LA MORTE DI RAISI È IL DETONATORE PER IL NUCLEARE IRANIANO? –TEHERAN HA ARRICCHITO URANIO A MANETTA MA NON HA MAI COSTRUITO UNA BOMBA. È UNA STRATEGIA DI KHAMENEI, CHE PENSA DI AVERE PIÙ DA GUADAGNARE A RIMANERE NEL TRATTATO DI NON PROLIFERAZIONE. MA CON LA SCOMPARSA DEL PRESIDENTE E LA LOTTA ALLA SUCCESSIONE ALLA GUIDA SUPREMA, POTREBBE CAMBIARE TUTTO – LA LEZIONE DI GHEDDAFI E LE COLPE AMERICANE: NEGLI ANNI DUEMILA, TEHERAN AVEVA POCHE STRUTTURE ANTIQUATE. POI…

-

Condividi questo articolo


John Ghazvinian* per il “New York Times”

*direttore esecutivo del Centro per il Medio Oriente dell'Università della Pennsylvania

 

John Ghazvinian John Ghazvinian

L'incertezza che ha portato alla morte del presidente iraniano, Ebrahim Raisi, in un incidente in elicottero, poche settimane dopo uno scambio di attacchi militari senza precedenti con Israele, ha portato alla mente una domanda agghiacciante: Il 2024 sarà l'anno in cui l'Iran deciderà di non poter correre rischi sulla propria sicurezza e costruirà una bomba nucleare?

 

Finora, per ragioni spesso discusse dagli esperti, l'Iran non ha mai preso la decisione di costruire un'arma nucleare, pur disponendo, per quanto ne sappiamo, della maggior parte delle risorse e delle capacità necessarie per farlo. Ma la morte di Raisi ha creato un'opportunità per gli integralisti del Paese, che sono molto meno allergici all'idea del nucleare di quanto non lo sia stato il regime per decenni.

 

Ebrahim Raisi Ebrahim Raisi

Anche prima della morte di Raisi, vi erano indicazioni che la posizione dell'Iran potesse iniziare a cambiare. Il recente scambio di ostilità con Israele, un Paese con un arsenale nucleare non dichiarato ma ampiamente riconosciuto, ha provocato un cambiamento di tono a Teheran.

 

"Non abbiamo deciso di costruire una bomba nucleare, ma se l'esistenza dell'Iran dovesse essere minacciata, non ci sarà altra scelta che cambiare la nostra dottrina militare", ha dichiarato il 9 maggio Kamal Kharrazi, uno dei principali consiglieri della Guida suprema iraniana.

 

ALI KHAMENEI IN PREGHIERA PER LA FINE DEL RAMADAN ALI KHAMENEI IN PREGHIERA PER LA FINE DEL RAMADAN

Ad aprile, un alto esponente iraniano, ex comandante militare, aveva avvertito che l'Iran avrebbe potuto arricchire l'uranio fino alla soglia di purezza del 90% necessaria per una bomba in "mezza giornata, o diciamo, una settimana". Ha citato la Guida suprema, l'ayatollah Ali Khamenei, dicendo che il regime "risponderà alle minacce allo stesso livello", sottintendendo che gli attacchi israeliani alle strutture nucleari iraniane causerebbero un ripensamento della posizione nucleare dell'Iran.

 

MEME SULLA MORTE DI EBRAHIM RAISI MEME SULLA MORTE DI EBRAHIM RAISI

Il rapporto dell'Iran con la tecnologia nucleare è sempre stato ambiguo, persino ambivalente. Sia durante il regime dello scià filo-occidentale Mohammed Reza Pahlavi negli anni Sessanta e Settanta, sia durante la Repubblica islamica antiamericana che detiene il potere dal 1979, l'Iran ha costretto le potenze straniere a preoccuparsi delle sue intenzioni nucleari.

 

Ma non ha mai preso la decisione di varcare completamente la soglia dell'armamento. Le ragioni sono molteplici e vanno dalle riserve religiose sulla moralità delle armi nucleari all'adesione dell'Iran al Trattato globale di non proliferazione delle armi nucleari (TNP). Ma la ragione più importante è stata strategica.

 

ali khamenei ali khamenei

Storicamente, i leader iraniani hanno più volte concluso di avere più da guadagnare "giocare secondo le regole" dell'ordine internazionale di non proliferazione che a procedere con la costruzione della bomba. Per farlo, dovrebbero prima ritirarsi dal trattato di non proliferazione, il che segnalerebbe immediatamente le loro intenzioni al mondo e potrebbe invitare l'intervento militare americano.

 

Allo stesso tempo, il governo rivoluzionario è stato riluttante a cedere alle richieste occidentali e a smantellare del tutto il programma, perché ciò dimostrerebbe un altro tipo di debolezza. I leader iraniani sono senza dubbio consapevoli dell'esempio della Libia di Muammar Gheddafi, che nel 2003 ha accettato di abbandonare il programma nucleare del suo Paese, per poi ritrovarsi rovesciato otto anni dopo a seguito dell'intervento militare di una coalizione guidata dalla NATO.

 

ebrahim raisi ebrahim raisi

Questa strategia ha funzionato bene per la Repubblica islamica - fino ad ora. Due decenni di politica nucleare disfunzionale degli Stati Uniti nei confronti dell'Iran hanno creato una dinamica pericolosa, in cui l'Iran arricchisce più uranio di quanto potrebbe fare altrimenti, sia come posizione difensiva che come tattica negoziale, e gradualmente si avvicina alla capacità di produrre un'arma che potrebbe anche non volere veramente.

 

Quando la disputa nucleare tra Stati Uniti e Iran è emersa all'inizio degli anni Duemila, l'Iran aveva solo 164 centrifughe antiquate e poca voglia di realizzare un programma di armi. Ma l'insistenza irrealistica dell'amministrazione Bush affinché l'Iran accettasse l'"arricchimento zero" ha trasformato la questione in una questione di orgoglio nazionale.

Durante gli anni in cui l'amministrazione Obama ha negoziato con l'Iran, il regime ha continuato ad arricchire l'uranio e ad aumentare le sue scorte, in parte come copertura contro future concessioni. Naturalmente, il ritiro del Presidente Donald Trump dall'accordo nucleare nel 2018 e la successiva campagna di massima pressione non hanno fatto altro che aumentare lo sprezzo dell'Iran.

 

LA MORTE DI EBRAHIM RAISI - VIGNETTA DI ELLEKAPPA LA MORTE DI EBRAHIM RAISI - VIGNETTA DI ELLEKAPPA

Oggi l'Iran dispone di migliaia di centrifughe avanzate e di un'ampia riserva di uranio arricchito. Questo, a sua volta, ha spinto alcuni ambienti interni all'Iran ad adottare l'argomentazione "tanto vale" per l'armamento nucleare. Se siamo già arrivati a questo punto, si dice, allora perché non puntare alla bomba?

 

Sotto l'Ayatollah Khamenei, l'Iran è rimasto irremovibile nel ritenere che sia meglio dimostrare al mondo la sua volontà di rimanere all'interno del trattato di non proliferazione.

 

Ma negli ultimi anni, con l'accumularsi delle sanzioni occidentali e lo strangolamento dell'economia iraniana, i sostenitori della linea dura hanno occasionalmente suggerito che il Paese non ha guadagnato nulla da questa posizione e che sarebbe meglio seguire il "modello Corea del Nord", ovvero uscire dal trattato di non proliferazione e costruire una bomba come ha fatto la Corea del Nord nel 2003.

mahmud ahmadinejad mahmud ahmadinejad

 

Finora queste voci sono state rapidamente emarginate, poiché è chiaro che la Guida suprema non condivide questo sentimento. Una fatwa, o sentenza religiosa, emessa all'inizio del 2000 dall'ayatollah Khamenei ha dichiarato che le armi nucleari sono "proibite dall'Islam" e ha decretato che "la Repubblica Islamica dell'Iran non acquisirà mai queste armi".

 

La morte di Raisi ha cambiato rapidamente e drammaticamente il panorama. Un regime che aveva già iniziato a scivolare verso il militarismo e il dominio del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (I.R.G.C.) ora rischia di passare più saldamente in questo campo. Alcuni membri dell'I.R.G.C. considerano la fatwa obsoleta: Un ex funzionario di alto livello del regime mi ha detto di recente che i vertici del corpo "non vedono l'ora" di revocare la fatwa - e molto probabilmente lo faranno alla prima occasione.

 

meme sulla morte di ebrahim raisi 2 meme sulla morte di ebrahim raisi 2

Indipendentemente da chi vincerà le elezioni presidenziali lampo che dovranno tenersi entro l'inizio di luglio, la battaglia finale per la successione sarà per il ruolo di leader supremo e l'IRGC giocherà probabilmente un ruolo decisivo nella transizione. Il defunto presidente era considerato il favorito per la successione all'ayatollah 85enne. Ora, oltre al figlio dell'ayatollah Khamenei, ci sono pochi contendenti forti. Chiunque prevalga, probabilmente farà molto affidamento sull'IRGC per la sua legittimità.

 

Storicamente, l'Iran ha ritenuto che una strategia di copertura nucleare fosse la sua migliore difesa contro le aggressioni e le invasioni esterne. E Teheran potrebbe continuare a calcolare che la corsa alla bomba non farebbe altro che invitare a una maggiore ostilità, anche da parte degli Stati Uniti.

iraniani pregano per ebrahim raisi iraniani pregano per ebrahim raisi

 

D'altra parte, una Washington sempre più distratta e imprevedibile potrebbe non essere in grado di reagire con forza contro un'improvvisa e rapida corsa iraniana alla bomba, soprattutto se l'Iran sceglierà il suo momento con saggezza.

 

Tra la guerra a Gaza, un possibile cambio di leadership americana e un vuoto di potere interno in cui potrebbe inserirsi l'IRGC, non è difficile immaginare una breve finestra in cui l'Iran potrebbe tirare fuori le armi e sorprendere il mondo testando un dispositivo nucleare.

mojtaba khamenei mojtaba khamenei

 

Scommetterei la casa su questo scenario? Forse no. Ma dal punto di vista di uno storico, la possibilità di una corsa iraniana alla bomba non è mai stata così reale come oggi.

AHMADINEJAD AHMADINEJAD ALI KHAMENEI hassan rouhani ALI KHAMENEI hassan rouhani

funerale di ebrahim raisi 3 funerale di ebrahim raisi 3

ebrahim raisi in elicottero ebrahim raisi in elicottero festeggiamenti per la morte di ebrahim raisi 2 festeggiamenti per la morte di ebrahim raisi 2

funerale di ebrahim raisi 5 funerale di ebrahim raisi 5

Il corpo di Ebrahim Raisi Il corpo di Ebrahim Raisi iraniani pregano per ebrahim raisi iraniani pregano per ebrahim raisi meme sulla morte di ebrahim raisi 1 meme sulla morte di ebrahim raisi 1 LA STRUTTURA DEL REGIME IRANIANO LA STRUTTURA DEL REGIME IRANIANO IL MINISTRO DEGLI ESTERI IRANIANO HOSSEIN AMIRABDOLLAHIAN E UN ALTRO FUNZIONARIO NELL ELICOTTERO DI RAISI IL MINISTRO DEGLI ESTERI IRANIANO HOSSEIN AMIRABDOLLAHIAN E UN ALTRO FUNZIONARIO NELL ELICOTTERO DI RAISI mojtaba khamenei 4 mojtaba khamenei 4

ali khamenei prega per raisi ali khamenei prega per raisi naim qassem ismail haniyeh naim qassem ismail haniyeh il generale bagheri bacia la bara di raisi il generale bagheri bacia la bara di raisi funerale di ebrahim raisi 4 funerale di ebrahim raisi 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ