MEJO DI “FAUDA”! L’IMPRESSIONANTE VIDEO DELL'OPERAZIONE DI SALVATAGGIO DEGLI OSTAGGI ISRAELIANI - I BLUFF, L’AIUTO DEGLI AMERICANI, L’ATTACCO DI GIORNO, GLI SPARI E LE PAROLE DEL SOLDATO A NOA ARGAMANI: TUTTI I RETROSCENA DEL BLITZ – IL PRECEDENTE DELL’OPERAZIONE ENTEBBE, LA MITOLOGICA MISSIONE DI SALVATAGGIO CHE NEL 1976 RIPORTÒ A CASA I PASSEGGERI DI UN VOLO AIR FRANCE DIROTTATO IN UGANDA DAI TERRORISTI DELL’OLP. LA STESSA IN CUI YONI NETANYAHU, FRATELLO DI “BIBI”, PERSE LA VITA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Da dariodangelo.it - Estratti

 

LIBERAZIONE DEGLI OSTAGGI A GAZA - 1 LIBERAZIONE DEGLI OSTAGGI A GAZA - 1

“Semi d’Estate“: è così che i vertici militari hanno voluto ribattezzare l’operazione di salvataggio di Noa Argamani, Andrey Kozlov, Shlomi Ziv e Almog Meir, dal 7 ottobre ostaggi di Hamas.

 

Ma è soltanto il sorriso sui loro volti, la certezza che stiano “bene“, come “bene” si può stare dopo un incubo di tale portata, a confermare che la semina dello Stato Ebraico, almeno questa, ha infine portato i suoi frutti.

 

Merito delle forze speciali israeliane, impiegate a centinaia nell’operazione, eppure per la stragrande maggioranza tenute fino all’ultimo momento utile all’oscuro del reale obiettivo della missione, nella speranza di ridurre al minimo l’eventualità di fughe di notizie capaci di mettere a rischio l’impresa.

 

Ma pure con gli occhi bendati dalla coltre di segretezza, i soldati israeliani hanno presto compreso l’importanza della posta in palio.

 

liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 4 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 4

Troppo scrupolosa la preparazione per pensare a un obiettivo minore. Settimane di addestramento trascorse replicando in dettaglio lo scenario che sarebbero stati chiamati ad affrontare, esercitandosi nelle possibili risposte da opporre a un nemico che, avendone l’occasione, avrebbe sparato per uccidere.

 

E non è un caso che nei modelli riprodotti dallo Yamam, l’unità antiterrorismo d’elite israeliana, i dirigenti della sicurezza abbiano rinvenuto la stessa meticolosità caratteristica dell’Operazione Entebbe, la mitologica missione di salvataggio che nel 1976 riportò a casa i passeggeri di un volo Air France dirottato in Uganda dai terroristi dell’Olp. La stessa in cui Yoni Netanyahu, fratello di questo primo ministro, perse la vita…

 

I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE DI SALVATAGGIO DEGLI OSTAGGI

Da moked.it

LIBERAZIONE DEGLI OSTAGGI A GAZA LIBERAZIONE DEGLI OSTAGGI A GAZA

L’operazione di salvataggio di Louis Har e Fernando Marman a Rafah, nel sud di Gaza, è durata circa un’ora.

 

Da settimane l’intelligence israeliana aveva in mano le informazioni su dove fossero imprigionati i due ostaggi: al secondo piano di un edificio nel cuore di Rafah. Ma per poter agire nella città, non coinvolta nell’operazione via terra, serviva aspettare il momento propizio. Il via libera è arrivato nelle scorse 24 ore.

 

L’operazione condotta congiuntamente dall’unità antiterrorismo della polizia, Yamam, dall’agenzia d’intelligence Shin Bet e dall’esercito è iniziata con gli attacchi aerei contro il battaglione locale di Hamas “Shabora”.

 

liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 7 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 7

Un diversivo per permettere alle forze speciali di entrare a Rafah e posizionarsi sotto l’edificio dov’erano detenuti Har e Marman. All’1.49 è iniziata l’irruzione. Con dell’esplosivo gli agenti israeliani si sono aperti la strada e sono saliti al secondo piano. I terroristi-carcerieri erano tre e sono stati eliminati subito.

 

Gli agenti “hanno abbracciato e protetto Louis e Fernando con i loro corpi”, ha raccontato il portavoce dell’esercito Daniel Hagari. I due uomini sono stati portati fuori con l’unità di commando Shayetet 13 della Marina e la 7a Brigata corazzata a fornire copertura per l’estrazione.

 

liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 2 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 2

Dagli edifici vicini gli uomini di Hamas hanno iniziato a sparare e si è sviluppato un prolungato scontro a fuoco. “Diversi terroristi sono stati eliminati questa sera”, ha spiegato Hagari, mentre nessun soldato israeliano ha riportato ferite. Con lo scontro in corso, un mezzo blindato è riuscito a trasportare Har e Marman fuori Rafah. Un veicolo di Hamas ha provato un inseguimento, ma è stato eliminato dai caccia israeliani. “È stata una notte molto tesa e molto toccante.

 

Un’operazione del genere è stata possibile grazie al grande sacrificio dell’esercito e delle truppe di riserva cadute e ferite nelle battaglie” di questi mesi, ha sottolineato Hagar. “Senza il loro sacrificio non saremmo arrivati a questo momento”, ha concluso il portavoce militare.

 

Questa è la seconda operazione di salvataggio andata a buon fine dall’inizio della guerra, 129 giorni fa. La precedente missione, a metà ottobre, aveva portato alla liberazione di Ori Megidish, una soldatessa rapita dalla base militare di Nahal Oz.

liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 6 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 6

 

Secondo l’analista militare di ynet, Ron Ben Yishai, il successo della missione a Rafah potrà avere “un forte impatto sulla condotta di Hamas nei negoziati in corso”. Potrebbe portare il gruppo terroristico a maggiori aperture per un’intesa sul cessate il fuoco in cambio della liberazione degli ostaggi. Sono 134 i rapiti ancora in mano ai terroristi. Almeno 31, secondo le informazioni dell’esercito, non sono più in vita.

liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 3 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 3 ostaggi israeliani salvati a gaza ostaggi israeliani salvati a gaza liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 1 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 1 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 5 liberazione degli ostaggi israeliani a gaza 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE