LELIO E LE STORIE TESE – PIGI BATTISTA: “SAREBBE UNA BUONA COSA, MA NON AVVERRÀ, SE, A DIECI ANNI DALLA SUA MORTE, CI SI RICORDASSE PUBBLICAMENTE E SOLENNEMENTE DI LELIO LUTTAZZI, DELLE NEFANDEZZE COMPIUTE AI SUOI DANNI DA UNA GIUSTIZIA INIQUA E SPIETATA. CHIEDERE SCUSA, CERTO, SAREBBE TROPPO” - “FU SBATTUTO IN GALERA PER UNA VICENDA IN CUI NON C' ENTRAVA NIENTE DA MAGISTRATI DALL' ARRESTO FACILE CHE NON HANNO PAGATO PER IL LORO CLAMOROSO ERRORE. ANZI, LA LORO CARRIERA…”

-

Condividi questo articolo


 

 

Pierluigi Battista per il “Corriere della Sera”

 

lelio luttazzi 5 lelio luttazzi 5

Per quelli che negano le malefatte della giustizia ingiusta, per chi, magistrati con l' incanto della manetta facile e giornalisti che suonano il piffero dell' accusa e non ascoltano mai la difesa, ha la spudoratezza di dire che non ci sono innocenti in galera, proponiamo di ricordare una vittima dell' ingiustizia organizzata, non di un errore giudiziario, ma di un orrore giudiziario.

 

E cioè di Lelio Luttazzi, morto esattamente dieci anni fa, un grande dello spettacolo italiano, un eccellente musicista, un direttore d' orchestra, un regista e scrittore, un uomo garbato e intelligente che nel 1970 fu sbattuto in galera per una vicenda in cui non c' entrava niente da magistrati dall' arresto facile.

 

Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari

Di magistrati che hanno distrutto non solo la carriera, ma anche la vita di Lelio Luttazzi, mentre loro non hanno pagato per il loro clamoroso errore, ma anzi la loro carriera è andata speditamente avanti, non osiamo immaginare con quante sofferenze patite da altri innocenti in galera di cui, privi della notorietà di Luttazzi, non sappiamo assolutamente nulla, come del protagonista Alberto Sordi in Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy.

LELIO LUTTAZZI LELIO LUTTAZZI

 

«Stavo in galera, chiuso in una celletta d' isolamento piccolissima. Bugliolo. Secchio. Come le bestie», scriverà Luttazzi in un libro struggente come Operazione Montecristo (editore Mursia). 33 giorni di angoscia, di paura, di umiliazioni che non saranno mai risarciti, di cui nessuno, nella magistratura, pagherà le conseguenze.

 

lelio luttazzi 1 lelio luttazzi 1

Ma Luttazzi, che era un signore, scrisse ancora nel suo libro: «Per tanto tempo mi sono portato dentro una rabbia senza fine contro il Pubblico Ministero che mi aveva interrogato, e non mi aveva creduto«, però «il rancore si è stemperato negli anni» anche se «per l' ingiustizia ho ancora parecchio fastidio». «Fastidio» per un' ingiustizia colossale, devastante, destinata a segnare gli anni a venire.

 

Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari

Sarebbe una buona cosa, ma non avverrà, se, a dieci anni dalla sua morte, ci si ricordasse pubblicamente e solennemente di Lelio Luttazzi, delle nefandezze compiute ai suoi danni da una giustizia iniqua e spietata. Chiedere scusa, certo, sarebbe troppo per chi pensa che il rispetto per la magistratura non sia qualcosa da conquistare giorno per giorno ma un obbligo indiscutibile. Il rispetto per Lelio Luttazzi, piuttosto: quello è ciò che dovrebbero imparare.

Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari lelio luttazzi lelio luttazzi Patrizia Caselli e Walter Chiari Patrizia Caselli e Walter Chiari chiari chiari Lelio luttazzi Walter chiari Lelio luttazzi Walter chiari

Il pianoforte di Lelio Luttazzi Il pianoforte di Lelio Luttazzi raffaella carra' e lelio luttazzi raffaella carra' e lelio luttazzi lelio luttazzi fiorello lelio luttazzi fiorello Lelio Luttazzi con Mina e Delia Scala Lelio Luttazzi con Mina e Delia Scala Lelio Luttazzi e Raffaella Carra Lelio Luttazzi e Raffaella Carra sandra milo lelio luttazzi sandra milo lelio luttazzi Pensieri di Lelio Luttazzi Pensieri di Lelio Luttazzi mina lelio luttazzi mina lelio luttazzi

 

Condividi questo articolo

media e tv

UN SOGNO CHIAMATO SCARLIT SCANDAL - I SUOI VIDEO HANNO CENTINAIA DI MILIONI DI VISUALIZZAZIONI, HA VINTO L’OSCAR DEL PORNO COME “MIGLIORE NOVITÀ”, UN METRO E CINQUANTA E UN CORPO GENUINO - BARBARA COSTA: “HA 22 ANNI E SI MUOVE A SUO AGIO SUI SET, SI CIMENTA ANCHE IN BDSM A FARSI CASTIGARE - E’ ANCHE ASTUTA E DISINVOLTA SUI SOCIAL. NELLA MENTE DI QUESTE NUOVE PORNOSTAR 20ENNI, E IN QUELLA DEI LORO AGENTI, IL LAVORO E I SOCIAL DEVONO MUOVERSI DI PARI PASSO…” - VIDEO + FOTO

politica

“MARIO DRAGHI? L'IDEA CHE UN UOMO DA SOLO POSSA RISOLVERE LE COSE FALSA LA REALTÀ...” - GIUSEPPE CONTE INFILA IL CURARO NELLE SUE PAROLE FLAUTATE: “È DIFFICILE GESTIRE UNA MAGGIORANZA CON UN PERIMETRO MOLTO LARGO. FINCHÉ SI TRATTA DEL PIANO VACCINALE...MA QUANDO SI SCENDERÀ NELLE QUESTIONI ECONOMICHE E SOCIALI DIVENTERÀ COMPLESSO - LA FINE DEL MIO GOVERNO? È CHIARO CHE ALCUNI SETTORI ECONOMICI E POLITICI VOLESSERO VOLTAR PAGINA - PUÒ ESSERE CHE IN QUESTA OPERAZIONE RENZI SI SIA PRESTATO, VISTO CHE I SONDAGGI DI ITALIA VIVA NON DECOLLAVANO…”

business

IL TESORO APPARECCHIA IL BUFFET MPS PER UNICREDIT: VUOLE CHIEDERE A BRUXELLES IL RINVIO, A GIUGNO 2022, DEL TERMINE PER LA PRIVATIZZAZIONE COSI’ DA FAVORIRE L'INGRESSO DI UNICREDIT - L’IDEA DEL DG DEL TESORO, ALESSANDRO RIVERA: PROPORRE A ORCEL DI ACQUISTARE A VALORI QUASI SIMBOLICI IL 51% DI MPS, CON IL 13% AL MINISTERO DELL’ECONOMIA - UNICREDIT LANCEREBBE L'OPA A PREZZI VICINI A QUELLO DI ACQUISTO DELLA MAGGIORANZA E VIA XX SETTEMBRE AFFIANCHEREBBE LA BANCA NEL PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE DA REALIZZARE IN TRE ANNI - IL RUOLO DI BPM

cronache

“LA PAROLA DIO PER ME NON È ALTRO CHE IL PRODOTTO DELLA DEBOLEZZA UMANA” - LA “LETTERA SU DIO” CHE ALBERT EINSTEIN SCRISSE IL 3 GENNAIO 1954 (MORIRÀ L’ANNO SEGUENTE): “LA RELIGIONE EBRAICA È, COME TUTTE LE ALTRE RELIGIONI, L’INCARNAZIONE DI UNA SUPERSTIZIONE PRIMITIVA - E IL POPOLO EBRAICO NON HA UNA FORMA DI DIGNITÀ DIVERSA RISPETTO AD ALTRI POPOLI - CREDO NEL DIO DI SPINOZA, CHE SI RIVELA NELL’ORDINE ARMONIOSO DELLA NATURA, NON IN UN DIO CHE SI CURA DEI DESTINI E DELLE AZIONI UMANE”

sport

cafonal

viaggi

salute