“CON GLI USA C’È UNA CRISI PERICOLOSA, CHE PUÒ PORTARE A CONSEGUENZE IMPREVEDIBILI” – A MOSCA ACCUSANO DIRETTAMENTE GLI STATI UNITI PER GLI ATTACCHI DEGLI ULTIMI GIORNI IN TERRITORIO RUSSO: “SONO UNA CONFERMA DELLA ASSOLUTA PERMISSIVITÀ NEI CONFRONTI DI KIEV. LA LORO È UNA CARTA BIANCA E UNA ASSOLUTA INDULGENZA VERSO IL REGIME DI KIEV. DA QUESTO NOI TRAIAMO DELLE CONCLUSIONI…”

-

Condividi questo articolo


VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN

MOSCA, 'FALSE DICHIARAZIONI USA CONTRO ATTACCHI A RUSSIA'

(ANSA) - Sono "ipocrite e false" le assicurazioni degli Usa di non incoraggiare gli attacchi ucraini al territorio russo. Lo afferma il ministero degli Esteri di Mosca.

 

MOSCA, 'CON USA CRISI PERICOLOSA, ESITI IMPREVEDIBILI'

(ANSA) - Le relazioni tra Russia e Usa sono in una "crisi profonda e pericolosa" che rischia di portare a "conseguenze imprevedibili". Lo afferma in un comunicato il ministero degli Esteri di Mosca, condannando quelle che definisce le "azioni ostili degli Stati Uniti, che da tempo sono diventati parte del conflitto" in Ucraina.

 

lavrov putin lavrov putin

MOSCA, 'CARTA BIANCA USA A KIEV PER ATTACCHI A TERRITORIO RUSSO'

(ANSA) - Mosca accusa Washington di dare "carta bianca" a Kiev per attaccare il territorio russo, nonostante le smentite degli Usa.

 

Le dichiarazioni arrivate dagli Stati Uniti negli ultimi giorni sono "una conferma della assoluta permissività nei confronti di Kiev", ha detto il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov in un'intervista alla rivista International Affairs ripresa dall'agenzia statale russa Ria Novosti.

 

SERGEI RYABKOV SERGEI RYABKOV

Dapprima, sottolinea Ryabkov, gli Usa dicono che la Crimea non è riconosciuta come territorio russo e quindi Kiev può usare armi americane contro di essa, ma il giorno dopo affermano che Washington "non incoraggia" attacchi al territorio russo vero e proprio.

 

"Questa - è la conclusione di Ryabkov - è una carta bianca e una assoluta indulgenza da parte degli americani verso il regime di Kiev. Da questo noi traiamo delle conclusioni, sia nella sfera politica sia in quella militare". Ryabkov ha aggiunto che dirigenti russi e americani continuano a parlarsi al telefono, ma gli Usa non mostrano la volontà di "raddrizzare" le relazioni bilaterali.

 

ABBRACCIO TRA ZELENSKY E BIDEN ABBRACCIO TRA ZELENSKY E BIDEN

MOSCA, 'NESSUNA INTENZIONE DI USARE ARMI NUCLEARI'

(ANSA) - La Russia non ha alcuna intenzione di usare armi nucleari nel conflitto in Ucraina. Lo ha detto il vice ministro degli Esteri Serghey Ryabkov in un'intervista alla rivista International Affairs ripresa dall'agenzia russa Tass. "I nostri nemici - ha affermato Ryabkov - speculano cinicamente su questa situazione e cercano di attribuirci l'inesistente intenzione di usare armi nucleari per quello che sta succedendo in Ucraina. Ma non c'è stato alcun cambiamento nel nostro approccio a questa difficile questione".

vladimir putin e aleksandr lukashenko il 9 maggio 2023 a mosca vladimir putin e aleksandr lukashenko il 9 maggio 2023 a mosca

 

CREMLINO, 'ARMI A MINSK PERCHÉ AFFRONTA UN AMBIENTE OSTILE'

(ANSA) - Lo sviluppo delle relazioni militari tra Mosca e Minsk, compreso il trasferimento di armi nucleari, è necessario perché la Bielorussia, come la Russia, si trova a far fronte a "un ambiente molto ostile" con "dichiarazioni aggressive" da parte dei vicini. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov citato dall'agenzia Ria Novosti.

 

JOE BIDEN TRENO PER KIEV JOE BIDEN TRENO PER KIEV vignetta di osho su biden e zelensky vignetta di osho su biden e zelensky

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO