“LA RUSSIA HA PERSO A BAKHMUT PIÙ SOLDATI CHE IN AFGHANISTAN” – IL MINISTRO DEGLI ESTERI UCRAINO, DMITRO KULEBA, SPIEGA PERCHÉ L’ESERCITO NON SI RITIRA DALLA CITTÀ DEL DONBASS (IN SOSTANZA, PER FAR FUORI PIÙ RUSSI POSSIBILE): “CONTINUEREMO A COMBATTERE FINCHÉ NON DIVENTERÀ IMPOSSIBILE FARLO”. POI SMENTISCE LE VOCI DI SCAZZI INTERNI AL GOVERNO E BOCCIA IL PIANO DI PACE CINESE: “NON È UN PIANO, È UNA POSIZIONE…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fabio Tonacci per www.repubblica.it

 

dmytro kuleba 7 dmytro kuleba 7

"La Russia ha perso a Bakhmut più soldati di quanti ne ha perduti l'Unione Sovietica in dieci anni di conflitto in Afghanistan". Per Dmitro Kuleba basta questo a giustificare la resistenza a oltranza nella città del Donbass devastata da sette mesi di combattimenti. Ma il ministro degli esteri ucraino, in videoconferenza con Repubblica, La Stampa e Agenzia Nova, vuole essere ancor più preciso, quando gli si chiede della possibilità di una ritirata controllata delle forze armate di Kiev che riduca il bagno di sangue.

 

guerra in ucraina combattimenti a bakhmut guerra in ucraina combattimenti a bakhmut

"Se ti ritiri da Bakhmut e costruisci una linea di difesa diciamo a Kostjantynivka, la stessa intensità dei combattimenti si sposterà lì. E non c'è differenza tra combattere a Bakhmut e combattere a Kostjantynivka. Se puoi ancora combattere a Bakhmut, allora devi combattere".

 

Fin quando avrà senso tenere quella la linea?

"Fino a quando non diventerà impossibile farlo. Nessuno sarà sacrificato, voglio sottolinearlo: se ci sarà una minaccia concreta di accerchiamento, allora i nostri generali potranno prendere altre decisioni".

MERCENARI WAGNER A BAKHMUT MERCENARI WAGNER A BAKHMUT

 

Il presidente Zelensky e il comandante generale delle Forze Armate Zaluzhny hanno litigato su come condurre le operazioni militari a Bakhmut. E' così?

"Alla gente piacciono le voci. Ci sono sempre persone interessate a diffondere voci per mostrare presunte divisioni e conflitti all'interno del nostro team. Io però non vedo alcun conflitto. Stiamo combattendo una guerra contro un nemico molto forte e possiamo vincere, ma solo se rimaniamo una squadra. […]”

 

vladimir putin xi jinping a samarcanda vladimir putin xi jinping a samarcanda

[…] Perché non state prendendo in considerazione il piano di pace formulato dal governo della Cina?

"Perché non è un piano, è una posizione. Hanno offerto una descrizione completa della loro posizione sull'aggressione russa all'Ucraina, senza purtroppo definirla 'aggressione russa', anche se è questo che intendono. C'è differenza tra un piano e una posizione. Il piano ti dice come raggiungere un obiettivo.

 

VOLODYMYR ZELENSKY INTERVISTATO DA LORENZO CREMONESI - CORRIERE DELLA SERA VOLODYMYR ZELENSKY INTERVISTATO DA LORENZO CREMONESI - CORRIERE DELLA SERA

La posizione descrive l'atteggiamento nei confronti di un problema. Nella posizione cinese ci sono delle parti che coincidono con il piano di pace di Zelensky, che è pragmatico e ragionevole. L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione per una pace duratura e giusta in Ucraina, e 141 paesi hanno votato a favore di questa risoluzione. L'Ucraina vuole la pace".

 

Temete che la Cina alla fine possa essere la causa di un escalation nel conflitto?

"Sentiamo alcune dichiarazioni, ma seguiamo i fatti. E i fatti dicono che sarebbe molto irragionevole, per la politica estera cinese, aprire al sostegno alla Russia. […] La nostra linea rossa, nelle relazioni con ogni Paese, è la fornitura di armi o munizioni a Mosca. Speriamo che la Cina non oltrepassi questa linea".

guerra in ucraina combattimenti a bakhmut guerra in ucraina combattimenti a bakhmut yevgeny prigozhin yevgeny prigozhin il video di evgeny prigozhin da bakhmut 6 il video di evgeny prigozhin da bakhmut 6 guerra in ucraina combattimenti a bakhmut 3 guerra in ucraina combattimenti a bakhmut 3 guerra in ucraina combattimenti a bakhmut 2 guerra in ucraina combattimenti a bakhmut 2 dmytro kuleba 6 dmytro kuleba 6 DMYTRO KULEBA DMYTRO KULEBA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE  - AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO - SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''? - IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...