I “TRADITORI DI PRIGOZHIN” SONO STATI RICEVUTI AL CREMLINO: PER SOSTITUIRE IL LEADER DELLA WAGNER, PUTIN HA SCELTO UN TRIUMVIRATO (MEGLIO TRE, SECONDO L'ANTICO MOTTO “DIVIDE ET IMPERA”) – ANDREY TROSHEV SARA' IL CAPO DI QUEL CHE RESTA DEL GRUPPO DI MERCENARI, CHE PROBABILMENTE NON SI CHIAMERÀ PIÙ “WAGNER”. AL SUO FIANCO CI SARANNO ANCHE YUNUS-BEK EVKUROV, IL GENERALE CHE DI RECENTE NEI PAESI AFRICANI HA CONTINUATO LE OPERAZIONI DEI WAGNERIANI, E ANDREY AVERYANOV, GIÀ CONSIDERATO RESPONSABILE DI VARI ASSASSINII E AVVELENAMENTI IN EUROPA...

-

Condividi questo articolo


Jacopo Iacoboni per La Stampa

 

PUTIN APPRENDE DELLA MORTE DI PRIGOZHIN - MEME DI OSHO PUTIN APPRENDE DELLA MORTE DI PRIGOZHIN - MEME DI OSHO

Nella tarda serata di giovedì 28 settembre, Vladimir Vladimirovich Putin ha ricevuto due uomini al Cremlino, e si è intrattenuto molto a lungo assieme a loro. I due uomini si chiamano Andrey Troshev (nome in battaglia “Sedoy”), già capo di staff del Gruppo Wagner in Siria, e Yunus-Bek Yevkurov, viceministro della Difesa, uomo dei Gru, che per i servizi militari russi aveva presieduto per conto del Cremlino alla nascita del Gruppo Wagner.

 

Putin ha di fatto nominato Troshev capo di (quel che resta di) Wagner, che probabilmente non si chiamerà più Wagner. Mosca vorrebbe però continuare a usarne la forza criminale e terroristica, senza avere a che fare con le ubbìe di Evgheny Prigozhin, il “populista della guerra” che si era ribellato al Cremlino. E così è stato scelto – come La Stampa ha anticipato – Troshev. Ora però si fanno diversi passi avanti.

Andrey Troshev Andrey Troshev

 

Il sito del Cremlino scrive che “Sedoy” supervisionerà le principali operazioni della Compagnia (anche se non nomina mai il nome “Wagner”), «naturalmente con particolare riguardo alle zone dell’operazione militare speciale», gli ha detto Putin. La cosa è confermata, e chiarita nella sua portata e in alcuni dettagli decisivi, dalla presenza al Cremlino anche di Yunus-Bek Evkurov, il generale che di recente ha viaggiato attivamente nei paesi africani e ha negoziato per continuare le operazioni estere dei wagneriani.

 

(...)

 

ANDREY TROSHEV E YEVKUROV ANDREY TROSHEV E YEVKUROV

Accanto a lui, sia nella Repubblica centrafricana, sia in Mali e Burkina Fasu, è stato fotografato Andrey Averyanov, capo dell’infame unità 29155 del Gru, considerata responsabile di diverse operazioni criminali clandestine della Russia in Europa. E, secondo alcuni nel Gruppo Wagner, la sua unità del Gru non sarebbe estranea alla oscura vicenda dell’abbattimento dell’aereo di Prigozhin e Dmitry Utkin.

 

ANDREY AVERYANOV ANDREY AVERYANOV

Nel frattempo c’è un nuovo sito web del gruppo, si chiama “??????-??????? online”, pubblicizza il reclutamento di «battaglioni di volontari» e linka a una pagina intitolata ZOV Patriots, che a sua volta pubblicizza contratti con la città di Mosca, affermando che il 90% del personale è costituito da «musicisti».

 

Uno dei tanti soprannomi che davano i suoi fedelissimi dentro Wagner a Evgheny Prigozhin era “Papa”. Ma, devono aver pensato al Cremlino, meglio tre “Papa” che uno solo, anche per controllarsi a vicenda seguendo l’antico motto divide et impera.

VLADIMIR PUTIN CON EVGENIJ PRIGOZHIN VLADIMIR PUTIN CON EVGENIJ PRIGOZHIN yunus bek yevkurov e khalifa haftar 3 yunus bek yevkurov e khalifa haftar 3

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…