“QUANDO ERO PICCOLA, PIÙ DI UN UOMO HA PROVATO A MOLESTARMI” - PAOLA QUATTRINI: “A SOLI DIECI ANNI, ERO IO CHE PORTAVO I SOLDI A CASA: PAPÀ ERA MORTO, MAMMA NON LAVORAVA. ALLORA SE NE APPROFITTAVANO DICENDO: ‘DEVI AIUTARE TUA MADRE... SE SARAI CARINA CON ME, METTO UNA BUONA PAROLA’ – HO AVUTO TANTI SPASIMANTI. MI SONO MOLTO DIVERTITA, LO AMMETTO: NON MI SONO RISPARMIATA! LA VIRILITÀ È UNA QUALITÀ NON PROPRIO COSÌ DIFFUSA, SOPRATTUTTO TRA GLI ATTORI, MOLTO VANESI...”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesca D'Angelo per “Libero quotidiano”

 

PAOLA QUATTRINI PAOLA QUATTRINI

La chiamavano "la bambina prodigio": la Brigitte Fossey italiana, che negli Anni Cinquanta incantò il mondo del teatro e del cinema. Ora, a 78 anni, Paola Quattrini è (ovviamente) cresciuta ma ha mantenuto quella sua prodigiosità: basta andarla a vedere al Manzoni di Milano, dove è in scena con Se devi dire una bugia dilla grossa. Quando appare lei, non ce n'è per nessuno e, lì, capisci perché tutti la considerano la regina della commedia.

 

PAOLA QUATTRINI PAOLA QUATTRINI

[…] Ha iniziato prestissimo, era bella e famosa: ha avuto più spasimanti o colleghi invidiosi?

«Decisamente più spasimanti. Mi sono molto divertita, lo ammetto: nemmeno lì mi sono risparmiata!».

 

Oggi molte star sono vittime di stalking. Era una deriva diffusa anche all'epoca?

PAOLA QUATTRINI PAOLA QUATTRINI

«Personalmente non ho mai avuto a che fare con degli stalker. Però, quando ero piccola, più di un uomo ha provato a molestarmi. È stato un trauma! Sapevano che la mia famiglia contava su di me perché, a soli dieci anni, ero io che portavo i soldi a casa: papà era morto, mamma non lavorava. Allora se ne approfittavano dicendo: "Devi aiutare tua madre... Se sarai carina con me, metto una buona parola».

 

[…] Oggi dilagano le baby star e i baby influencer. Che ne pensa?

PAOLA QUATTRINI PAOLA QUATTRINI

«Provo orrore. I bambini devo fare i bambini, punto. Spesso a loro non interessa nulla della notorietà: sono le madri, insoddisfatte, che proiettano i propri desideri sui figli».

 

Lei ha lavorato con i più grandi, Walter Chiari compreso. Ci dica una cosa che non sappiamo di lui.

«Era un uomo estremamente affascinante e galante: ti faceva sentire una donna, come pochi uomini sapevano fare. Mi piaceva la sua virilità: una qualità che non è proprio così diffusa, soprattutto tra gli attori, molto vanesi...».

paola quattrini con marco coretti paola quattrini con marco coretti

 

Ora sono curiosa: c'è stato qualcosa tra voi due?

«Mah, una cosa piccolissima...». […]

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MELONI AL LAVORO: COME NON IRRITARE SALVINI, USCITO DEVASTATO E STORDITO DAL VOTO, E BERLUSCONI, AMMACCATO MA VIVO, QUINDI PIÙ PERICOLOSO PERCHÉ POLITICAMENTE HA IN MANO L’ARMA DI POTERSI SFILARE E FAR FALLIRE IL PRIMO GOVERNO DI DESTRA-CENTRO? - IL PRIMO OSTACOLO È RAPPRESENTATO DALL’ELEZIONE DEI PRESIDENTI DI CAMERA E SENATO E L’IDEA CHE STA MONTANDO È QUESTA: IL LEGHISTA CALDEROLI AL SENATO, IL FORZISTA TAJANI ALLA CAMERA. ACCONTENTATI I DUE ALLEATI, LA STRADA E' SPIANATA PER OTTENERE L’INCARICO DA MATTARELLA - L’ALTRO GROSSO PROBLEMA È RAPPRESENTATO DALL’OSTILITÀ ESPLICITA DELLE CANCELLERIE EUROPEE. COME FARE PER NON URTARLE? SEMPLICE: URSULA RICEVERA' DALLA MELONI LA BOZZA DELLA FINANZIARIA, SCRITTA E FIRMATA MARIO DRAGHI...

business

cronache

sport

cafonal

LUCIO FOREVER – ARRIVA A ROMA LA MOSTRA ITINERANTE “LUCIO DALLA. ANCHE SE IL TEMPO PASSA” NEL DECENNALE DELLA SCOMPARSA DEL CANTAUTORE – ESPOSTI APPUNTI, DIARI, CAPPELLI, OCCHIALI, IL MITICO CLARINETTO, POSTER, DISCHI – ALLA PRESENTAZIONE CARLO VERDONE HA RICORDATO L’AMICIZIA NATA CON “BOROTALCO” E RENZO ARBORE HA RACCONTATO DI QUANDO, A 7 ANNI, HA FATTO DA BALIA  A DALLA: “SONO IL PIÙ ANTICO AMICO DI LUCIO. PER ME È STATO IL FIGLIO DELLA SIGNORA MELOTTI, LA MODISTA AMATA DA MIA MADRE...”

viaggi

salute