1. “SONO TUTTI GAY PERCHÉ SUCCHIANO CAZZI. SCOPA FICA, SCOPA CULO, SUCCHIA CAZZO...” 
2. L’INTERVISTA DI “RADIO CAPITAL” A FRANCESCA, UNA DELLE TRANS DEI FESTINI IN CASERMA: “FACEVANO SESSO VIOLENTO, SESSO ANIMALE. VOLEVANO FARE TUTTO SENZA PROTEZIONE, ERO IO CHE FRENAVO PERCHÉ SONO SIEROPOSITIVA. SONO MANIACI DEL SESSO, SONO MAIALI. ERA SESSO A GO-GO, DROGA A GO-GO. IL RESPONSABILE È IL MARESCIALLO ORLANDO. SE NON LAVORAVO PER LUI FACEVA IN MODO DI INCULARMI. QUELLA CASERMA ERA UN PUTTANAIO"
3. INFINE LA TRANS LANCIA LA BOMBA SULLA POLIZIA: "SONO FATTI CHE SONO SUCCESSI DA TEMPO A PIACENZA, NON SOLO CON LA CASERMA DEI CARABINIERI, MA ANCHE LA QUESTURA"

Condividi questo articolo

 

carabinieri piacenza e pusher carabinieri piacenza e pusher

 

Da “Radio Capital”

 

INTERVISTA DI ERNESTO MANFRÈ

 

 

Francesca, chi è il responsabile dei Festini in Caserma?

Il responsabile è il maresciallo Orlando, della caserma di via Caccialupo. Quella caserma era un puttanaio, almeno quattro volte abbiamo fatto feste con sesso e droga.

 

Il Comandante Orlando le chiedeva di lavorare per lui?

Di lavorare per lui e se non lavoravo per lui faceva in modo di incularmi, di mandarmi in Brasile.

 

Ti faceva vendere droga?

No, questo non me lo ha mai proposto.

MARESCIALLO MARCO ORLANDO MARESCIALLO MARCO ORLANDO

 

Ti hanno mai picchiato?

Un po’ di botte le ho prese, ma erano aggressioni sessuali, sono i maniaci del sesso, perchè loro sono maiali era sesso a go-go, droga a go-go.

 

Lei è sieropositiva?

Io sono sieropositiva, ma uso sempre il preservativo.

 

Ti hanno mai chiesto di farlo senza protezione?

Certo, loro volevano fare tutto senza protezione ero io che frenavo. Le altre lo facevano senza, ma io no. Loro facevano sesso violento, sesso animale.

 

Ma le chiedevano anche sesso passivo, senza protezione?

Certo, sono tutti gay perché succhiano cazzi. Scopa fica, scopa culo, succhia cazzo, vuol dire che sono gay, però io ho usato sempre il mio guanto con loro, perché lo sapevo che questa bomba esplodeva, io sono andata in caserma 3 o 4 volte.

 

giuseppe montella giuseppe montella

La Polizia sapeva di quanto accadeva in caserma?

Sapeva che uno di loro veniva a casa mia e una volta sono andata a sporgere denuncia. Sono fatti che sono successi da tanto tempo a Piacenza, non solo con la caserma dei Carabinieri, ma anche la Questura. Adesso si sono calmati ma anche loro ne hanno combinate di tutti i colori.

 

Cosa devo fare? Mi devo ammazzare, mi suicido? E’ ora che mi sfogo e tiro fuori la lingua, è arrivato il momento.

carabinieri piacenza carabinieri piacenza Giuseppe Montella con la fidanzata Mery Cattaneo Giuseppe Montella con la fidanzata Mery Cattaneo I CARABINIERI DI PIACENZA E LE BOTTE A UN PUSHER I CARABINIERI DI PIACENZA E LE BOTTE A UN PUSHER i carabinieri di piacenza i carabinieri di piacenza giuseppe montella giuseppe montella le auto e le moto di proprieta' del carabiniere giuseppe montella le auto e le moto di proprieta' del carabiniere giuseppe montella piacenza carabinieri piacenza carabinieri piacenza carabinieri piacenza carabinieri piacenza carabinieri piacenza carabinieri giuseppe montella giuseppe montella

 

giuseppe montella giuseppe montella I CARABINIERI DI PIACENZA E LA FOTO CON UNO SPACCIATORE I CARABINIERI DI PIACENZA E LA FOTO CON UNO SPACCIATORE I CARABINIERI DI PIACENZA E GLI ORDINI PER LA DROGA I CARABINIERI DI PIACENZA E GLI ORDINI PER LA DROGA piacenza carabinieri piacenza carabinieri

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MAROGNA IN LIBERTÀ (ORA QUANTE NE DIRÀ?) – DOPO 17 GIORNI A SAN VITTORE, SCARICATA DA TUTTI, LA MATA HARI DI BECCIU HA UN DIAVOLO PER CAPELLO – I SUOI AVVOCATI METTONO IN MEZZO IL SEGRETARIO DI STATO PIERO PAROLIN E IL GEN. CARAVELLI DEI SERVIZI DI SICUREZZA (AISE) PER LA LIBERAZIONE DI 3 RELIGIOSI RAPITI IN COLOMBIA DA OTTENERE CON MEZZO MILIONE DI EURO DEL VATICANO CHE, INVECE, PER L'ACCUSA AVREBBE IN PARTE SPESO IN BORSETTE FIRMATE E ALTRI BENI DI LUSSO - DUBBI SULL’ESTRADIZIONE IN VATICANO 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute