“A REGA' FATEVE I CAZZI VOSTRI, CE DEVE DA’ I SOLDI” – IL RACCONTO DEL SEQUESTRO-LAMPO PER UN DEBITO DI DROGA DI DANILO VALERI, FIGLIO DEL PREGIUDICATO MAURIZIO, DA PARTE DELL’EX CALCIATORE DELLA ROMA PRIMAVERA ABOUDRAME DIABY - NELLA DISCOTECA DI PONTE MILVIO QUELLA SERA C’ERA PURE CHANEL TOTTI (ESTRANEA AI FATTI) - AL BUTTAFUORI CHE PROVA A FERMARE L'AUTO, DIABY INTIMA: “A ZI' FATTI I CA.. TUI. CHE DEVO METTE' UNA BOMBA QUA? FACCIO SALTA' TUTTO IN ARIA”

-

Condividi questo articolo


Alessia Marani per il Messaggero - Estratti

 

Aboudramane Diaby Aboudramane Diaby

L'ex promessa del calcio, una stagione nella Primavera della Roma, poi all'Hellas Verona con un passaggio a Imola in Serie C, Aboudrame Diaby, classe 2003, è in carcere accusato del sequestro lampo del ventenne Danilo Valeri, prelevato con la forza, portato via in auto da un commando di 7 ragazzi dal Moku Sushibar di Ponte Milvio la notte del 22 dicembre 2022 e rilasciato l'indomani al termine di una trattativa "privata".

 

 A finire dietro le sbarre per il concorso nel sequestro di persona a scopo estorsivo stile Mexico anche Osvaldo Isaac Jmenez Gonzales, domenicano di due anni più grande, arrestato pure per spaccio: è stato trovato in possesso di 20 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e 10 mila euro in contanti. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti sarebbe stato lui ad avere contratto un debito di droga da 10mila euro da riscuotere da Valeri, figlio del pregiudicato Maurizio, il "Sorcio", già vittima di una gambizzazione a San Basilio.

 

chanel totti chanel totti

E per Diaby, soprannominato "Balotelli" dalle gang dell'Alessandrino e di Centocelle, scrive il gip nell'ordinanza di custodia cautelare, il denaro era «un'ossessione». Intercettato mentre sta scontando i domiciliari con il braccetto elettronico per una partita di droga con cui era stato scoperto dai carabinieri al Quarticciolo, un sodale lo rimprovera a proposito di un recupero di 500 euro: «Te li faccio prende, ma tu stai a tarantella, se tu mi facevi fa st'affare, invece che c'hai sta fame de piglia' sti soldi...».

 

Gli agenti della Squadra mobile ora sono sulle tracce degli altri 5 appartenenti alla spedizione. Quella notte, dopo la cena con l'amico Matteo, Danilo aveva proseguito la serata al tavolo con altri conoscenti nel locale affollato di clienti, tra cui Chanel Totti (estranea come gli altri ai fatti), la figlia dell'ex capitano giallorosso che quella sera pubblicò una storia su Instagram.

danilo valeri danilo valeri

 

All'improvviso entra Diaby, cappuccio e mascherina. Qualcuno lo riconosce e il suo nome («tale Abudabi») verrà fatto alla polizia. Danilo, però, non lo segue ma poco dopo uscirà in strada e verrà agganciato dalla banda.

 

OMERTÀ Matteo chiede spiegazioni: «Voi veni' pure te?», lo allontanano. Al buttafuori che prova a fermare l'auto, Diaby incalza: «A zi' fatti i ca.. tui, ce deve da' i soldi». E ai tanti che assistono assiepati sul marciapiede intima: «A rega' fateve i ca.. vostri.. Che devo mette' una bomba qua?.. Faccio salta' tutto in aria».

 

sequestro di danilo valeri 1 sequestro di danilo valeri 1

Mentre Matteo e gli altri collaborano con la Questura preoccupati per la sorte di Danilo, il padre li rimprovera: «Me la risolvo da solo». Chiama un intermediario egiziano e alle 12.45 del giorno dopo avvisa lo stesso Matteo: «Me lo stanno riportando a casa». Ma dove lo avevano portato in quelle drammatiche ore? Tracciando le celle telefoniche a cui si erano agganciati i cellulari di vittima e rapitori, non è escluso che il ragazzo fosse stato in un covo nell'ex hotel Cinecittà, albergo dismesso e divenuto occupazione a prevalenza di nuclei sudamericani. È lì a due passi, in via Procaccini, che intorno alle 4 di notte si ammutolisce il telefono di Danilo.

 

Aboudramane Diaby Aboudramane Diaby sequestro di danilo valeri sequestro di danilo valeri danilo valeri 2 danilo valeri 2 danilo valeri 2 danilo valeri 2 danilo valeri 3 danilo valeri 3 danilo valeri danilo valeri

(…)

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO