LELIO E LE STORIE TESE – PIGI BATTISTA: “SAREBBE UNA BUONA COSA, MA NON AVVERRÀ, SE, A DIECI ANNI DALLA SUA MORTE, CI SI RICORDASSE PUBBLICAMENTE E SOLENNEMENTE DI LELIO LUTTAZZI, DELLE NEFANDEZZE COMPIUTE AI SUOI DANNI DA UNA GIUSTIZIA INIQUA E SPIETATA. CHIEDERE SCUSA, CERTO, SAREBBE TROPPO” - “FU SBATTUTO IN GALERA PER UNA VICENDA IN CUI NON C' ENTRAVA NIENTE DA MAGISTRATI DALL' ARRESTO FACILE CHE NON HANNO PAGATO PER IL LORO CLAMOROSO ERRORE. ANZI, LA LORO CARRIERA…”

-

Condividi questo articolo


 

 

Pierluigi Battista per il “Corriere della Sera”

 

lelio luttazzi 5 lelio luttazzi 5

Per quelli che negano le malefatte della giustizia ingiusta, per chi, magistrati con l' incanto della manetta facile e giornalisti che suonano il piffero dell' accusa e non ascoltano mai la difesa, ha la spudoratezza di dire che non ci sono innocenti in galera, proponiamo di ricordare una vittima dell' ingiustizia organizzata, non di un errore giudiziario, ma di un orrore giudiziario.

 

E cioè di Lelio Luttazzi, morto esattamente dieci anni fa, un grande dello spettacolo italiano, un eccellente musicista, un direttore d' orchestra, un regista e scrittore, un uomo garbato e intelligente che nel 1970 fu sbattuto in galera per una vicenda in cui non c' entrava niente da magistrati dall' arresto facile.

 

Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari

Di magistrati che hanno distrutto non solo la carriera, ma anche la vita di Lelio Luttazzi, mentre loro non hanno pagato per il loro clamoroso errore, ma anzi la loro carriera è andata speditamente avanti, non osiamo immaginare con quante sofferenze patite da altri innocenti in galera di cui, privi della notorietà di Luttazzi, non sappiamo assolutamente nulla, come del protagonista Alberto Sordi in Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy.

LELIO LUTTAZZI LELIO LUTTAZZI

 

«Stavo in galera, chiuso in una celletta d' isolamento piccolissima. Bugliolo. Secchio. Come le bestie», scriverà Luttazzi in un libro struggente come Operazione Montecristo (editore Mursia). 33 giorni di angoscia, di paura, di umiliazioni che non saranno mai risarciti, di cui nessuno, nella magistratura, pagherà le conseguenze.

 

lelio luttazzi 1 lelio luttazzi 1

Ma Luttazzi, che era un signore, scrisse ancora nel suo libro: «Per tanto tempo mi sono portato dentro una rabbia senza fine contro il Pubblico Ministero che mi aveva interrogato, e non mi aveva creduto«, però «il rancore si è stemperato negli anni» anche se «per l' ingiustizia ho ancora parecchio fastidio». «Fastidio» per un' ingiustizia colossale, devastante, destinata a segnare gli anni a venire.

 

Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari

Sarebbe una buona cosa, ma non avverrà, se, a dieci anni dalla sua morte, ci si ricordasse pubblicamente e solennemente di Lelio Luttazzi, delle nefandezze compiute ai suoi danni da una giustizia iniqua e spietata. Chiedere scusa, certo, sarebbe troppo per chi pensa che il rispetto per la magistratura non sia qualcosa da conquistare giorno per giorno ma un obbligo indiscutibile. Il rispetto per Lelio Luttazzi, piuttosto: quello è ciò che dovrebbero imparare.

Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari lelio luttazzi lelio luttazzi Patrizia Caselli e Walter Chiari Patrizia Caselli e Walter Chiari chiari chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari

Il pianoforte di Lelio Luttazzi Il pianoforte di Lelio Luttazzi raffaella carra' e lelio luttazzi raffaella carra' e lelio luttazzi lelio luttazzi fiorello lelio luttazzi fiorello Lelio Luttazzi con Mina e Delia Scala Lelio Luttazzi con Mina e Delia Scala Lelio Luttazzi e Raffaella Carra Lelio Luttazzi e Raffaella Carra sandra milo lelio luttazzi sandra milo lelio luttazzi Pensieri di Lelio Luttazzi Pensieri di Lelio Luttazzi mina lelio luttazzi mina lelio luttazzi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...