato delle relazioni politiche (della mancanza di relazioni) con Taipei.

 

Le manovre, secondo la dichiarazione cinese, oltre a rappresentare una forma di «forte punizione» per il nuovo presidente taiwanese William Lai Ching-te, accusato di essere «un pericoloso separatista, traditore che ha confessato il piano vergognoso di indipendenza», vogliono essere un «serio monito contro ogni interferenza straniera». Le unità cinesi si sono spinte oltre la costa orientale di Taiwan, sulle rotte che conducono verso Giappone e Filippine, dove gli Stati Uniti hanno basi dalle quali dovrebbero arrivare i soccorsi in caso di guerra o blocco prolungato.

cina taiwan tensione alle stelle cina taiwan tensione alle stelle

 

Una mappa dell’operazione pubblicata da Pechino mostra Taiwan stretta da cinque grosse formazioni rosse, che rappresentano la tenaglia della simulazione. Le isolette di Kinmen, Matsu, Wuqiu e Dongyin controllate da Taipei ma vicinissime alla costa cinese appaiono cerchiate come obiettivi possibili. Il governo taiwanese ha mobilitato le sue forze per «difendere la sovranità» e ha protestato per «la provocazione irrazionale». […]

WILLIAM LAI WILLIAM LAI

 

Il 20 maggio, nel discorso di insediamento, William Lai ha promesso di restare fedele alla linea dello «status quo» […] ma ha concluso che la Repubblica di Cina (storico nome di Taiwan) non si sottometterà mai alla Repubblica popolare cinese. Sarebbe questa la prova del «tradimento indipendentista», secondo Pechino. […]

ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN MAPPA DELLA LINEA MEDANA NELLO STRETTO DI TAIWAN MAPPA DELLA LINEA MEDANA NELLO STRETTO DI TAIWAN esercitazione militare delle truppe di Taiwan esercitazione militare delle truppe di Taiwan PILOTA CINESE SUI CIELI DI TAIWAN PILOTA CINESE SUI CIELI DI TAIWAN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…