“SE LE DONNE LA DESSERO VIA PIÙ FACILMENTE CI SAREBBERO MENO STUPRI” - VALENTINA NAPPI MOLLA IL FRENO A “LA ZANZARA” E ANNUNCIA IL SUO MATRIMONIO: “MI SONO SPOSATA QUALCHE SETTIMANA FA, SONO A FAVORE DELLA FAMIGLIA. SE GLI UOMINI ALLUNGANO LE MANI, SIGNIFICA CHE NON TOCCANO ABBASTANZA CULI. TROPPE FIGHE DI LEGNO. NON FACCIO GANG BANG DA TRE ANNI PERCHÉ…” - FOTOGALLERY VIETATA AI MINORI

Condividi questo articolo



Da “la Zanzara - Radio24”

valentina nappi chanell heart valentina nappi chanell heart

 

“Mi sono sposata qualche settimana fa. Io sono per la famiglia e per il valore della famiglia, ma non quella tradizionale che rinnega un figlio gay o come quella di Napoli dove un fratello insegue una sorella per ammazzarla. Quella tradizionale è così, ci sono i muri di genere così ingessati che portano a una violenza all’interno della famiglia”.

 

lexington steele valentina nappi lexington steele valentina nappi

“Abbiamo tutti bisogno – dice la Nappi - di avere un nucleo dove ci si sente amati e protetti, dunque sono a favore. Dato che stiamo insieme da undici anni perché non godere dei diritti delle persone sposate. La famiglia è un valore, lo riconosco. Il problema sono i valori, non i membri della famiglia. Dobbiamo dare il matrimonio tale quale ai gay”.

 

valentina nappi 1 valentina nappi 1

“Non ho intenzione di avere figli – dice ancora la Nappi – perché siamo troppi al mondo. Ma non lo vedete che siamo troppi? C’è il riscaldamento globale, non si trova parcheggio. Fare un figlio è un gesto di egoismo. Bisogna prendersi la responsabilità verso la società. Quando si dice l’utero è mio e lo gestisco io va bene, ma quando metti al mondo una persona non ha a che fare solo col tuo utero. Quando il bambino non è più dentro di te, la cosa riguarda la collettività.

 

E’ un atto di egoismo assoluto. Sei tu che hai il desiderio di riprodurti e tramandare i tuoi geni. Ovviamente se ci fosse la peste e si dimezzasse la popolazione mondiale in quel caso potrei valutare di fare un figlio”.

 

valentina nappi 2 valentina nappi 2

Andresti mai in Parlamento?: “No, non avrei più tempo per fare porno”. Poi parla della masturbazione in pubblico: “Dovrebbe essere una cosa normale. Dobbiamo avere un approccio razionale. Il sesso si deve buttare, deve essere come l’aria, va ignorato. Ci deve stare così tanta figa e cazzo in giro che deve essere ignorato, la gente non deve avere voglia di scopare. Se ci sono uomini che allungano le mani significa che non toccano abbastanza culi, sono repressi, gli hanno insegnato a afre i predatori e ci sono troppe fighe di legno in giro. Dunque se le donne la dessero via più facilmente ci sarebbero meno stupri. Nei paesi dove la prostituzione è legale ci sono statisticamente meno violenze sulle donne”.

 

valentina nappi selfie valentina nappi selfie

“Mettere sullo stesso piano – aggiunge la Nappi – chi ti dice hai un bel culo per strada e chi ti tocca è pericoloso. Passa tutto per molestia, può dare fastidio. Se vedo uno che si masturba in pubblico e mi piace posso anche avvicinarmi, oppure posso ignorarlo”. Parenzo: “Ci sono dei posti dove fare queste cose, non si fanno in pubblico”.

 

E la Nappi: “Chi lo decide dove si può fare o non si può fare?”. Da quanto tempo non fai una gang bang?: “Non faccio una gang bang da più di due anni, non è facile organizzarle perché costano tanto, pagare tutti gli attori. Purtroppo se ne fanno poche durante la carriera, in privato? No, perché gli uomini non vogliono dividere una donna. E poi molti finiscono per avere così tanti problemi di erezione che per me è una fatica e una scocciatura”  

kayden kross valentina nappi (11) kayden kross valentina nappi (11) valentina nappi selfie valentina nappi selfie valentina nappi 7 valentina nappi 7 isvn io sono valentina nappi 5 isvn io sono valentina nappi 5 valentina nappi pornostar 2 valentina nappi pornostar 2 avn valentina nappi 1 avn valentina nappi 1

 

Condividi questo articolo



media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute