MA CHE C’ERA DENTRO L’ACQUA? - UN GRUPPO DI 14 ELEFANTI SI AVVENTURA IN UN VILLAGGIO E FA RAZZIA DI CIBO E DI VINO DI MAIS - I PACHIDERMI SEMBRANO SBRONZARSI A TAL PUNTO DA SDRAIARSI SATOLLI E UBRIACHI IN UNA PIANTAGIONE DI TÈ. MA NON È COME SEMBRA – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Estratto dall'articolo di Riccardo Luna per "la Repubblica"

 

DELFINI. Il National Geographic ha segnalato delle fake news meno dannose ma non per questo meno infondate: su Tik Tok e Instagram nei giorni scorsi diversi utenti hanno condiviso foto di delfini e cigni nei canali deserti di Venezia e di elefanti; mentre su Weibo, un social network cinese, circolavano foto di elefanti che avevano invaso un villaggio e si erano ubriacati bevendo vino.

 

Quello che tiene assieme questo tipo di post, secondo la prestigiosa rivista, è una presunta rivincita della natura mentre gli esseri umani si sono barricati in casa. Ma i cigni a Venezia non sono una novità, soprattutto a Burano; le foto dei delfini erano state scattate in Sardegna. Mentre in Cina c' è stata una indagine governativa per venire a capo della questione e si è scoperto che una dozzina di elefanti la settimana scorsa hanno effettivamente fatto irruzione in un paio di villaggi, ma questo accade abitualmente. E comunque non erano gli elefanti della foto postata sui social.

 

Donatella Trunfio per "www.greenme.it"

 

elefanti ubriachi 4 elefanti ubriachi 4

L’immagine degli elefanti satolli, ubriachi e stesi a terra dopo aver bevuto ‘vino di mais’ e aver mangiato a enormi quantità, ha fatto il giro del mondo creando una certa ilarità. Il problema è che in questo scatto, in realtà, non c’è nulla da ridere.

 

Si sono spinti fin dentro un villaggio nella provincia dello Yunan in Cina alla ricerca di cibo. Quattordici elefanti di varie dimensioni che hanno fatto razzia di mais, ma anche di ‘vino di mais’ a tal punto da finire sdraiati (addormentati) in una piantagione di tè.

elefanti ubriachi 2 elefanti ubriachi 2

 

L’immagine ci rimanda a due realtà: la prima è che gli elefanti si sono spinti fino al villaggio perché a seguito del coronavirus, c’è ancora allerta e restrizioni sul fatto di poter uscire e condurre un’esistenza normale. Così come i delfini che sono tornati nei porti e la coppia di germano che ha nidificato sul pontile di Venezia, anche questi elefanti si sono spinti vicino le case.

 

elefanti ubriachi 5 elefanti ubriachi 5

La seconda, più drammatica, è che quegli elefanti erano a caccia disperata di acqua e cibo per via della perdita di habitat naturale e che sono addirittura arrivati a bere del vino, ubriacandosi.

I cambiamenti climatici stanno mettendo a dura prova la biodiversità. Siccità, ondate di calore, uragani, ma soprattutto disboscamento illegale e bracconaggio per l’avorio, minano la vita degli elefanti che finiscono inevitabilmente per arrivare fino ai villaggi, con il rischio (in condizioni normali) di essere anche feriti e uccisi. Soprattutto nelle piantagioni di tè il rischio di rimanere intrappolati nelle “trincee” costruite per irrigare è alto, come già denunciato più volte, soprattutto in India.

elefanti ubriachi 3 elefanti ubriachi 3

 

Nessuno sa se la foto che sta girando sui social sia vera. Alcuni elefanti hanno recentemente attraversato un villaggio nella provincia dello Yunnan, in Cina, ma la loro presenza non è fuori dalla norma.

elefanti ubriachi 6 elefanti ubriachi 6 elefanti ubriachi 1 elefanti ubriachi 1

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute