DA MACHO A MICIO - PER I 67 ANNI, PUTIN DEPONE LE POSE DA MASCHIO ALFA E SI FA FOTOGRAFARE IN RASSICURANTE POSA “BUCOLICA”, CON UN MAZZOLINO DI FIORI IN MANO - QUASI SI AVVIASSE A INTERPRETARE IL RUOLO DEL GUERRIERO ORMAI DIVENUTO SAGGIO PATRIARCA - LA FESTA INSIEME A BERLUSCONI E ALL MINISTRO DELLA DIFESA (SUO PIÙ PROBABILE SUCCESSORE), SERGEI SHOIGU, NELLA TAIGA NELLA FORESTA SIBERIANA…

-

Condividi questo articolo

Fabrizio Dragosei per il “Corriere della sera”

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

Le prime immagini inconsuete di Vladimir Vladimirovich apparvero all' inizio degli anni Duemila: Putin era appena succeduto all'anziano e malato Boris Yeltsin, che tutti ricordavano in foto flaccido e barcollante, degno erede della gerontocrazia dell' Urss moribonda. L'ex capo dei servizi segreti era invece giovane, dinamico e doveva dimostrare che nella Russia del nuovo millennio tutto stava per cambiare. Eccolo allora apparire come cintura nera di judo, o provetto sciatore.

 

L'icona di Putin machissimo, che si avvicina alle tigri, scende negli abissi e cavalca a torso nudo ha continuato a imperare in questi anni di potere assoluto. Per dimostrare che il leader era sempre in sella e sempre in forma. Adesso però gli esperti del Cremlino sembrano aver deciso di imboccare un' altra strada.

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

Alla vigilia del 67° compleanno festeggiato ieri, il presidente è apparso in immagini molto più rassicuranti. Quasi si avviasse a interpretare il ruolo del guerriero ormai divenuto saggio patriarca. Lo abbiamo visto quindi passeggiare tranquillo in Siberia mentre impugna l' alpenstock che veniva adoperato dai primi scalatori. Che differenza con il subacqueo che «scopre» antiche anfore nel Mar Nero, il cavallerizzo, il tiratore scelto e il nuotatore nei gelidi fiumi del Nord. Per non parlare dell' esploratore in batiscafo o del pilota: di aerei da guerra e di vetture di Formula 1.

 

Per la verità, bisogna anche ammettere che in tutti questi anni i curatori della sua immagine hanno pure inanellato errori. Foto goffe che non andavano mai diffuse. La prima immagine assai poco ortodossa che viene in mente è quella di Putin e Berlusconi (che lo ha raggiunto, come spesso in passato, per il compleanno di lunedì) a una grigliata fuori Mosca con i paraorecchie del colbacco ridicolmente tirati giù. Mai e poi mai un vero muzhik russo farebbe una cosa simile, a meno che non si trovasse a temperature inferiori ai -35.

vladimir putin vladimir putin

 

Poi un presidente-ornitologo in tuta bianca alle prese con un gruppetto di gru siberiane: assai poco marziale. Quindi con indosso un completo invernale della nazionale russa di sci «fatto in casa»: bianco e rosso, pieno di fiori e ghirigori. E al poligono di tiro con pistola in mano e cuffia gialla indossata al contrario (con il raccordo tra le due parti sotto il mento e non sopra la testa). Ma poi i suoi collaboratori hanno recuperato con centinaia di immagini di tutti i tipi. Giocatore di hockey e grande goleador; motociclista alla Easy Rider con i Lupi della notte. Fino al saggio col lungo bastone. Vedremo cosa ci riserverà il futuro.

putin e berlusconi al gelo putin e berlusconi al gelo berlusconi putin e la mitraglietta berlusconi putin e la mitraglietta berlusconi fa le fusa a putin berlusconi fa le fusa a putin VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute