LA NATO HA UN SUSSULTO CONTRO PUTIN. SARÀ TROPPO TARDI? – LA SVOLTA DEL SEGRETARIO GENERALE ALL’ALLEANZA ATLANTICA, JENS STOLTENBERG: “È IL MOMENTO CHE GLI ALLEATI VALUTINO DI ELIMINARE ALCUNE RESTRIZIONI SULL'USO DELLE ARMI CHE HANNO DATO ALL'UCRAINA. NEGARE A KIEV LA POSSIBILITÀ DI USARE QUESTE ARMI CONTRO OBIETTIVI MILITARI LEGITTIMI SUL TERRITORIO RUSSO RENDE MOLTO DIFFICILE PER LORO DIFENDERSI” – IL NO DI TAJANI: “LE NOSTRE ARMI DEVONO ESSERE USATE SOLO ALL’INTERNO DELL’UCRAINA”

-

Condividi questo articolo


1 - STOLTENBERG, VIA DIVIETO A KIEV CONTRO OBIETTIVI IN RUSSIA

Volodymyr Zelensky e jens Stoltenberg a Davos Volodymyr Zelensky e jens Stoltenberg a Davos

(ANSA) - Jens Stoltenberg ha invitato gli alleati della Nato che forniscono armi all'Ucraina a porre fine al divieto di usarle per colpire obiettivi militari in Russia. Lo riporta il settimanale The Economist, che ha intervistato il Segretario generale dell'Alleanza.

 

Il chiaro obiettivo di Stoltenberg, anche se mai nominato, è la politica del presidente statunitense Joe Biden - scrive l'Economist - di controllare ciò che l'Ucraina può e non può attaccare con i sistemi forniti dagli americani.

 

2 - STOLTENBERG: ALLEATI DIANO OK A ARMI PER COLPIRE RUSSIA

Estratto da www.corriere.it

 

volodymyr zelensky e jens stoltenberg al vertice nato di vilnius volodymyr zelensky e jens stoltenberg al vertice nato di vilnius

I Paesi Nato che forniscono armi all'Ucraina dovrebbero permettere alle forze armate di Kiev di utilizzarle anche per colpire obiettivi militari in Russia. Lo ha detto, in un'intervista all'Economist, il segretario generale Jens Stoltenberg. Secondo il settimanale britannico il leader dell'Alleanza si riferisce in particolare agli Stati Uniti.

 

«È il momento che gli alleati valutino di eliminare alcune delle restrizioni sull'uso delle armi che hanno dato all'Ucraina», ha detto nell'intervista, citando in particolare le battaglie in corso nella zona di Kharkiv. «Negare all'Ucraina la possibilità di usare queste armi contro obiettivi militari legittimi sul territorio russo rende molto difficile per loro difendersi», ha spiegato.

 

TAJANI: STOLTENBERG? DECISIONI DEVONO ESSERE COLLEGIALI

VOLODYMYR ZELENSKY ANTONIO TAJANI VOLODYMYR ZELENSKY ANTONIO TAJANI

«Noi siamo parte integrante della Nato ma ogni decisione deve essere presa in maniera collegiale». Così il ministro degli Esteri Antonio Tajani sulle dichiarazioni del segretario della Nato, Stoltenberg, rispetto alla possibilità che l'Ucraina possa colpire in Russia con armi dell'Alleanza. «Le scelte di Kiev sono scelte di Kiev. Noi non manderemo un militare italiano in Ucraina e gli strumenti militari mandati dall'Italia vengono usati all'interno dell'Ucraina, lavoriamo per la pace. I messaggi che arrivano dalla Russia provocano anche una guerra ibrida che si combatte, ma dobbiamo sempre lavorare per la pace e abbassare i toni». [...]

 

SALVINI CON LA MAGLIA DI PUTIN SALVINI CON LA MAGLIA DI PUTIN

3 - SALVINI, TOGLIERE DIVIETO A KIEV? NON SE NE PARLA NEMMENO ++

(ANSA) -  "L'Italia non è in guerra con nessuno e se è stato giusto aiutare militarmente l'Ucraina, allo stesso tempo non se ne parla nemmeno di togliere il divieto" a Kiev "di colpire obiettivi militari in Russia, così come ribadisco che la Lega è contraria a inviare anche un solo soldato a combattere in Ucraina. Noi vogliamo la pace non l'anticamera della terza guerra mondiale".

 

Così il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, oggi a Pisa per un'iniziativa elettorale, commentando passaggi di un'intervista del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, all'Economist. 

rishi sunak joe biden giorgia meloni jens stoltenberg volodymyr zelensky vertice nato di vilnius rishi sunak joe biden giorgia meloni jens stoltenberg volodymyr zelensky vertice nato di vilnius volodymyr zelensky e jens stoltenberg al vertice nato di vilnius 1 volodymyr zelensky e jens stoltenberg al vertice nato di vilnius 1 jens stoltenberg giorgia meloni jens stoltenberg giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE