IN MANO AI SANTONI SI FINISCE SEMPRE ALL'ALDILA' - LA MORTE DI ROBERTA REPETTO, DOPO L'ASPORTAZIONE IMPROVVISATA DI UN NEO, SCOPERCHIA IL VOLTO DIABOLICO DEL "CENTRO ANIDRA", VICINO GENOVA - SULLA CARTE UN CENTRO OLISTICO, NELLA SOSTANZA UNA PRIGIONE DA CUI NON CI SI POTEVA ALLONTANARE NE' SI POTEVANO INCONTRARE PERSONE E DOVE SI USAVANO LE TISANE PER "CURARE" IL TUMORE - PER GLI INTERVENTI CHIRURGICI SI UTILIZZAVA LA CUCINA DELL'AGRITURISMO, SENZA RISPETTO PER L'IGIENE E SENZA ANESTESIA - I DUE ARRESTATI ACCUSATI ANCHE DI VIOLENZA SESSUALE…

-

Condividi questo articolo


ROBERTA REPETTO ROBERTA REPETTO

Tommaso Fregatti Matteo Indice per "la Stampa"

 

Agli amici e ai genitori che si preoccupavano di lei scriveva di stare bene. «Non sono in una grotta, non sono a New York e neppure sulle Ande. Sono a mezz' ora di macchina dalla mia abitazione in un centro che conoscete, dove mi coccolano e mi trattano come a casa». E però qualche mese dopo il rimprovero per essere scesa a Chiavari a cenare, Roberta si sfogava con i suoi aguzzini: «Mi sento umiliata da voi, trattata come una m...In cinque anni ho mangiato una pizza fuori e vengo offesa. Vi dimenticate che sono andata a vivere da sola nel centro, che mi sono fatta operare senza anestesia e che mi sono fidata di voi su mille cose importanti».

 

VINCENZO PAOLO BENDINELLI VINCENZO PAOLO BENDINELLI

La prigione mortale di Roberta Repetto, 40 anni, agente immobiliare e insegnante di yoga, era il Centro Anidra di Stibiveri sulle alture di Borzonasca in Valle Sturla. Un luogo da favola, in teoria, in realtà dai due volti. Dove c'erano prati all'inglese e si scorgevano tramonti da sogno.

 

Ma chi era nella comune non aveva la libertà di uscire o incontrare altre persone. E se si manifestava un problema di salute, si veniva curati come nel medioevo: tisane zuccherate, olio di albero da tè, impacchi con piante, meditazione. E per gli interventi chirurgici si utilizzava la cucina dell'agriturismo, senza rispetto per l' igiene, ma anche e soprattutto senza anestesia.

 

Roberta, donna giovane e forte con la passione per l' India e le sue filosofie, è morta per quelle (mancate) cure. Stroncata da un piccolo neo maligno, che in due anni si è trasformato in metastasi e l' ha divorata. Tutto questo senza che i suoi (presunti) amici facessero nulla per lei.

ROBERTA REPETTO ROBERTA REPETTO

 

Perciò ieri i carabinieri del nucleo investigativo hanno arrestato il santone e presidente del centro Anidra Paolo Vincenzo Bendinelli, 68 anni, noto nel Tigullio per aver creato uno dei complessi più esclusivi della zona con annessa «scuola olistica», e il medico Paolo Oneda, 47 anni, ufficialmente chirurgo dell' ospedale di Manerbio nel bresciano. Di fatto, più che alla medicina tradizionale credeva ai riti magici, alle meditazioni e alle cure naturalistiche. Entrambi sono accusati di omicidio volontaria con dolo eventuale per la morte di Roberta. C' è tuttavia di più.

 

PAOLO ONEDA PAOLO ONEDA

L' indagine - scattata dopo la denuncia dei parenti della quarantenne, morta dopo due anni di calvario nell' ottobre scorso all' ospedale San Martino di Genova - è parallela a un' altra inchiesta segreta sul centro, dove le pratiche olistiche venivano confuse con rapporti sessuali e dove gli allievi pagavano ingenti cifre alla struttura. Perciò i carabinieri dopo un secondo esposto presentato dalla famiglia di un' altra ragazza circuita, indagano anche per violenza sessuale e circonvenzione di incapace. A raccontare il calvario di Roberta, Renzo Repetto e Maura Malatesta, suoi genitori: «Si è allontanata da noi per dodici anni, abbiamo provato a salvarla, però ormai era tardi. Ma quanto accaduto deve servire a evitare che tragedie del genere si verifichino in futuro».

PAOLO ONEDA PAOLO ONEDA VINCENZO PAOLO BENDINELLI VINCENZO PAOLO BENDINELLI

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IN RAI NON C'È CENSURA, MA RICERCA DEL PROFITTO E DELL’AUDIENCE” - FRECCERO INFILZA LUTTAZZI CHE LO HA ACCUSATO DI AVER CASSATO IL SUO PROGRAMMA SU RAI 2 NEL 2019 APPLICANDO “UNA CENSURA”: “LUTTAZZI CHIEDEVA UN COMPENSO DI BASE DI 100 MILA EURO A PUNTATA COME CONDUTTORE/AUTORE. ERA TROPPO, AL DI FUORI DELLA POSSIBILITÀ DELLA RETE. OGGI IL PROBLEMA PRINCIPALE DELLA RAI È QUELLO DI QUALSIASI AZIENDA CHE DEVE ESSERE PRODUTTIVA. PUÒ PAGARE COMPENSI ELEVATI SOLO IN PRESENZA DI UN RITORNO ECONOMICO” – E SULLA LINEA EDITORIALE…

politica

“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute