MY GOD! DOV'E' FINITO IL PREPUZIO DI GESU'? - COME TUTTI GLI EBREI, CRISTO FU CIRCONCISO, MA DI QUEL PEZZETTINO DI PELLE SI PERSERO LE TRACCE PER 700 ANNI - RIAPPARVE IN MANO A CARLO MAGNO CHE NE FECE DONO AL PAPA - NEL MEDIOEVO SE NE CONTAVANO 12, OGGI TUTTI SCOMPARSI - L'ULTIMO FU RUBATO NEL 1983 A CALCATA, PAESINO VICINO ROMA, MA NESSUNO, NEANCHE IL VESCOVO, FECE NIENTE PER RITROVARLO...

-

Condividi questo articolo


Circoncisione Gesu - Christ Circumcised- A Study in Early Christian History and Difference Circoncisione Gesu - Christ Circumcised- A Study in Early Christian History and Difference

Dagotraduzione dal Daily Best

 

 

Nel Medioevo ogni cristiano non poteva entrare in chiesa senza ascoltare la storia delle reliquie che vi erano custodite.

 

Tutti amavano le reliquie e c'era una feroce competizione per il possesso delle spoglie di coloro che erano più vicini a Gesù. Dato che Cristo era asceso al cielo, i più vicini dovevano essere o suoi parenti o suoi seguaci, giusto? Non esattamente. C'era un pezzetto piuttosto importante del corpo di Gesù che alcuni credevano fosse rimasto sulla Terra: il suo prepuzio.

 

Gesù era ebreo. Predicò nelle sinagoghe, fu chiamato rabbino e, come altri uomini ebrei, fu circonciso otto giorni dopo la sua nascita (Luca 2:21). Niente di strano, lo impone la legge tramandata da Dio ad Abramo nella Genesi 17.

 

 

Circoncisione Gesu Circoncisione Gesu

Tuttavia, l'apostolo Paolo non chiese ai suoi seguaci di circoncidersi per unirsi al cristianesimo, al contrario. Fu così che a un certo punto «i cristiani si trovarono a dover capire come e perché (e anche se) il loro salvatore aveva questo marchio ebraico sul suo corpo», racconta Andrew Jacobs del Center for the Study of World Religions presso la Harvard Divinity School e autore di «Christ Circumcised: A Study in Early Christian History and Difference».

 

Le difficoltà sono aumentate quando i teologi cristiani hanno iniziato a sottolineare che «anche da bambino Cristo dovesse essere consapevole e avere il controllo di ciò che accadeva al suo corpo». Ma allora perché il bambino Gesù si è lasciato circoncidere?

 

 

Circoncisione Gesu - Rothenburg Circoncisione Gesu - Rothenburg

Nel Medioevo i cristiani avevano elaborato argomenti sofisticati per spiegare perché la circoncisione di Gesù non riguardava la sua ebraicità. Dissero che era stato circonciso per dimostrare che era effettivamente un essere umano; per porre fine alla legge adempiendola una volta per tutte (un'idea simile sul sacrificio si trova nell'Epistola agli Ebrei); o anche perché la sua circoncisione confermava la sua mascolinità. Il bestseller medievale «The Golden Legend» ha anche sostenuto l'idea che il giorno della circoncisione ha una funzione salvifica poiché è il giorno in cui Gesù inizia a versare sangue per l'umanità. È, dice Jacobs, «tutt'altro che una concessione alla legge ebraica!».

 

Santa Brigida Santa Brigida

Questa manovra teologica ha permesso ai cristiani di reclamare il prepuzio di Gesù come sacra reliquia. Ma c'era ancora un problema da superare: dov'era?

 

La Bibbia non ce lo dice, ma per i cristiani medievali che erano affascinati dal potere e dall'intimità delle reliquie, l'idea che un pezzo del corpo di Gesù fosse ancora sulla Terra era piena di potenziale. Racconta una storia apocrifa del secondo secolo conosciuta come il «Vangelo dell'infanzia di Tommaso», che il prepuzio (e il cordone ombelicale) fu portato via da una «vecchia ebrea» e conservato in una scatola di olio di alabastro. Secondo la tradizione è poi finito in qualche modo nella bottiglia di profumo che la donna peccatrice usava per ungere il corpo di Gesù prima della sua morte (Marco 14).

 

 

LA CIRCONCISIONE DI GESU LA CIRCONCISIONE DI GESU

Come per tutte le reliquie, il santo prepuzio iniziò a moltiplicarsi. Il primo esempio si presentò all'inizio del IX secolo quando Carlo Magno, l'imperatore del Sacro Romano Impero, ne presentò uno a papa Leone III. Secondo santa Brigida, la Vergine Maria conservò il prepuzio di Gesù in una borsa di cuoio per poi lasciarlo in eredità all'apostolo Giovanni. Languì per 700 anni prima di finire nelle mani di Carlo Magno. Nel XIII secolo era in mostra in Vaticano.

 

La reliquia di Carlo Magno non era l'unica; durante il Medioevo se ne potevano trovare, nelle chiese europee, almeno 12. Un famoso esempio include un santo prepuzio francese che fu posto nel letto matrimoniale di Enrico V d'Inghilterra e Caterina di Valois durante la loro prima notte di nozze come incantesimo di fertilità. Nel corso dei secoli, tuttavia, molti dei sacri prepuzi sono scomparsi o sono stati rubati. L'ultimo esempio noto è stato rubato da una chiesa a Calcata, in Italia, nel 1983. È interessante notare che il vescovo locale non ha tentato di recuperarlo e ha lasciato che l'intera faccenda scivolasse via. Alcuni hanno ipotizzato che lo stesso Vaticano avesse rubato la reliquia per impedire alla gente di parlare del pene di Gesù.

 

CARLO MAGNO CARLO MAGNO

In quanto reliquia, il santo prepuzio era oggetto di venerazione religiosa. La suora svedese Santa Brigida registrò una visione in cui mangiava il santo prepuzio allora millenario. Il capitolo 37 delle sue «Revelationes» descrive l'esperienza: «Ora sento sulla sua lingua una piccola membrana, come la membrana di un uovo, piena di una dolcezza sovrabbondante, e l'ho inghiottita… E ho fatto lo stesso forse centinaia di volte. Quando l'ho toccata con il dito, la membrana è andata giù per la gola».

 

Anche se questo potrebbe sembrare un po' estremo, l'accademico di Harvard Marc Shell scrive che assaggiare il prepuzio di Gesù era uno dei pochi modi per testare l'autenticità di un santo prepuzio. Mentre noi possiamno eseguire test di datazione al carbonio, i medici antichi assaggiavano la «pelle raggrinzita per determinare se fosse interamente o parzialmente pelle umana». Shell osserva che il prepuzio era solo uno dei tanti scarti di Gesù. Fecero la loro apparizione infatti il sudore del Giardino di Getsemani, i denti da latte persi, il latte materno della Vergine Maria e persino l'urina. Il monaco cistercense del XII secolo San Bernardo era famoso per aver bevuto il latte materno della Vergine.

 

Santo Prepuzio Santo Prepuzio

Molti cristiani, tuttavia, erano scettici riguardo alle affermazioni sul prepuzio di Gesù. Nel sesto secolo, Severo di Antiochia fu il primo, dice Jacobs, a sostenere quella che in seguito sarebbe diventata la visione standard: che il prepuzio è salito con Gesù alla risurrezione e ora è in cielo. Questo punto di vista non riguarda solo la protezione dell'integrità della risurrezione di Gesù, ma anche la risurrezione di tutti gli altri. I primi cristiani si preoccupavano degli effetti estetici delle persone che lasciavano pezzi di sé stessi dopo il Giorno del Giudizio. Volevano assicurarsi che arti amputati, capelli persi a causa della calvizie maschile e così via si dirigessero verso il paradiso. Lasciare pezzi di te dietro presenta un problema filosofico: «tu» sei davvero risorto se il tuo corpo - nella sua interezza - non è risorto?

 

Anche seguendo questa versione, il santo prepuzio ha suscitato più di una giusta dose di umorismo e critica. Una teoria piuttosto comica è quella del teologo Leone Allazio, secondo cui il prepuzio di Gesù lasciò la Terra per espandersi e formare una delle bande di Saturno.

Calcata Calcata

 

Nel corso del tempo, quindi, la chiesa cattolica romana si è preoccupata. Nel 1900 il Vaticano ha emesso una sentenza secondo cui chiunque si riferisse alla «vera carne sacra» poteva essere soggetto a scomunica. Durantei i 2.000 anni della sua storia, il prepuzio di Gesù è stato un detrito biologico, poi un controverso indicatore di identità, una reliquia e, infine, un sacro tabù. Il viaggio culturale di questo piccolo pezzo di pelle segna il passaggio del cristianesimo da setta ebraica a potenza socioeconomica medievale fino alla religione moderna.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute