I MAGNIFICI SETTE SI PAPPANO IL MONDO - ALPHABET, AMAZON, APPLE, META, MICROSOFT, NVIDIA E TESLA VALGONO COMPLESSIVAMENTE 12,3 TRILIONI, L’EQUIVALENTE DEL PIL DI GERMANIA, GIAPPONE E INDIA, LA TERZA, QUARTA E QUINTA ECONOMIA MONDIALE MESSE INSIEME – UNA POTENZA DI FUOCO CAPACE DI TRASCINARE L’INTERA BORSA DI WALL STREET VISTO CHE QUESTE SETTE AZIENDE PESANO PER IL 28% SU TUTTO L’INDICE S&P500 – PER GLI OTTIMISTI CI SARÀ UN ULTERIORE RILANCIO VISTO CHE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Maria Teresa Cometto per il “Corriere della Sera”

 

i magnifici 7 dei big tech 7 i magnifici 7 dei big tech 7

I Magnifici Sette sono tornati alla carica, trascinando l’intera Borsa di Wall Street. Sono i leader dell’indice azionario S&P500 (in ordine alfabetico): Alphabet, la capogruppo di Google, Amazon.com, Apple, Meta, la capogruppo di Facebook, Microsoft, Nvidia e Tesla. Grazie a loro l’S&P500 ha toccato nuovi massimi nei giorni scorsi. Dai minimi del 12 ottobre 2022, i Magnifici Sette si sono rivalutati del 65%, quasi il doppio del 35% di performance dell’intero indice e molto di più del 25% delle rimanenti 493 società componenti lo stesso indice.

i magnifici 7 dei big tech 5 i magnifici 7 dei big tech 5

 

Nel solo 2023 i sette titoli guida hanno aggiunto 5 trilioni (5 mila miliardi) di dollari al proprio valore di mercato, raddoppiandolo. Poi hanno continuato a correre in gennaio (+4,4%, il doppio dell’S&P500, fino al 24/1) arrivando a valere complessivamente 12,3 trilioni, l’equivalente del Prodotto interno lordo di Germania, Giappone e India, la terza, quarta e quinta economia mondiale messe insieme; oppure l’equivalente del pil di altri cinque Paesi fra i primi dieci al mondo per forza economica, Gran Bretagna, Francia, Italia, Brasile e Canada.

i magnifici 7 dei big tech 6 i magnifici 7 dei big tech 6

 

Grazie alle oro dimensioni - che vanno dai 2,9 trilioni di dollari di Apple e Microsoft ai «soli» 700 miliardi di Tesla — i Magnifici Sette pesano per quasi un terzo (il 28%) su tutto l’indice S&P500. […]

 

Secondo gli ottimisti c’è ancora spazio per ulteriori rialzi. A spingere l’intera Borsa americana è la convinzione che la Federal reserve sia riuscita a rallentare l’inflazione senza provocare una recessione. Alla fine dell’anno scorso l’aspettativa era addirittura di nuovi tagli aggressivi dei tassi di interesse e aveva alimentato un rally generale.

 

i magnifici 7 dei big tech 8 i magnifici 7 dei big tech 8

Ora gli investitori non si aspettano più altri tagli e sono tornati a scommettere sui giganti della tecnologia per due motivi fondamentali: il primo è che i Big Tech continuano a generare enormi profitti e hanno bilanci solidissimi; il secondo riguarda l’entusiasmo per l’intelligenza artificiale per sviluppare la quale sono i giganti come Microsoft e Alphabet ad avere le risorse.

[…]

i magnifici 7 dei big tech 3 i magnifici 7 dei big tech 3

 

L’unico in rosso fra i Magnifici Sette è Tesla, il produttore di auto elettriche di Elon Musk: vale il 5% meno che nell’ottobre 2022. Soffre l’aumento della concorrenza su scala globale, che l’ha costretto a tagliare il prezzo dei suoi veicoli riducendo i margini di profitto. […]

i magnifici 7 dei big tech 2 i magnifici 7 dei big tech 2 i magnifici 7 dei big tech 1 i magnifici 7 dei big tech 1 i magnifici 7 dei big tech 4 i magnifici 7 dei big tech 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…