METTI LA SALMA NEL FREEZER – IN UN PAESINO DELLA SVIZZERA È POSSIBILE FARSI IBERNARE, DOPO LA MORTE, IN ATTESA CHE VENGA SCOPERTO UN MODO PER RESUSCITARE – IL COSTO PER ESSERE SURGELATI A -196 GRADI? 200 MILA EURO! - IL DOTTOR EMIL KENDZIORRA, CAPO DELLA START-UP CHE SI OCCUPA DI CRIOCONSERVARE I CADAVERI, NON ASSICURA IL RISVEGLIO - NEL MONDO CI SONO 400 PERSONE CHE SI SONO FATTE SURGELARE SOTTOZERO, TRA CUI 15 SONO ITALIANE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Franco Zantonelli per “La Repubblica”

 

criogenesi ibernazione criogenesi ibernazione

In uno stabile bianco squadrato, simile a una villetta in cemento armato di nuova costruzione, si trovano attualmente almeno quattro salme, in attesa di un'ipotetica resurrezione. Siamo a Rafz, villaggio svizzero di circa 4.000 abitanti del Canton Zurigo, scelto da un medico tedesco, il dottor Emil Kendziorra, per portare a termine un esperimento, quello della criogenizzazione che - come riferisce il tabloid di Berlino Bild Zeitung - ha deciso di sperimentare, attraverso una start-up.

 

La scelta è caduta sul comune svizzero anche per alcune sue peculiarità congeniali al progetto del medico tedesco: criminalità praticamente inesistente e rischi di catastrofi naturali, quali terremoti o alluvioni, vicini allo zero.

crioconservazione 5 crioconservazione 5

 

L'esperimento consente la conservazione dei tessuti biologici - l'intero corpo umano o alcune sue parti - qualora vengano ibernati a temperature bassissime. Oggi come oggi, nel mondo, risultano esserci 377 corpi umani criopreservati, tra cui 15 italiani. Senza alcuna garanzia di risveglio. Perché sia possibile essere rianimati, le prospettive più rosee indicano sarà possibile tra almeno 2-300 anni. E, particolare non da poco, non si sa in che condizioni.

 

Il fenomeno, però, a quanto pare presenta notevoli potenzialità di crescita. In sostanza c'è l'impressione che in molti questa valle di lacrime siano disposti ad abbandonarla, ma solo temporaneamente, accettando di attendere tempi molto lunghi per poterci ritornare. Ecco perché il medico tedesco, cha ha deciso di buttarsi in un'avventura che promette lauti guadagni, difficilmente potrà vedere i risultati del suo esperimento.

 

 

CRIOCAMERA CRIOCAMERA

[…] Quello che è certo è che la […] start-up, battezzata "Tomorrow Biostasis", è sommersa da centinaia di richieste di gente che si vuole sottoporre alla criogenizzazione. Finora si sono iscritti in 400, provenienti da 80 città europee, pagando una quota d'ingresso nell'associazione di 25 euro mensili.

 

Che però diventano duecentomila al momento di farsi ibernare, con un procedimento che nel mondo - anche se per ora limitatamente agli Stati Uniti e alla Cina - viene già praticato. Grazie alla start-up berlinese Emil Kendziorra ha scoperto che anche in Europa non mancano gli irriducibili che non si rassegnano alla prospettiva del sonno eterno, ma sono disposti a cacciar fuori una somma notevole sperando nel risveglio, magari tra qualche secolo, in un mondo che non possono sapere se sarà di loro gradimento.

 

Fatto sta che chi si rivolge alla "Tomorrow Biostasis" si affida a un'equipe medica specializzata nelle "operazioni conservative", vale a dire al "sonno freddo". Il corpo viene conservato a una temperatura di 196 gradi sottozero, ottenuta grazie all'impiego dell'azoto liquido, e trasferito, tramite speciali ambulanze, in un magazzino. Ovvero nell'edificio realizzato a Rafz.

 

crioconservazione crioconservazione

Dopo aver sollecitato le persone interessate a sganciare la quota di iscrizione, il dottor Kendziorra le mette in guardia dalle facili illusioni. Sul sito di "Tomorrow Biostasis" si legge, infatti, che «sebbene la ricerca medica sia in costante progresso, attualmente non è ancora possibile rianimare un essere umano dopo che è stato criopreservato». Insomma, campa cavallo. Anche perché, sempre citando dal sito della start-up berlinese, «non è possibile sapere se e quando sarà possibile». […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA