NEANCHE L'AUTOPSIA RISOLVE IL MISTERO BOCHICCHIO – DAI PRIMI RISULTATI DELLE ANALISI SUL CADAVERE CARBONIZZATO DI MASSIMO BOCHICCHIO, IL BROKER CHE HA TRUFFATO DECINE DI VIP, LA MORTE È DOVUTA AI TRAUMI DALLO SCHIANTO CONTRO UN MURO MENTRE ERA SULLA SUA BMW LO SCORSO 19 GIUGNO – NON C’È STATO ALCUN MALORE FATALE NÉ L'UOMO È STATO ARSO VIVO DALLE FIAMME, COME AVEVANO DETTO A CALDO I TESTIMONI – PRENDE CORPO LA TESI DEL GESTO VOLONTARIO, MA SI ATTENDE LA PERIZIA SULLA MOTO…

-

Condividi questo articolo


Alessia Rabbai per www.fanpage.it

 

bochicchio bochicchio

I primi risultati dell'autopsia svolta sulla salma di Massimo Bochicchio evidenziano come sia morto per le gravi ferite e i traumi riportati a seguito del violento incidente di cui è rimasto vittima lo scorso 19 giugno, quando la sua moto Bmw si è schiantata contro il muro dell'aeroporto dell'Urbe di Roma.

 

Come riporta Il Messaggero, dai risultati autoptici finora registrati dunque è emerso che il corpo del cinquntaseienne non è stato bruciato vivo, ma che quando le fiamme lo hanno raggiunto era già deceduto. I risultati dell'autopsia dovranno aiutare gli investigatori che indagano sulla vicenda a far luce su quanto accaduto.

 

Si attendono ancora i risultati completi degli esami tossicologici, anche se al momento pare non abbia assunto sostanze stupefacenti o alcol. Terminate le verifiche il corpo riceverà il nulla osta e verrà restituito ai famigliari, per la celebrazione dei funerali.

 

Perizia sulla moto e immagini delle telecamere al vaglio

MASSIMO BOCHICCHIO MASSIMO BOCHICCHIO

Proseguono le indagini della Procura di Roma per capire cosa abbia provocato l'incidente stradale nel quale Bochicchio è rimasto coinvolto. Broker, era accusato di truffa nei confronti di decine di vip, tra le Conte, Lippi ed El Shaarawy, per una cifra pari a circa 600 milioni di euro.

 

Nel sinistro infatti non risultano coinvolti altri veicoli e non è chiaro cosa abbia portato Bochicchio a schiantarsi contro quel muro. Via Salaria in quel tratto è infatti dritta e al momento in cui si è verificato l'incidente, non avrebbe presentato buche, dossi o radici sporgenti. Il passo successivo sarà una perizia condotta sulla moto, che servirà a stabilire se si sia verificato un eventuale malfuzionamento, che gli abbia fatto eprdere il controllo alla guida.

 

MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE ARIANNA MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE ARIANNA

Al vaglio degli inquirenti anche le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza dell’aeroporto i cui filmati potrebbero aver immortalato delle scene utili a ricostruire la dinamica dell'accaduto dell'incidente in cui ha perso la vita Bochicchio.

 

Ipotesi istigazione al suicidio e malore

L'ipotesi sulla quale indaga la Procura è che quella d'istigazione al suicidio, al momento non ci sono però nomi iscritti nel registro degli indagati. Bochicchio dunque, se i sospetti degli inquirenti troveranno conferma, potrebbe essersi tolto la vita. Una seconda ipotesi vedrebbe il malore come causa che ha provocato il sinistro, ipotesi che dovrà essere smentita o confermata dal medico legale.

IL LUOGO DELL INCIDENTE IN CUI E' MORTO MASSIMO BOCHICCHIO IL LUOGO DELL INCIDENTE IN CUI E' MORTO MASSIMO BOCHICCHIO QUEL CHE RESTA DELLA MOTO DI MASSIMO BOCHICCHIO QUEL CHE RESTA DELLA MOTO DI MASSIMO BOCHICCHIO massimo bochicchio massimo bochicchio massimo bochicchio 5 massimo bochicchio 5 massimo bochicchio 1 massimo bochicchio 1 massimo bochicchio 2 massimo bochicchio 2 massimo bochicchio 4 massimo bochicchio 4 IL LUOGO DELL INCIDENTE IN CUI E' MORTO MASSIMO BOCHICCHIO IL LUOGO DELL INCIDENTE IN CUI E' MORTO MASSIMO BOCHICCHIO

 

Condividi questo articolo

media e tv

PIÙ REALITY DI COSÌ – SCOPPIA LA PROTESTA SUI SOCIAL IN SOSTEGNO DI MARCO BELLAVIA, EX CONDUTTORE DI “BIM BUM BAM”, RITIRATO DAL “GRANDE FRATELLO VIP”. NEL RPOGRAMMA AVEVA PARLATO DELLA SUA DEPRESSIONE MA, AL POSTO DI RICEVERE IL SOSTEGNO DEI COINQUILINI, È STATO BULLIZZATO E ISOLATO. PATRIZIA ROSSETTI: “SE HAI DEI PROBLEMI STAI A CASA TUA, FIGLIO MIO”. ELENOIRE FERRUZZI RINTUZZA: “QUESTO È FUORI, È PROPRIO SCEMO. VAI ALLA NEURODELIRI”. GIOVANNI CIACCI NE AVEVA CHIESTO L’ELIMINAZIONE DOPO AVER FRAINTESO UNA SUA FRASE E GEGIA… - VIDEO

politica

business

cronache

TI METTI IN TASCA IL REDDITO DI CITTADINANZA? E ALLORA NIENTE GRATTA E VINCI – LA DENUNCIA DI UN TABACCAIO DI LADISPOLI CHE SI È RIFIUTATO DI VENDERE UN GRATTA E VINCI A UN UOMO CHE SI ERA PRESENTATO NEL SUO LOCALE PRETENDENDO DI PAGARE CON LA CARTA DEL REDDITO DI CITTADINANZA. NON SOLO: IL PROPRIETARIO DEL NEGOZIO RACCONTA CHE C’È CHI VORREBBE COMPRARE SIGARETTE E CHI TENTA DI INVESTIRE I SOLDI ALLE SLOT MACHINE O AL LOTTO. “UNA SIGNORA MI HA DETTO CHE IL FUMO È UN VIZIO CHE DEVE ESSERE ESAUDITO COSÌ COME IL GIOCO…”

sport

cafonal

viaggi

salute