NON CE N'È (QUASI PIÙ) COVIDDI - SCENDE IN PICCHIATA LA CURVA DEI NUOVI POSITIVI IN ITALIA: UN CALO DRASTICO DI OLTRE IL 30% IN SOLI SETTE GIORNI - SECONDO IL MONITORAGGIO GIMBE, IN SEI SETTIMANE SONO CROLLATI DEL 60% I RICOVERI IN OSPEDALE E DEL 55% QUELLI IN TERAPIA INTENSIVA - GLI EFFETTI OTTENUTI GRAZIE ALLE RESTRIZIONI STANNO LASCIANDO GRADUALMENTE IL POSTO AI PRIMI RISULTATI DELLA CAMPAGNA VACCINALE...

-

Condividi questo articolo


terapie intensive terapie intensive

(ANSA) Scende in picchiata la curva dei nuovi casi di Covid-19 in Italia, con un calo di oltre il 30% in una sola settimana. E sempre più netta è la riduzione della pressione sulle strutture sanitarie, che riflette l'effetto dei vaccini sulle categorie più a rischio: in 6 settimane sono diminuiti del 60% i ricoveri in ospedale e del 55% quelli in terapia intensiva.

 

nino cartabellotta FONDAZIONE GIMBE nino cartabellotta FONDAZIONE GIMBE

A metterlo in luce è il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe nella settimana 12-18 maggio 2021. L'analisi mostra, rispetto alla settimana precedente, una diminuzione di nuovi casi (43.795 rispetto a 63.409, pari a - 30,9%) e dei decessi (1.215 rispetto a 1.544, pari a -21,3%). In calo anche i ricoveri con sintomi (11.539 rispetto a 14.937, pari a - 22,7%) e le terapie intensive (1.689 rispetto a 2.056, pari a -17,9%).

 

NINO CARTABELLOTTA DELLA FONDAZIONE GIMBE NINO CARTABELLOTTA DELLA FONDAZIONE GIMBE

"Continua la riduzione dei nuovi casi settimanali - dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - che dimostra come gli effetti ottenuti grazie a 6 settimane di restrizioni stiano lasciando gradualmente il posto ai primi risultati della campagna vaccinale. Si rileva tuttavia una riduzione dei tamponi (-15% di persone testate rispetto alla settimana precedente), segno di un allentamento dell'attività di testing".

 

terapie intensive terapie intensive

Tutte le Regioni confermano un trend in riduzione dei casi e sono sotto le soglie di allerta sia per l'area medica che per le terapie intensive. In particolare, nei reparti di area medica, il picco è stato raggiunto il 6 aprile quando erano 29.337 i posti letto occupati da pazienti Covid, scesi oggi a 11.539, con una riduzione del 60,7% in 6 settimane.

 

ruggero razza al centro vaccinazioni ruggero razza al centro vaccinazioni

Nelle terapie intensive, invece, il picco è stato raggiunto il 6 aprile con 3.743 posti occupati da pazienti Covid, scesi oggi a 1.689 e pari a una riduzione del 55% in 6 settimane.

vaccinazioni all'hotspot dell'allianz stadium di torino 1 vaccinazioni all'hotspot dell'allianz stadium di torino 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

DOVE VAI IN VACANZA? A GRADO! – LO STORICO DELL'ARTE LUIGI FICACCI: "PROPRIO DOVE L’ADRIATICO SI CONCLUDE IN UNA LAGUNA SI POSSONO RINTRACCIARE I CARATTERI DELLA PIÙ ELEVATA CIVILTÀ BIZANTINA, IN UN AVORIO CONSERVATO AL BRITISH MUSEUM. E’ MOLTO PROBABILE CHE NEL VII SECOLO, QUELLA TAVOLETTA VENISSE ESEGUITA E INSERITA IN UNA CATTEDRA VESCOVILE EBURNEA, DEDICATA ALL’APOSTOLO PIETRO – E POI LA CATTEDRALE DI SANT'EUFEMIA, LA BELLISSIMA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE, IL CAMPO DEI PATRIARCHI, UN ORGANISMO URBANO CHE…" - VIDEO

salute