IL #METOO DELLA MODA - GERARD MARIE, PER TRE DECENNI UNO DEGLI UOMINI PIU' IMPORTANTI DELL'INDUSTRIA FASHION, EX DIRETTORE EUROPEO DELL'ELITE MODEL MANAGEMENT, EX SPOSO DI LINDA EVANGELISTA, E' STATO ACCUSATO DA ALMENO 24 DONNE DI STUPRO E ABUSI SESSUALI - CARLA BRUNI, HELENA CHRISTENSEN E PAULINA PORIZKOVA: "ALLE GIOVANI MODELLE È STATO INSEGNATO A CONSIDERARE LE MOLESTIE SESSUALI COME UN COMPLIMENTO"...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione da Dnyuz

 

gerard marie gerard marie

Alla vigilia del mese della moda, sei donne, tutte ex modelle, sono arrivate a Parigi da tutto il mondo, non per sfilare sulle passerelle, ma per essere intervistate dall'unità di protezione dell'infanzia della polizia parigina.

 

Le loro testimonianze, che saranno ascoltate il 7 settembre, includono accuse di stupro e cattiva condotta sessuale contro Gérald Marie, che per tre decenni è stato uno degli uomini più potenti dell'industria della moda.

 

Ex direttore europeo dell'Elite Model Management, un matrimonio finito con Linda Evangelista e una casa a Ibiza, il signor Marie ha a lungo negato le accuse che sono montate contro di lui nel corso degli anni da almeno 24 donne.

 

Ora, tuttavia, un anno dopo che i pubblici ministeri in Francia hanno aperto un'indagine sui presunti incidenti, che si dice siano avvenuti negli anni '80 e '90, è emerso un coro di voci nuove e di alto profilo per sostenere gli accusatori del signor Marie - e chiedere una regolamentazione del lavoro più solida per proteggere modelli giovani e spesso vulnerabili che vivono lontano da casa e da qualsiasi supervisione.

 

carre otis carre otis

«Basta, sto con Carré e gli altri sopravvissuti di Gérald Marie mentre vengono a Parigi per testimoniare contro il loro aggressore», ha detto Carla Bruni, una delle modelle più famose degli anni '90 ed ex first lady di Francia. Si riferiva a Carré Sutton, un'ex top model americana che guida il gruppo di donne che testimonieranno a Parigi.

 

«Nessuna industria è immune dagli abusi sessuali», ha continuato la signora Bruni. «C'è così tanto lavoro da fare in Francia e nel mondo per garantire che le donne siano protette dalla violenza sessuale sul lavoro».

 

Helena Christensen ha detto di essere stata con queste «donne coraggiose fino in fondo». Paulina Porizkova ha aggiunto che nei primi giorni della sua carriera, alle giovani modelle è stato insegnato a considerare «le molestie sessuali come un complimento».

 

«Come modelle, non siamo stati pagate per il nostro talento», ha detto Porizkova. «Noi affittavamo il nostro corpo e il nostro viso. Il tuo corpo non era tuo». Ha applaudito le donne che avevano viaggiato a Parigi e che avrebbero, ha detto, «rivissuto alcuni ricordi dolorosi per difendere un'industria migliore e le donne che non sono state in grado di farsi avanti».

 

carla bruni carla bruni

Paulina Porizkova Paulina Porizkova

La signora Bruni, la signora Christensen e la signora Porizkova hanno deciso di parlare su sollecitazione della Model Alliance, un gruppo senza scopo di lucro che difende i lavoratori della moda. L'organizzazione ha offerto risorse agli accusatori del signor Marie, inclusi incontri settimanali di Zoom in cui le donne hanno avuto accesso a consulenza legale.

 

Il gruppo ha inoltre esercitato pressioni sull'industria affinché segua il suo programma RESPECT, una serie di standard completi e legalmente vincolanti sviluppati con il contributo di oltre 100 modelli per disciplinare il comportamento, i diritti, il pagamento e il ricorso, nonché un elenco dettagliato di conseguenze e processi nei casi di violazioni. Finora, tuttavia, le richieste ai conglomerati dell'industria della moda e ai boss di iscriversi – incluso l'attuale amministratore delegato dell'Elite World Group Julia Haart – sono andate a vuoto.

 

helena christensen 5 helena christensen 5

«Miriamo a chiedere giustizia per i sopravvissuti, ma vogliamo anche un'industria della moda più sicura ed equa con una reale responsabilità», ha affermato Sara Ziff, fondatrice e direttrice esecutiva di Model Alliance.

 

La signora Ziff ha anche lavorato a stretto contatto con la signora Sutton quando ha intentato una causa a New York il mese scorso ai sensi del Child Victims Act dello stato, che consente agli accusatori di abusi sessuali di intentare azioni legali contro i loro presunti aggressori, indipendentemente da quando si sono verificati gli incidenti segnalati.

 

Paulina Porizkova Paulina Porizkova

«Nonostante i movimenti #MeToo e #TimesUp, l'industria della moda è in gran parte sfuggita a qualsiasi serio controllo che costringa le persone in posizioni di potere a cambiare il modo in cui fanno affari», ha detto la signora Ziff.

 

«Potrebbero esserci state cause legali e accordi e, a volte, regolamentazioni volontarie, ma non abbiamo ancora visto cambiamenti strutturali significativi che possano far rispettare legalmente gli standard e ritenere responsabili i cattivi attori o le istituzioni».

 

Alle sue parole ha fatto eco la modella Karen Elson, che ha lanciato appelli per riformare il sistema delle agenzie abbandonandolo pubblicamente e rappresentandosi da sola dal 2017, e che ha esortato le aziende ad aderire al programma RESPECT. Così come l'attrice e modella Milla Jovovich, la cui figlia, Ever Anderson, 13 anni, sta intraprendendo una carriera simile a quella di sua madre.

 

milla jovovich 3 milla jovovich 3

«Non ho mai subito gli abusi di cui molti altri hanno parlato», ha detto la signora Jovovich. «Come modella e madre con una figlia in arrivo in questo settore, ho visto come le istituzioni e i facilitatori proteggano gli autori di abusi e li isolino dalle conseguenze delle loro azioni. Quell'abuso è durato abbastanza a lungo».

 

In Francia, ci sono state critiche alle autorità di polizia locali per la gestione delle indagini sulle aggressioni sessuali che coinvolgono minori dopo che diversi casi di alto profilo non sono stati perseguiti. La signora Sutton, un tempo volto di Calvin Klein e Guess, che ha sfilato con il nome di Carré Otis, ha detto che spera che la sua causa a New York e le testimonianze di alcuni degli accusatori del signor Marie a Parigi questa settimana incoraggino altre vittime a venire avanti e aprire la porta a ulteriori indagini penali.

 

milla jovovich fotografata da herb ritts nel 1988 milla jovovich fotografata da herb ritts nel 1988

«Carré è stata violentata e trafficata da adolescente 30 anni fa, e so che abusi simili si verificano ancora oggi nel settore perché riceviamo notizie dai modelli attuali tramite la nostra linea di assistenza», ha detto la signora Ziff.

 

«Si tratta dell'industria della moda, ma potrebbe anche avere implicazioni più ampie sul modo in cui pensiamo al lavoro delle donne. Se non possiamo ottenere protezioni contro il traffico sessuale di minori per alcune delle donne più privilegiate e visibili al mondo, allora più in generale che cosa potremmo fare?»

paulina porizkova, ren??e simonsen, carol alt, nancy de weir & joan severance, paulina porizkova, ren??e simonsen, carol alt, nancy de weir & joan severance, helena christensen 39 helena christensen 39 helena christensen 35 helena christensen 35 la top model carla bruni la top model carla bruni Giorgio Armani Milla Jovovich Giorgio Armani Milla Jovovich helena christensen 8 helena christensen 8

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

cronache

“TI AMA UN UOMO CHE ARRIVA A SPUTARTI ADDOSSO?” – UNA 48ENNE FUNZIONARIA DEL COMUNE DI CHIARAVALLE, IN PROVINCIA DI ANCONA, HA DENUNCIATO IL SINDACO E SUO EX DAMIANO COSTANTINI, 51 ANNI, ORA ACCUSATO DI STALKING - QUANDO LEI LO HA LASCIATO LUI AVREBBE INIZIATO A INSULTARLA, SEGUENDOLA IN MACCHINA E MANDOLE SMS PIENI DI MINACCE: “COME TI HO FATTA ARRIVARE ALLE STELLE TI PORTERÒ ALLE STALLE. DEVI TUTTO A ME, TE LA FARÒ PAGARE” – MA LUI NEGA TUTTO E ORA SI VOLATILIZZATO…

sport

cafonal

viaggi

salute