MOLESTIE IN OSPEDALE O COMPLOTTO CONTRO IL “DOC”? – I DETTAGLI DELLE ACCUSE AL PRIMARIO DEL POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA, INDAGATO CON L’IPOTESI DI VIOLENZA SESSUALE AGGRAVATA DALL’ABUSO DI AUTORITÀ: 11 SPECIALIZZANDE SOSTENGONO DI AVER SUBITO PALPEGGIAMENTI, FRASI E CONTATTI FISICI “INAPPROPRIATI”, DURANTE LE VISITE DI GRUPPO AI PAZIENTI TRA IL 2019 E IL 2020, IN PIENO PERIODO COVID, QUANDO IL PROF DOVEVA SPIEGARE LE MODALITÀ D’INTERVENTO MEDICO – IL PRIMARIO SI DICHIARA INNOCENTE E IPOTIZZA UNA “MACCHINAZIONE” AI SUOI DANNI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Galli per il “Corriere della Sera”

 

Policlinico San Matteo di Pavia Policlinico San Matteo di Pavia

Qui all’ospedale San Matteo il professore non c’è, come riferiscono i collaboratori. Tornerà al lavoro domani: la sua è un’assenza per motivi privati, pianificata da tempo, nessuna fuga misteriosa e spaventata in coincidenza con l’eco mediatica di queste ore.

 

Perché lui, un primario di fama, lunga carriera e molteplici pubblicazioni scientifiche con apprezzamenti in Italia e soprattutto all’estero, si è da subito dichiarato innocente rispetto all’inchiesta della Procura di Pavia che l’ha indagato con l’ipotesi di violenza sessuale aggravata dall’abuso di autorità, come scoperto e raccontato dai colleghi del quotidiano la Provincia pavese […]

 

MEDICI MEDICI

Contro il medico gravano i racconti (soltanto una ha presentato formale denuncia) di 11 ragazze del corso 2019-2020 della scuola di specialità su presunte molestie anche durante le visite (calzari, tuta, guanti, mascherina, visiera) ai pazienti Covid intubati, quando il professore, in quei mesi drammatici che vedevano il San Matteo fra le strutture più esposte nella gestione della pandemia, illustrava alle studentesse, una ventina, le manovre d’intervento sui malati.

 

MEDICI MEDICI

Non risultano addebiti di abusi – attraverso contatti fisici, frasi pronunciate nei corridoi e nelle aule, email, messaggi, telefonate incluse quelle al di fuori degli orari delle lezioni – in forma privata, in incontri singoli, in momenti appartati, in stanze della struttura; al contrario abbondano, nelle testimonianze raccolte dai carabinieri dopo che quelle 11 ragazze avevano contestato l’operato del medico in un questionario anonimo per valutare l’esperienza in ospedale, versioni riferite non in quanto vissute in prima persona bensì apprese dalle compagne.

 

Le contro indagini investigative dei legali del docente, che nell’immediata fase iniziale si era dimesso dall’incarico, potrebbero puntare ad accertare un’eventuale trappola risalendo a chi, nel caso, l’abbia ordita.

 

policlinico San Matteo di Pavia policlinico San Matteo di Pavia

[…]  Si aggiunga che il corso era stato creato in collaborazione con l’università di Pavia, un cui approfondimento non aveva ravvisato anomalie nell’agire del medico, senza però che l’ateneo, come estrema tutela e scelta da prassi, decidesse comunque d’informare i magistrati.

 

Al netto di alcune reticenze e ripensamenti, i carabinieri hanno ascoltato le ex studentesse cercando una coincidenza nelle narrazioni. Gli scenari hanno portato a situazioni in cui il primario toccava parti del corpo quali braccia, schiena e torace delle specializzande per illustrare, come abbiamo detto, le modalità d’intervento medico, e insieme per rappresentare le parti d’un paziente coinvolte da determinate patologie.

 

COVID - CURE IN OSPEDALE COVID - CURE IN OSPEDALE

Fra le specializzande vi sono state chat con oggetto le ipotetiche molestie, e stando agli inquirenti la messaggistica avrebbe ogni volta avuto, come punto di partenza, i numeri di cellulare delle stesse identiche donne. Un gruppo assai ridotto dunque, non si esclude composto da figure che potessero nutrire rancori contro il docente, il quale rintracciato dal Corriere non ha voluto parlare e che al San Matteo ricopre l’uguale ruolo che aveva nel 2019-2020.

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”

“QUELLA E' LA TU REGAZZA, O TE C'HANNO VOMMITATO ACCANTO?” – “TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA'' - ''SI' TE 'O METTO 'N SPALLA, ALTRO CHE VIA CRUCIS’’ - ‘’ERA COSI' ARRAPATA CHE JO' DOVUTO STRIZZA' LE MUTANDINE – ‘’C'HAI DU' CORNA CHE SE VAI A VEDE 'NA PARTITA DE RAGBI TE FANNO META SUR CRANIO’’ – ‘’OGNI BUCO E' BONO; PURE QUELLO D'OZONO’’ - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON ''GIORGIA, LA REGINA DI COATTONIA'' – ULTIMA PARTE: APPREZZAMENTI A SFONDO SESSUALE... - VIDEO

‘’TE PIJO A PISELLATE SU'E GENGIVE’’ – ‘’M'HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO’’ – ‘’TE STRAPPO LE BUDELLA E TE CE 'MPICCO’’ – ‘’’SÒNA 'N MEZZO ALLE COSCE DE TU' MOJE CHE CE STA PIU' TRAFFICO’’ – ‘’SI' TE SGRULLO TE FACCIO CASCA' TUTTI LI TATUAGGI’’ – “- A' COMETECHIAMI” - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON LA REGINA DI COATTONIA, ALIAS GIORGIA MELONI – SECONDA PARTE: MINACCE E INSULTI - VIDEO