IN  GIAPPONE LOLLOBRIGIDA E TUTTI I GAFFEUR DEL GOVERNO DUREREBBERO COME UN GATTO IN TANGENZIALE – IL GOVERNATORE DELLA PREFETTURA GIAPPONESE DI SHIZUOKA, HEITA KAWAKATSU, SI È DIMESSO DOPO LE POLEMICHE SCOPPIATE PER UN SUO SVARIONE – NEL DISCORSO DI BENVENUTO ALLE RECLUTE HA DEFINITO I NUOVI ASSUNTI "PERSONE BRILLANTI E SVEGLIE, NON COME CHI VENDE VERDURA O MUNGE LE VACCHE” – IL POLITICO 75ENNE NON È NUOVO ALLE GAFFE...

-

Condividi questo articolo


Heita Kawakatsu Heita Kawakatsu

(ANSA) - Ha comunicato le sue dimissioni il governatore della prefettura di Shizuoka, nel sud del Giappone, già recidivo, dopo essere stato travolto dall'ennesima bufera mediatica, per avere utilizzato espressioni ritenute "poco appropriate". Nel discorso di benvenuto alle reclute, in occasione dell'inizio dell'anno fiscale - che in Giappone coincide con il primo aprile, aveva definito i nuovi assunti dall'ufficio municipale "persone brillanti e sveglie", a differenza di "chi vende verdura o munge le vacche".

 

Il 75enne Heita Kawakatsu, originario di Osaka - che tra i suoi titoli accademici vanta un dottorato all'ateneo inglese di Oxford e una cattedra di Storia economica alla Università di Waseda a Tokyo, durante la sua orazione ha anche esortato i nuovi dipendenti pubblici a rimanere onesti, fare attenzione alla scelta delle parole che si usano, e in particolare modo a "essere indulgenti e rimanere fedeli alle proprie convinzioni".

 

Heita Kawakatsu Heita Kawakatsu

Da quando è diventato governatore nel 2009 Kawakatsu non è nuovo a questo tipo di gaffe, raccontano i media locali. Tre anni fa era stato contestato per aver detto che l'unica specialità presente nella città locale di Gotemba, e niente altro, era il "riso koshihikari", una qualità del cereale utilizzato per la preparazione del sushi.

 

Appena il mese scorso era stato nuovamente criticato per aver deciso di classificare le regioni adiacenti la prefettura che governa in base al loro "livello culturale".

Heita Kawakatsu Heita Kawakatsu Heita Kawakatsu Heita Kawakatsu

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)