“VATTENE DA CASA MIA!” - GINEVRA BOMPIANI E LA LITE PER LA VILLA A LERICI, IN LIGURIA: IL VICINO, IL NOTAIO PASQUALE SCRUFARI, FINISCE A PROCESSO PER STALKING - LO SCONTRO PER UNA SERVITÙ DI PASSAGGIO: LA BOMPIANI PER ACCEDERE ALLA SUA CASA E’ COSTRETTA A TRANSITARE PER IL GIARDINO DELLA VILLA DEL VICINO - LA FIGLIA DELL'EDITOR PARLA DI "VENT'ANNI DI VIOLENZA E INSULTI" E SNOCCIOLA TUTTI GLI IMPEDIMENTI, "ANCHE FISICI", MESSI IN ATTO DAL NOTAIO (CHE NEGA TUTTO) - TRA I TESTIMONI ANCHE LUCA FORMENTON, NIPOTE DELL'EDITORE MILANESE ARNOLDO MONDADORI...

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Tiziano Ivani per “la Stampa”

GINEVRA BOMPIANI GINEVRA BOMPIANI

 

L'affaire è ambientato in uno degli angoli più suggestivi di Lerici, località Maralunga, dove splendide ville a picco sul mare si nascondono tra la macchia mediterranea e l'ombra del castello che caratterizza l'abitato dell'estremo levante ligure.

 

Ginevra Bompiani, scrittrice e figlia del fondatore della casa editrice che porta il suo nome, è proprietaria di una di quelle abitazioni e per accedervi è costretta a transitare dal giardino di un'altra villa che lei stessa, nel 1999, vendette, riservandosi un diritto di passaggio, al notaio Pasquale Scrufari. Tra loro, però, i rapporti non sarebbero mai stati idilliaci e, oggi, anni di tensioni e carte bollate deflagrano in un processo che vedrà il notaio con studio a Sarzana imputato con l'accusa di stalking a danno della figlia del grande editore Valentino Bompiani.

 

Sì, perché i carabinieri, coordinati dalla pm Federica Mariucci, per più di un anno hanno portato avanti un'inchiesta nel tentativo di chiarire ogni aspetto di una vicenda che, di primo acchito, appariva come una bega di vicinato.

 

LERICI VILLA BOMPIANI LERICI VILLA BOMPIANI

La pm è arrivata a ipotizzare il reato di stalking sostenendo che Ginevra Bompiani, che oggi è una signora di 83 anni, sia stata costretta «a cambiare le proprie abitudini di vita, in particolare limitando la permanenza nell'abitazione di Lerici fino a non poter più usufruire del proprio immobile» per timore degli atteggiamenti del notaio: ogni volta che la incontrava l'uomo avrebbe insultato lei e i suoi ospiti impedendo pure «il passaggio e l'accesso pedonale alla villa».

 

(...)

Ovviamente Bompiani (assistita dall'avvocato Jacopo Memo) si costituirà parte civile, ma in aula sono pronti a sfilare anche testimoni vip che, di volta in volta, hanno assistito a episodi che dovranno essere circostanziati durante la fase dibattimentale. Tra questi anche Luca Formenton, il nipote dell'editore milanese Arnoldo Mondadori.

 

GINEVRA BOMPIANI 45 GINEVRA BOMPIANI 45

Per orientarsi in modo corretto nella vicenda occorre però tornare al 23 luglio 2021 quando nella caserma dei carabinieri di Lerici si presenta, in persona, Ginevra Roberta Bompiani, erede dell'editore che pubblicò Alberto Moravia e Umberto Eco, per presentare una denuncia. Davanti a un luogotenente spiega di essere proprietaria di «un immobile a Lerici» e che per accedervi deve «attraversare un camminamento che fa parte del giardino della villa di Pasquale Scrufari»: 

 

(...)

 

I problemi però, stando al racconto della scrittrice, iniziano fin da subito: «Poco dopo la cessione, Scrufari ha iniziato a opporsi al mio diritto di passaggio – continua la donna –. Prima tentando un accordo, che rifiutavo, poi con impedimenti fisici di vario genere. Intendo la non consegna del telecomando del cancello principale, la collocazione di una tavola marcia di legno tale da rendere pericoloso il passaggio. Per il telecomando ricorrevo, tra il 2002 e il 2004, alle vie legali in sede civile ottenendo ragione e quindi costringendo Scrufari a consentire il mio passaggio. Voglio, inoltre, far presente che tali atti sono continuati ogni anno dal 2000 a oggi».

 

villa lerici ginevra bompiani villa lerici ginevra bompiani

Bompiani, poi, passa a descrivere le presunte aggressioni verbali: «Un'altra volta sono passata con un'amica quando Scrufari ha iniziato a insultarmi dicendo "Vattene da casa mia...". Quindi faceva per venirmi addosso. La moglie di lui, anch'ella presente, gli diceva di smetterla». Successivamente la donna fa mettere a verbale episodi ancora più gravi, attribuendo al notaio gesti e parole che avrebbero avuto l'unico fine di intimorirla. La difesa di Scrufari (l'avvocato Paolo Mione) respinge ogni accusa ritenendo di poter dimostrare l'innocenza del proprio assistito durante il processo che inizierà a maggio.

valentino bompiani valentino bompiani luca formenton luca formenton

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE