SECONDO LA PROCURA DI TORINO, CHE HA INDAGATO JOHN ELKANN, DAI CARTEGGI INTERNI ALLA FAMIGLIA EMERGE UNA STRATEGIA: DOPO LA MORTE DI GIANNI AGNELLI, NIENTE DOVEVA ESSERE INTESTATO ALLA VEDOVA MARELLA. NESSUNA UTENZA, NESSUN RAPPORTO DI LAVORO, NULLA: IL RISCHIO ERA METTERE IN DISCUSSIONE LA SUCCESSIONE, BASATA SULLA RESIDENZA IN SVIZZERA DELLA NONNA DI YAKI (IL DIRITTO ELVETICO NON PREVEDE LA QUOTA DI LEGITTIMA AI FIGLI). I PM SONO CONVINTI DI AVERE BASI PER CONTESTARE DUE ANNI DI TASSE NON PAGATE. MARGHERITA, FIGLIA DI MARELLA E MAMMA DI JOHN, PUNTA AL BOCCONE GROSSO, LA DICEMBRE…

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marco Grasso per “il Fatto quotidiano”

 

JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI

Al vaglio ci sono i vecchi passaporti di Marella, con i timbri che segnano i suoi movimenti; le fatture per le cure mediche, che mostrerebbero come la permanenza nello chalet svizzero nei pressi di Gstaad si sarebbe limitata a brevi periodi estivi; i verbali delle prime testimonianze del personale che si occupava della vedova dell’Avvocato a Torino, ma che secondo gli inquirenti veniva stipendiato dal nipote John Elkann o da società a lui riconducibili.

 

E ancora, i carteggi interni alla famiglia, da cui emergerebbero tracce di una strategia complessiva: in Italia, dopo la morte di Gianni Agnelli, niente doveva essere intestato alla ex moglie Marella. Nessuna utenza, nessun rapporto di lavoro salariato, persino i cani. Il rischio sarebbe stato quello di mettere in discussione il baluardo della successione: la residenza svizzera di Marella Caracciolo, che ha consentito il passaggio ereditario dello scettro al nipote John Elkann, saltando Margherita Agnelli, figlia di Marella e Gianni Agnelli e madre di John.

 

MARGHERITA AGNELLI E JOHN ELKANN MARGHERITA AGNELLI E JOHN ELKANN

Un salto generazionale consentito dal diritto elvetico, ma non da quello italiano, secondo il quale i figli hanno sempre diritto a una quota legittima del 50%. La Procura di Torino non è interessata alla dinasty familiare […], ma agli eventuali aspetti penali e tributari che comporterebbe la simulazione di una residenza estera di Marella Caracciolo, scomparsa nel 2019.

 

I pm […] sono convinti di avere solide basi per poter contestare almeno un biennio di tasse non pagate: 2018 e 2019. E per rafforzare questa convinzione, la settimana prossima saranno sentiti altri testimoni. Si parte dalla mancata dichiarazione del vitalizio di 500 mila euro mensili che […] Margherita versava alla madre Marella: un occultamento che, se fosse provato, riguarderebbe introiti per 8 milioni di euro.

 

gianni agnelli lapo e john elkann gianni agnelli lapo e john elkann

Al momento sono tre gli indagati, a cui è contestata la frode fiscale, per dichiarazione infedele al Fisco: Gianluca Ferrero, commercialista della famiglia Agnelli e presidente della Juventus, coinvolto per aver redatto le dichiarazioni dei redditi; il notaio svizzero Urs von Grunigen, esecutore testamentario di Marella, indagato per aver controfirmato quelle dichiarazioni; John Elkann, presidente di Stellantis ed editore di Gedi.

 

MARGHERITA AGNELLI E MARELLA CARACCIOLO MARGHERITA AGNELLI E MARELLA CARACCIOLO

Ma il vero obiettivo dell’indagine potrebbe diventare un altro. La Guardia di Finanza ha acquisito documentazione presso una serie di fiduciarie che custodiscono parte del tesoro della famiglia Agnelli-Elkann: Nomen fiduciaria, Soge fi, P fiduciaria. Casseforti che custodiscono redditi di ben altro ordine di grandezza: se i pm dovessero provare che quei guadagni sono stati nascosti illegittimamente all’erario, l’Agenzia delle Entrate potrebbe presentare il conto agli eredi di Marella. Mentre Margherita potrebbe sfruttare l’inchiesta per rovesciare le cause civili, per arrivare a rimettere in discussione il controllo dell’impero Agnelli-Elkann. […]

margherita agnelli margherita agnelli MARGHERITA AGNELLI MARGHERITA AGNELLI margherita agnelli e gianni agnelli 3 margherita agnelli e gianni agnelli 3 GIANNI AGNELLI CON JOHN KENNEDY GIANNI AGNELLI CON JOHN KENNEDY JOHN ELKANN E GIANNI AGNELLI JOHN ELKANN E GIANNI AGNELLI LE DISPOSIZIONI SULLE CASE DI GIANNI AGNELLI LE DISPOSIZIONI SULLE CASE DI GIANNI AGNELLI LA LETTERA DI MONACO CHE INCORONA JOHN ELKANN COME EREDE DI GIANNI AGNELLI LA LETTERA DI MONACO CHE INCORONA JOHN ELKANN COME EREDE DI GIANNI AGNELLI SERGE DE PAHLEN - MARIA CON LA FIGLIA ANASTASJA - MARGHERITA AGNELLI SERGE DE PAHLEN - MARIA CON LA FIGLIA ANASTASJA - MARGHERITA AGNELLI IL TESTAMENTO DI MARELLA CARACCIOLO CON LE INTEGRAZIONI E LE FIRME IL TESTAMENTO DI MARELLA CARACCIOLO CON LE INTEGRAZIONI E LE FIRME MARELLA CARACCIOLO IN AEREO CON MARGHERITA, EDOARDO E DI SPALLE GIANNI AGNELLI MARELLA CARACCIOLO IN AEREO CON MARGHERITA, EDOARDO E DI SPALLE GIANNI AGNELLI margherita agnelli gianni agnelli margherita agnelli gianni agnelli margherita agnelli ginevra elkann margherita agnelli ginevra elkann margherita agnelli e gianni agnelli 2 margherita agnelli e gianni agnelli 2 margherita agnelli e gianni agnelli margherita agnelli e gianni agnelli margherita agnelli e gianni agnelli 1 margherita agnelli e gianni agnelli 1 famiglia agnelli famiglia agnelli il matrimonio tra margherita agnelli e alain elkann il matrimonio tra margherita agnelli e alain elkann margherita agnelli e gianni agnelli 1 margherita agnelli e gianni agnelli 1 MARGHERITA AGNELLI MARGHERITA AGNELLI margherita agnelli e gianni agnelli margherita agnelli e gianni agnelli gianni agnelli con la moglie marella e i figli edoardo e margherita gianni agnelli con la moglie marella e i figli edoardo e margherita MARGHERITA AGNELLI MARGHERITA AGNELLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…