“LE SUE COMPAGNE LA TEMEVANO E LEI NON FACEVA NIENTE PER NON FARSI TEMERE” – ALDO GRASSO INCENSA ELEONORA ABBAGNATO DOPO IL DOCUMENTARIO SULLA BALLERINA DESCRITTA COME UN "BOSS" - PECCATO CHE, NEL TENTATIVO DI LODARLA, SI SIA SOFFERMATO SU UN PASSAGGIO AGGHIACCIANTE IN CUI LA ÉTOILE RACCONTA: “LE MADRI DELLE ALTRE DANZATRICI MI CHIAMAVANO LA “PETITE MAFIEUSE”. OGGI SAREBBE UN INSULTO, ALL’EPOCA NON MI RENDEVO CONTO DEL PESO DELLA PAROLA MAFIOSA E CI RIDEVO SOPRA. AVEVO SOLO 14 ANNI” – QUANDO LA ABBAGNATO AVEVA 14 ANNI ERA IL 1992, ANNO DELLE STRAGI DI MAFIA (E DIRE CHE LA BALLERINA E' DI PALERMO…) - LA STILETTATA DI SELVAGGIA LUCARELLI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Aldo Grasso per il “Corriere della Sera”

 

documentario eleonora abbagnato 2 documentario eleonora abbagnato 2

Tutta colpa di alcune suore cattive se Eleonora Abbagnato non è diventata Étoile della Scala. Era finita a Milano, in un pensionato di suore, per seguire i corsi della Scuola di ballo del teatro alla Scala. Era piccolina, dieci anni, e la sua mamma si era premurata di pagare le suore perché la mandassero a scuola accompagnata e invece, quelle furbastre, le avevano comprato solo il biglietto del tram.

aldo grasso aldo grasso

 

Via da Milano, tappa a Montecarlo, incontro con Roland Petit e poi Parigi e poi prima Étoile italiana dell’Opéra di Parigi. «Eleonora Abbagnato. Una stella che danza», regia di Irish Braschi, è un ritratto inedito e, per tanti versi, sorprendente della grazia, della fatica, del talento di una grande ballerina (Rai3). I filmati inediti della sua infanzia a Palermo e delle sue prime prove testimoniano di una determinazione fuori del comune: le sue compagne la temevano e lei non faceva niente per non farsi temere.

 

selvaggia lucarelli selvaggia lucarelli

«Quando entrai nella scuola di danza dell’Opéra di Parigi, ero l’unica italiana e le madri delle altre danzatrici mi chiamavano la “petite mafieuse”. Oggi sarebbe un insulto, all’epoca non mi rendevo conto del peso della parola mafiosa e ci ridevo sopra… avevo solo 14 anni». […]

ARTICOLI CORRELATI

documentario eleonora abbagnato 6 documentario eleonora abbagnato 6 documentario eleonora abbagnato 5 documentario eleonora abbagnato 5 documentario eleonora abbagnato 3 documentario eleonora abbagnato 3 documentario eleonora abbagnato 4 documentario eleonora abbagnato 4 documentario eleonora abbagnato 1 documentario eleonora abbagnato 1

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."